Bonus partite Iva: Crimi infuriato con i cinque deputati

Bonus partite Iva: il capo politico del M5S, Vito Crimi, infuriato con i cinque deputati che hanno incassato il bonus per le partite Iva.

Crimi infuriato con i cinque deputati che hanno richiesto il bonus per le partite Iva. Queste le sue parole: “L’Italia sta attraversando uno dei momenti più drammatici della sua storia. Sono tanti i cittadini che si ritrovano a vivere situazioni di grande difficoltà e di incertezza verso il futuro. In un contesto di tale sofferenza scoprire che cinque deputati hanno richiesto il bonus Inps da 600 euro destinato a lavoratori autonomi e partite Iva è a maggior ragione odioso e insopportabile”.

Poi continua: “Mi auguro che queste persone escano volontariamente allo scoperto e che restituiscano il bonus nel caso ne abbiano usufruito. La maggioranza e il Governo stanno dimostrando con grande impegno e dedizione che le istituzioni sono al fianco dei cittadini. Che sanno prendersi cura del Paese. Stiamo facendo un grande sforzo per ridare dignità alla politica. Per riavvicinarla ai cittadini e per restituirle quella credibilità che anni di negligenze, irresponsabilità e disaffezione avevano ridotto ai minimi termini. Giorno dopo giorno, passo dopo passo, con fatica ci stiamo riuscendo. Non possiamo permettere che questi comportamenti disonorevoli vanifichino tutto il nostro lavoro. Chi ha compiuto questo gesto ha il dovere di palesarsi e di assumersi le proprie responsabilità davanti agli italiani”.

CORONAVIRUS – IPPOLITO LANCIA L’ALLARME PER LE SCUOLE