ROMA BORGHESIANA Chili di ‘maria’ in casa: due albanesi denunciati

ROMA BORGHESIANA Chili di ‘maria’ in casa: due albanesi denunciati.

ROMA BORGHESIANA Chili di ‘maria’ in casa. A scoprirli, ieri pomeriggio, al termine di un’indagine, i poliziotti del Commissariato Celio. Di ingente quantità, lo stupefacente era nascosto in un appartamento di viale Prato Fiorito, dove alcuni albanesi lo stavano stoccando. Dopo svariati accertamenti, durante un appostamento nei pressi dell’abitazione, gli agenti hanno notato un uomo che si aggirava con fare sospetto intorno al portone dell’immobile, ‘protetto’ da una sofisticata videosorveglianza. Con un escamotage e rapidamente per non dare nell’occhio, si sono avvicinati all’appartamento. Qui hanno bloccato uno degli occupanti, che stava per uscire, e, all’interno, il suo complice. Sul pavimento i poliziotti hanno rinvenuto una notevole quantità di marijuana e alcuni grossi involucri della stessa sostanza, per complessivi 40 kg. Hanno così perquisito l’abitazione, trovando e sequestrando anche materiale per confezionare le dosi, 3 bilance digitali e un fucile a canne mozze smontato. Ai due arrestati, albanesi di 53 e 24 anni, non è bastato dichiarare che si trattava di marijuana legale per evitare la denuncia: le analisi, effettuate dal consulente chimico, hanno infatti rilevato in essa un THC (principio attivo) ben superiore a quello consentito per la ‘canapa light’.