Seguici sui Social

TV

RECENSIONE SERIE TV Locke & Key a cura di Tommaso Bucciarelli

Pubblicato

il

RECENSIONE SERIE TV Locke & Key

 

RECENSIONE SERIE TV Locke & Key – Questa serie è uscita da poco sulla piattaforma streaming Netflix e ha già conquistato il pubblico. Ecco la recensione a cura di Tommaso Bucciarelli

RECENSIONE SERIE TV Locke & Key

Che poi apro con la chiave Netflix e noto che tra le serie più viste in assoluto in Italia su questo distributore c’è la prima stagione di quella che non ha maghi ma bacchette che aprono: Locke & Key.

Una serie americana prodotta e al momento distribuita solo da Netflix, ideata da Joe Hill e ripresa dall’omonimo comic book, ed è del genere fantastico semi horror drammatico; tra i tanti, i personaggi principali sono Darby Stanchfield (Nina Locke), Connor Jessup (Tyler Locke) Emilia Jones (Kinsey Locke), il piccolo Jackson Robert Scoot (Bode Locke) e Laysla De Oliveira (Dodge/Eco).

Distribuito in Italia dal 7 febbraio 2020.

Dopo l’omicidio subito dal gentilissimo e affettuoso padre, la moglie ed i tre figli, Nina, Tyler e Bode, vanno a vivere nella villa di sua proprietà a Matheson. La madre cerca di rallegrare della sua scelta gli svogliati figli, ma non riesce ad incentivarli. Nina e Tyler fanno il loro primo accesso alla loro nova scuola, mentre il più piccolo dell’età di una decina d’anni, all’interno della villa sente delle strane voci, quasi sussurri, che lo portano a scoprire una chiave d’epoca, poi si dirige al pozzo. Lui guarda ne all’interno, ed in fondo ad esso sente una voce femminile che non lo spaventa, ma gli spiega che e gli fa provare la chiave che ha trovato, la Ogni Dove, con la quale inserendola in qualsiasi porta, dall’altra parte esce il posto che desidera.

Bode scopre un’altra chiave, e vede che nello specchio appare una fessura nella quale la immette, e non appena a gira vede il suo riflesso che lo invita ad entrare, ed arriva alle sue spalle la madre. Anche lei vede se stessa che la invita, e la curiosità la spinge a farlo. Una volta all’interno si vede circondata da specchi (Prigione Interiore) che si spezzano e chiede aiuto. Bode corre al pozzo e chiede l’aiuto dell’essere femmina che chiama Eco, e lei gli dice che può lo aiuta solo se le da la chiave Ogni Dove, lui lo fa immediatamente, ma lei sorride, la usa e se ne va. Bode incontra i fratelli, gli racconta l’accaduto e Tyler entra nello specchio legato ad una corda che tiene Nina, cosicché riesce a salvare la madre, che una volta uscita si dimentica completamente l’accaduto.

Il ragazzo che ha ucciso il padre, che è pressappoco coetaneo di Nina e Tyler, è stato arrestato ed in carcere gli viene fatta visita da Eco, che gli dive “Ciao Sam, te l’ho detto che sarei venuta”.

Bene, ora siamo nel punto in cui, come solitamente accade, ti faccio presente i miei punti di visti sull’opera, ed è meglio che tu sappia che di questa storia già presente su comic book, io non ne sapevo l’esistenza, né del fumetto né del termine comic book, che ci tengo a sottolineare la mia curiosità m’ha svelato fossero giustapposto dei fumetti americani dei primi anni del novecento che non avevano formati classici, ma di qualsiasi dimensione.

Come spesso accade per me nelle serie, a carburare la storia ci ha messo un po’, ma posso dirti che già dalla prima puntata mi aveva aperto diverse domande, e, come immagini, sono queste che ti legano ad una storia oltretutto fantastica.

La prima cosa che m’ha colpito è il ruolo di Bode, ragazzino giovanissimo sul quale all’inizio sembra poggiare tutta la storia, ma poi man mano esco fuori gli importanti ruoli dei fratelli più grandi, nella serie interpretano ragazzi non ancora ventenni, ed Eco/Dodge, questa sorta di bellissima femmina alla quale non sai dare un’età. Chiedo venia, forse non so darla solo io.

In questa serie uno dei fulcri è l’affetto familiare che la fa da padrone, con la madre sempre indaffarata per far stare a loro agio i figli, con il viso sempre mascherato di sorriso per invitarli a stare bene, e loro, con il più piccolo che non ha giustamente pesi delle responsabilità e cerca divertimento e allegria ovunque, a differenza di Nina e Tyler che iniziano ad avere le caratteristiche dell’accenno di maturazione. Nina timida e paurosa, Tyler riflessivo e contorto.

Una cosa che non mi appare estremamente veritiera negli episodi, è come i giovani studenti reagiscano alla visione di cose straordinarie ed inimmaginabili, ma posso supporre che, essendo molto giovani tant’è vero che hanno appena passato l’età adolescenziale o la stanno ancora vivendo, in quegli anni è forse possibile si reagisca in maniera diversa.

La base sulla quale si muove la vita è costituita da chiavi che, aprendo percorsi a nostra scelta, ci danno la possibilità di crescere, ma per farlo bisogna aprire tutte le porte: se non lo vivi non sai ma com’è.

SEGUICI SU FACEBOOK

Pubblicità

TV

Beatrice Luzzi in crisi al Grande Fratello: “Sono piena. Dove andrei fuori da qui?”

Pubblicato

il

Beatrice Luzzi in crisi al Grande Fratello: “Sono piena. Dove andrei fuori da qui?”

Grande Fratello 2023/2024: Eventi del 4 Febbraio 2024

In una sorprendente puntata del Grande Fratello, l’attrice Beatrice Luzzi ha protagonizzato un momento di forte emotività. Durante una discussione con Maddaloni, Beatrice Luzzi non è stata in grado di trattenere le sue lacrime, culminando con una confessione drammatica: “Mi hanno detto “Stai creando un caso” ha esclamato. Poi ha proseguito: “Dove andrei fuori da qui? Nell’aldilà”.

Per rimanere aggiornato con le ultime notizie su Grande Fratello 2023/2024, basta attivare le notifiche di Spettacolo Fanpage.it.

Le cause del crollo emotivo di Beatrice Luzzi

La goccia che ha fatto traboccare il vaso per l’attrice è avvenuta durante una conversazione con Massimiliano Varrese e Marco Maddaloni. Varrese ha suggerito che Luzzi stesse mettendo in scena una ‘pantomima’, mentre Maddaloni l’ha delusa con una battuta inopportuna. Un cumulo di stress che l’ha portata a dire: “Sono piena, vorrei andare nell’aldilà”.

L’esplosione emotiva di Beatrice Luzzi

In un dialogo piuttosto intenso con Marco Maddaloni, Luzzi ha esplicitato cosa si nascondeva dietro la sua angoscia. Maddaloni ha cercato di scagionarsi, sostenendo che non era a conoscenza di aver offenduto Beatrice. Luzzi ha commentato questo episodio dicendo: “La donna è sacra, non dovrebbe piangere”. Successivamente, durante una conversazione in giardino, in risposta a una domanda di Maddaloni su dove andrebbe se non fosse stata lì, Luzzi ha risposto con un raggelante “Nell’aldilà”.

Un altro momento culminante della puntata è stato quando Sergio D’Ottavi ha rubato un bacio a Greta Rossetti, che però non ha apprezzato il gesto inaspettato: “Sono molto riservata”, ha detto.

Le reazioni degli altri concorrenti

Massimiliano Varrese e Anita Oliveri, durante lo sfogo di Beatrice Luzzi, sono rimasti sul divano a commentare la situazione. Secondo Varrese l’intera situazione era “imbarazzante” e costituiva un esempio di “cattiveria gratuita”. Anita Oliveri ha invece affermato che si trattava di pura “infelicità”.

Fonte

Continua a leggere

Musica

Dustin è il primo concorrente ad accedere alla fase finale di Amici 23

Pubblicato

il

Dustin è il primo concorrente ad accedere alla fase finale di Amici 23

Durante l’episodio di Amici 23 del 4 febbraio 2024, l’istruttrice Alessandra Celentano ha premiato il suo studente Dustin con la prima maglia del Serale. Ha esclamato: “Quando lo guardi ballare, sembra un vero ballerino. È molto bravo”, prima di dargli un caloroso abbraccio.

Inoltre, Spettacolo Fanpage.it ha lanciato un nuovo canale WhatsApp, invitando tutti a partecipare.

Dustin ha ottenuto il primo posto nella classifica di ballo e, durante l’episodio di Amici 23 del 4 febbraio 2024, gli è stata consegnata la maglia oro. Questo distintivo gli permette di accedere direttamente al Serale, mettendo fine alle sue sfide nella competizione. Alessandra Celentano ha deciso che Dustin merita il primissimo pass per il Serale di questa edizione.

Durante la cerimonia di consegna della maglia oro a Dustin, Alessandra Celentano ha elogiato il suo studente, sottolineando i suoi meriti. Ha enfatizzato come lui eccella sempre, sia piacevole da guardare e sia un bravo ballerino con un fisico impressionante. Nonostante non sia un ballerino classico, ha manifestato le sue impressionanti abilità con i suoi movimenti estetici. La sua versatilità e qualità lo rendono un ballerino esemplare.

Durante l’episodio del 4 febbraio di Amici 23, gli studenti si sono esibiti di fronte a giudici esterni in competizioni di canto e ballo. Dustin è arrivato primo, seguito da Sofia, Kumo, Marisol, Nicholas, Gaia, Lucia, Simone e Giovanni. Giovanni, nonostante abbia ballato con Umberto Gaudino, non ha impressionato gli ospiti ed è stato Emanuel Lo a decidere di terminare il suo percorso.

La classifica di canto invece ha visto Petit al primo posto, seguito da Martina, Holden, Mida, Sarah, Nahaze, Lil Jolie, Kia, Ayle e Malia.

Fonte

Continua a leggere

TV

Giuseppe Garibaldi, malore per il concorrente del Gf: come sta

Pubblicato

il

Di

Giuseppe Garibaldi, malore per il concorrente del Gf: come sta

Preoccupazione per Giuseppe Garibaldi, concorrente del Grande Fratello, dopo un malore improvviso

Nella casa del Grande Fratello, si è verificato un momento di grande apprensione a seguito di un improvviso malore accusato da Giuseppe Garibaldi, concorrente del reality show. Il giovane ha avvertito un forte malessere subito dopo cena, suscitando la preoccupazione degli altri partecipanti. Alcuni spettatori presenti durante la diretta su Mediaset Extra affermano di aver notato l’arrivo di un’ambulanza, aumentando ulteriormente la tensione nell’ambiente. La situazione ha portato Anita e Rosy a chiedere immediatamente aiuto, mentre in sottofondo si poteva udire la voce di Marco Maddaloni esclamare: “Non toccategli il cuore!”.

Successivamente, Nicola Garibaldi, fratello di Giuseppe, ha condiviso su Instagram aggiornamenti sulle condizioni di salute del concorrente, rassicurando i fan del Grande Fratello. Secondo quanto riferito, Giuseppe ha avvertito un improvviso malore, con alcune voci che suggeriscono possibili problemi cardiaci o un forte trauma alla testa a seguito di un svenimento. Tuttavia, la dinamica precisa dell’accaduto non è ancora chiara, dal momento che le telecamere hanno evitato di riprenderlo. Nicola ha voluto tranquillizzare il pubblico con un messaggio su Instagram, affermando che Giuseppe sta bene ed è sotto osservazione, ringraziando tutti per i messaggi di sostegno ricevuti. Gli avvenimenti hanno suscitato grande preoccupazione tra i telespettatori, ma le rassicurazioni di Nicola Garibaldi hanno portato un po’ di sollievo a chi segue il programma.

Fonte

Continua a leggere

TV

Isola dei Famosi 2024, chi condurrà? Ilary (quasi) fuori. Ecco chi potrebbe prendere il suo posto

Pubblicato

il

Di

Isola dei Famosi 2024, l’indiscrezione sulla conduzione: Ilary (quasi) fuori. Ecco chi potrebbe prendere il suo posto

Indiscrezioni sulla conduzione e possibile sostituto di Ilary Blasi per “Isola dei Famosi 2024”

La prossima edizione de “L’Isola dei Famosi” presenta molte indiscrezioni riguardo alla conduzione. Secondo quanto riferito da Gabriele Parpiglia durante il programma radiofonico Password su RTL 102.5, Ilary Blasi avrebbe dovuto parlare del suo ritorno nel reality show durante un’intervista a Verissimo, ma la trasmissione non ha menzionato nulla in proposito. Questo ha fatto presagire un possibile addio di Blasi alla conduzione del programma. Si è ipotizzato che il suo posto potrebbe essere preso da Vladimir Luxuria, che avrebbe superato brillantemente un provino per la ‘promozione’.

Tuttavia, non è escluso che Blasi possa ancora tornare in gioco. Parpiglia ha fatto notare: “Mi hanno detto che l’intervista potrebbe aver disteso i rapporti e non è detto che Ilary sia fuori dai giochi e quindi se così andasse Vladimir Luxuria tornerebbe come opinionista”. Resta quindi da vedere come si evolveranno le dinamiche della conduzione de “L’Isola dei Famosi 2024” e chi alla fine condurrà il programma. La sfida per la conduzione sembra essere aperta e solo il tempo dirà come si evolverà la situazione.

Fonte

Continua a leggere

TV

Alessandra Celentano: racconto della sua vita da single

Alessandra Celentano: racconto della sua vita da single

Pubblicato

il

Alessandra Celentano: “Single da 14 anni, la menopausa non c’entra”

Alessandra Celentano: racconto della sua vita da single

Durante un’intervista a Verissimo e come riportato da Fanpage, Alessandra e Rosita Celentano si sono confidate con Silvia Toffanin e hanno scherzato sul loro rapporto con gli uomini, rivelando di essere entrambe single da molto tempo. Rosita ha dichiarato: “Ho chiuso bottega da 5 anni”, mentre Alessandra ha affermato di essere single da 14 anni, ma ha escluso che la menopausa sia la causa di questa situazione.

Alessandra Celentano e Rosita Celentano si sono aperte a Verissimo con Silvia Toffanin, raccontando la loro affiatata relazione e condividendo molte esperienze. Alessandra ha confessato che, oltre la danza, la sua vera passione segreta è sempre stata la recitazione. Entrambe hanno discusso delle loro relazioni personali e del rapporto con gli uomini, evidenziando che per entrambe si è diradato nel corso del tempo.

Alessandra ha rivelato di essere single da 14 anni e ha affermato che dopo tanto tempo senza qualcuno è più difficile adattarsi ad altre abitudini. Ha sottolineato di essere sempre stata molto indipendente e che è difficile adeguarsi ad altre abitudini, aggiungendo: “Sono fatalista, se non deve capitare, non capita”.

Alessandra ha inoltre parlato degli ostacoli che ha affrontato nella vita, sottolineando che le malattie e le morti dei genitori hanno cambiato profondamente la sua esistenza. Ha dichiarato di aver sofferto per motivi veri e di aver lavorato su se stessa per superare quei momenti di sofferenza. Oggi, quando le viene la lamentela, pensa che ci sia sempre qualcuno che sta molto meglio ma anche chi sta molto peggio di lei.

Le due cugine si sono poi augurate reciprocamente di poter dare seguito al clan familiare e di rimanere vicine. Come ha detto Rosita: “A lei auguro di essere sempre più serena perché merita tanto e di vivere la seconda parte della vita vicine. Cerchiamo di crearci il nostro villaggio, una sorta di clan”.

 

Continua a leggere

TV

Sanremo, Amadeus apre al ‘sesto’: la reazione di Fiorello è tutta da ridere

Pubblicato

il

Di

Sanremo, Amadeus apre al ‘sesto’: la reazione di Fiorello è tutta da ridere

Sanremo 2025: Fiorello ironizza sul sesto Festival e Amadeus apre a un’ipotetica nuova edizione

Fiorello si lascia andare a ironia e scherzi sui social riguardo alla possibilità di un sesto Festival di Sanremo curato da Amadeus nel 2025.

Il popolare showman ha condiviso il passaggio dedicato all’argomento dall’intervista rilasciata oggi su Repubblica dal conduttore e direttore artistico del festival, e ha affiancato il post con un video in cui appare serio con uno sguardo minaccioso. Ha scritto sotto il post un commento allarmato: “Quest’uomo mi fa veramente paura! Stephen King dovrebbe prendere spunto per un nuovo romanzo… da brividi!”.

Fiorello aveva già scherzato in passato minacciando Amadeus riguardo all’ipotesi del sesto festival, passando da una chiusura totale a una possibile apertura da parte del conduttore televisivo, che potrebbe portare a una serie di spettacoli nella kermesse musicale.

Fonte

Continua a leggere

News

Morto l’amato l’attore David Soul, protagonista di Starsky & Hutch

Pubblicato

il

Morto l’attore David Soul, star della tv con il telefilm Starsky & Hutch

Milioni di italiani ricordano David Soul per il ruolo di Hutch, il poliziotto biondo del telefilm “Starsky&Hutch”, accanto a Paul Michael Glaser. Il duo di detective, amici e dal fare disinvolto rispetto allo stereotipo di allora, ha fatto la storia della tv. Soul aveva 80 anni

Il mondo della televisione piange la perdita di una delle stelle degli anni ’70: David Soul, noto interprete del personaggio di Kenneth “Hutch” Hutchinson nella celebre serie Starsky & Hutch, ci ha lasciato all’età di 80 anni. La triste notizia è stata annunciata dalla moglie, Helen Snell.

David Soul, il cui vero nome era David Richard Solberg, era un poliedrico artista nato a Chicago il 28 agosto 1943. Il suo percorso artistico aveva avuto inizio con i telefilm, dove aveva anche fatto delle apparizioni in alcune puntate di Star Trek. Successivamente, si era distinto anche sul grande schermo nel 1973 con una parte in “Una 44 Magnum per l’ispettore Callaghan”, affiancando l’indimenticabile Clint Eastwood.

La sua fama era però esplosa nel 1975 grazie al ruolo del detective Hutchinson nella serie televisiva “Starsky & Hutch”, un successo amato anche in Italia. In questa avventura televisiva, Soul aveva recitato al fianco di Paul Michael Glaser, creando una coppia di investigatori che aveva conquistato il cuore del pubblico.

Oltre alla sua carriera di attore, David Soul aveva sempre coltivato la passione per la musica. Negli anni ’70, si era affermato anche come cantante, raggiungendo la vetta delle classifiche sia nel Regno Unito che negli Stati Uniti con i singoli “Don’t Give Up on Us” e “Silver Lady”. La sua versatilità artistica aveva contribuito a renderlo una figura iconica di quel decennio.

La sua eredità artistica e il ricordo delle sue indimenticabili interpretazioni rimarranno vivi nell’immaginario collettivo, segnando indelebilmente un’epoca d’oro della televisione e dello spettacolo.

Fonte

Continua a leggere

Cinema

“L’Esorcista” compie 50 anni. Per molti il film più pauroso della storia del cinema

Il 26 dicembre 2023, si celebreranno i 50 anni dalla prima uscita americana del celebre film horror “L’Esorcista” di William Friedkin

Pubblicato

il

“L’Esorcista” compie 50 anniUn set costellato di sventure: Linda Blair si ruppe la spina dorsale e incidenti a ripetizione

Il 26 dicembre 2023, si celebreranno i 50 anni dalla prima uscita americana del celebre film horror “L’Esorcista” di William Friedkin, tratto dall’omonimo romanzo di William Peter Blatty. Quest’opera si è affermata nel corso degli anni come uno dei film più terrificanti della storia del cinema. Numerose classifiche e un sondaggio condotto su Rotten Tomatoes confermano ancor oggi la sua posizione di capolavoro del genere.

Il film ha segnato un punto di svolta nell’industria cinematografica e ha lasciato un’impronta indelebile nella cultura popolare. La sua capacità di mettere paura e sconvolgere il pubblico ha reso “L’Esorcista” un riferimento ineguagliabile nel genere horror. La notevole risonanza ottenuta dal film nel corso degli anni testimonia la straordinaria maestria di William Friedkin nel dirigere un cast talentuoso e nel creare un’atmosfera tesa e inquietante.

Come riporta Corriere.it nonostante il tempo trascorso, la fama e la paura suscitate da “L’Esorcista” sono ancora ben vive, confermando la sua posizione come uno dei film più iconici e influenti dell’intera storia del cinema. Un film che ha appassionato e spaventato intere generazioni, lasciando un segno indelebile nel panorama cinematografico mondiale. A 50 anni dalla sua prima uscita, “L’Esorcista” continua a tenere il primato come film horror più spaventoso di sempre, confermando la sua importanza e lasciando un’impronta duratura nell’immaginario collettivo.

Continua a leggere

TV

Il cast di “Berlino”, il nuovo spin-off de La Casa di Carta, incontra i suoi fan a Roma

Il cast di “Berlino”, il nuovo spin-off de La Casa di Carta, incontra i suoi fan a Roma

Pubblicato

il

Il cast di "Berlino", il nuovo spin-off de La Casa di Carta, incontra i suoi fan a Roma

Il cast di “Berlino”, il nuovo spin-off de La Casa di Carta, incontra i suoi fan a Roma

Lo spin-off de “La Casa di Carta”, intitolato “Berlino”, farà il suo debutto il 29 dicembre su Netflix. Prima della sua distribuzione sulla piattaforma TV, il cast si incontrerà con i fan a Roma martedì 19 dicembre.

L’evento avrà luogo alle 16:15 presso la Terrazza del Pincio come riporta RomaToday, seguito da un’anteprima dei primi episodi al The Space Cinema Moderno in Piazza della Repubblica, alle ore 20.

La serie segue una delle rapine più straordinarie protagonizzate dall’iconico personaggio interpretato da Pedro Alonso, alias Berlino, ritornato nel ruolo dell’edonista e astuto criminale.

Nel cast, nuovi personaggi si uniscono a Berlino, interpretati da Michelle Jenner, Tristán Ulloa, Begoña Vargas, Julio Peña Fernández e Joel Sánchez. Inoltre, Itziar Ituño e Najwa Nimri ritornano rispettivamente nei ruoli delle poliziotte Raquel Murillo e Alicia Sierra.

Il cast di “Berlino” include anche Samantha Siqueiros, Julien Paschal, Masi Rodríguez e Rachel Lascar. La serie, composta da otto episodi, è stata creata da Álex Pina ed Esther Martínez Lobato e diretta da Albert Pintó, David Barrocal e Geoffrey Cowper.

[Fonte](https://www.romatoday.it/eventi/berlino-spin-off-de-la-casa-di-carta-incontro-tra-cast-e-fan-a-roma-19-dicembre-2023.html)

Il cast del nuovo spin-off de La Casa di Carta si prepara per il grande incontro con i fan a Roma, un evento imperdibile per tutti i sostenitori della serie.

Continua a leggere

TV

Giovanni Ciacci: “Soffro di depressione, ho pensato di buttarmi giù dalla finestra”

Giovanni Ciacci e la depressione

Pubblicato

il

Giovanni Ciacci: “Dopo il GF soffro di depressione, ho pensato di buttarmi giù dalla finestra”

Giovanni Ciacci ha raccontato a IlRiformista il periodo buio che sta vivendo. Dopo la partecipazione al Grande Fratello Vip si è ammalato di depressione.

Giovanni Ciacci, in un’intervista rilasciata a Greta Mauro per IlRiformista e come riportato da Fanpage, ha raccontato il momento buio che sta vivendo e che, a suo dire, sarebbe scaturito dal suo disastroso percorso al Grande Fratello Vip.

Il pubblico, tramite il televoto, decise di farlo uscire dalla casa per il comportamento, ritenuto ai limiti del bullismo, tenuto nei confronti di Marco Bellavia.

Giovanni Ciacci ha raccontato di stare affrontando dei problemi di salute mentale nell’ultimo anno:

Non sto bene, è stato un anno davvero difficile, il telefono ha smesso di squillare, mi sono ritrovato da solo e nella mia mente sono apparsi i mostri. In questo momento l’HIV è passata in secondo piano, ora sto combattendo contro la depressione”. Dopo avere avvertito il desiderio di farla finita, ha deciso di rivolgersi a uno specialista e curarsi.

Ho trovato il coraggio di parlarne e di curarmi, non è facile, la depressione è subdola e ti annienta. Ho passato anche 15 giorni a letto alzandomi solo per mangiare e andare in bagno. Ho avuto pensieri brutti, ho pensato che la mia vita non valesse nulla, mi sono apparsi i mostri di tutti gli ultimi 25 anni di vita. Ma quando, passando accanto ad una finestra, ho provato il desiderio di volare giù mi sono preoccupato e sono andato da un medico”.

Come è iniziata? Con la mia partecipazione al Grande Fratello. Sono stato così ingenuo e stupido“.

Quindi ha raccontato come si è ritrovato a partecipare al reality. Ha spiegato di avere parlato del fatto che fosse sieropositivo ad Alfonso Signorini:

Mi ha garantito tutela e soprattutto la cosa che mi stava più a cuore: far capire a tutti che oggi un sieropositivo grazie alle cure è una persona normale“.

Ma l’esperienza nel reality si è rivelata diversa da come se l’aspettava. Come gli spettatori del programma di Canale5 ricorderanno, è scoppiato il caso di Marco Bellavia. Alcuni concorrenti, tra cui Ciacci, furono accusati di avere avuto atteggiamenti da bulli nei confronti del concorrente, che nella casa stava vivendo un momento di fragilità psicologica. Ciacci, ancora oggi, rispedisce le accuse al mittente:

Io non sono un bullo, ho solo partecipato al gioco, non credo di aver trattato male una persona con una patologia certificata. Ma questo si valuterà nelle sedi opportune. Ho sempre chiesto di vedere il certificato medico di questa persona sia prima che dopo ma non mi hanno mostrato nulla. Ho fatto il mio gioco, nel regolamento c’è scritto che devi far fuori tutti gli altri concorrenti“.

Dopo il Grande Fratello è stato isolato:

In un attimo sono spariti tutti, amici e colleghi e, chi poteva, parlava di me dicendo cose immonde, è stato terribile. Ancora non mi spiego il comportamento di alcuni che non conoscendomi personalmente hanno espresso giudizi umani nei miei confronti. Simona Ventura, l’ho vista tre volte in vita mia e la stimo molto come professionista, ma lei parlando di me ha detto: “Finalmente ha buttato la maschera” o qualcosa del genere. Ma come si può dire una cosa del genere senza conoscermi?“.

Fonte

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA