Seguici sui Social

Primo Piano

Ufficio Stampa Palazzo Chigi: “La conferenza non era a reti unificate, smentite fake news”

Pubblicato

in



: “La stampa del premier non era a reti unificate, smentite fake news”.

La nota dell’Ufficio Stampa: “La conferenza non era a reti unificate, Palazzo Chigi non ha mai chiesto che fosse trasmessa a reti unificate. Infatti solo alcuni canali tv l’hanno trasmessa e solo per una parte e non interamente. Tutti gli interventi del presidente del Consiglio si sono sempre svolti secondo le consuete modalità. E, in particolare, nella forma di conferenze stampa salvo qualche rara eccezione. Sin dall’inizio del primo mandato del presidente del Consiglio Conte, dal giugno 2018, Palazzo Chigi trasmette il segnale audio video in Hd. Mettendolo a disposizione di tutti e di tutte le reti televisive. Le quali, liberamente, decidono se e cosa mandare in onda sui propri canali.

Lo stesso è avvenuto in occasione delle dichiarazioni alla stampa di sabato 21 marzo (per le quali hanno parlato, del tutto impropriamente, di ‘diretta facebook’). Così come della conferenza stampa di venerdì 10 aprile (per la quale, sempre impropriamente, hanno parlato di ‘discorso alla nazione a reti unificate’). In particolare il 10 aprile il presidente del Consiglio ha tenuto una conferenza stampa come tante altre volte avvenuto in queste settimane. E come ogni volta ha illustrato i provvedimenti adottati, ha spiegato e chiarito i fatti più rilevanti e ha risposto a tutte le domande dei giornalisti. Tanto sull’emergenza coronavirus quanto sul Mes. Nell’occasione ha smentito vere e proprie fake news che rischiavano di alimentare divisioni nel Paese e di danneggiarlo compromettendo il ‘senso di comunità’, fondamentale soprattutto in questa fase di emergenza.

In conclusione anche questa volta nessuna richiesta da parte della Presidenza del Consiglio di trasmettere un discorso alla nazione a reti unificate. La decisione di trasmettere o meno le conferenze stampa del Presidente del Consiglio spetterà, come è sempre stato, sempre e solo ai responsabili delle singole testate giornalistiche. Questi ultimi sono anche liberi di sostenere la singolare opinione secondo cui il presidente del Consiglio non dovrebbe smentire fake news e calunnie nel corso di una conferenza stampa rivolta al Paese, né dovrebbe parlare di un tema rilevante e di interesse generale come il Mes. Facciamo notare, infine, che Conte non avrebbe potuto evitare di affrontare il tema del Mes e chiarire le relative fake news veicolate dell’opposizione visto che questo tema è poi stato oggetto delle domande poste dai giornalisti. A conferma del fatto che si tratta di argomento di interesse generale”.

INPS ANNUNCIA DATE PAGAMENTI DEI 600 EURO E CASSA INTEGRAZIONE

Pubblicità

Primo Piano

Tamponi anche nei laboratori privati? Prime prove di accordo

Pubblicato

in



La Regione Lazio fra sapere che si va verso i tamponi anche nei laboratori privati a prezzi calmierati. Ecco la nota di riferimento.

“Si è chiusa questa sera come preventivato la manifestazione di interesse rivolta ai laboratori privati per garantire a un prezzo calmierato l’esecuzione di tamponi molecolari. Vi è stata una buona adesione ed ora la commissione tecnica, sotto la supervisione dell’Istituto Spallanzani, si metterà subito a lavoro per verificare congruità tecniche, produttive e qualitative oltre alle condizioni economiche”. Lo comunica l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio.

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA