Seguici sui Social

Il Fatto del Giorno

ROMA Musei gratis la prima domenica del mese

Pubblicato

in

Musei gratis a Roma la prima domenica del mese


Musei statali e civici gratis a Roma ogni prima domenica del mese. Nel 2020 grazie alle iniziative nazionali e locali residenti e turisti potranno entrare senza pagare in gallerie, siti archeologici e di interesse storico.

Strutture statali aperte a tutti grazie alla ‘Domenica al museo’. Iniziativa introdotta nel 2014 che prevede l’ingresso gratis nei musei e nei parchi archeologici di Roma. La novità è per i musei civici. La gratuità dei siti era riservata solo ai residenti mentre ora è anche per chi viene da tutta Italia e da ogni parte del mondo.

Questi i siti e i musei free-entry. Il Colosseo e i Fori, il Parco Archeologico di Ostia Antica e quello dell’Appia Antica, i Musei Capitolini, la Centrale Montemartini, l’Ara Pacis, i Musei di Villa Torlonia, il Museo Civico di Zoologia, la Galleria d’Arte Moderna, le Terme di Caracalla, il Pantheon, Palazzo Massimo e Palazzo Altemps, le Terme di Diocleziano, il Museo nazionale etrusco di Villa Giulia, Castel Sant’Angelo, Palazzo Venezia, il Museo Hendrik Christian Andersen.

E ancora. Il Museo Boncompagni Ludovisi per le arti decorative, il costume e la moda dei secoli XIX e XX, la Galleria Spada, il Museo e Galleria Borghese, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, i musei etnografici Luigi Pigorini e Giuseppe Tucci e quello nazionale delle arti e tradizioni popolari, il Museo delle Civiltà, il Vittoriano, la Crypta Balbi, Palazzo Barberini. Sarà aperto anche il percorso unificato dell’area archeologica Foro Romano-Palatino e Fori Imperiali. Si può accedere da largo Corrado Ricci, via Sacra, via di San Gregorio, via del Tulliano e piazza della Madonna di Loreto.

Tante le proposte anche poco fuori Roma. Si entra gratuitamente alla Villa di Orazio, Villa Adriana, Villa D’este, Terme Taurine, Necropoli della Banditaccia, Museo archeologico nazionale di Civitavecchia, Museo Giacomo Manzù, Museo delle navi romane di Nemi, Museo archeologico nazionale di Palestrina e Santuario della Fortuna Primigenia, Antiquarium e area archeologica di Lucus Feroniae a Capena, Monastero di Santa Scolastica, Monastero di San Benedetto Sacro Speco, Antiquarium di Pyrgi a Santa Marinella ed all’abbazia greca di San Nilo.

SEGUICI SU TWITTER

Pubblicità

Il Fatto del Giorno

NUOVO DECRETO SUL CORONAVIRUS – Tornano le chiusure. Sì a nuovi aiuti dal Governo

Pubblicato

in



Nuovo decreto sul Coronavirus: premier Conte spiega le misure del nuovo dpcm firmato questa notte. Ecco tutte le novità.

Conte ai microfoni della stampa: “L’analisi della curva epidemiologica segnala una rapida crescita del virus. La crescita dei contagi sta stressando le strutture sanitarie. L’indice RT di propagazione del contagio ha raggiunto la soglia critica di 1,5. Vogliamo gestire la pandemia senza rimanerne sopraffatti. Dobbiamo garantire cure a tutti i cittadini e scongiurare un nuovo lockdown generalizzato. Non possiamo permettercelo, dobbiamo fare il possibile per proteggere salute ed economia. Per questo ci saranno misure più restrittive. Bar e ristoranti chiuderanno alle 18 e poi potranno continuare con le consegne e l’asporto. Al tavolo potranno stare al massimo 4 persone salvo famiglie più numerose. Chiudono palestre, centri estetici, fiere, sale bingo, cinema e teatri. Sono sospese tutte le competizioni sportive tranne quelle autorizzate a livello nazionale. Incrementiamo la didattica a distanza arrivando almeno al 75%. Raccomandiamo lo smart working anche alle aziende private per evitare di sovraffollare i trasporti”.

GLI AIUTI

“Bisogna muoversi solo per lavoro, studio, necessità e urgenza. Ci sono fasce di popolazione più colpite che non possono contare su un’entrata fissa: ristoratori, titolari di palestre, cinema e teatri. Non voglio fare promesse ma sono già pronti indennizzi per loro da erogare al più presto. Daremo loro dei soldi direttamente con bonifico sul loro conto bancario dall’Agenzia dell’Entrate. Sarà rinnovata la Cassa Integrazione e il reddito di emergenza e saranno dati aiuti anche ai lavoratori dello spettacolo e stagionali”.

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA