Vicepremier e Sindaca di Roma
Vicepremier e Sindaca di Roma

Di Maio vota a favore di Virginia Raggi: “Perderla sarebbe un suicidio”

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, vota a favore della ricandidatura a Sindaco di Virginia Raggi.

Di Maio spiega: “Due sì perché io mi fido dei territori”. I quesiti posti agli iscritti su Rousseau riguardano la modifica al ‘mandato zero’ e la possibilità di stringere alleanze alle elezioni amministrative. Di Maio certifica tale necessità e vota per la Raggi: “Quasi cinque anni fa, quando Virginia fu eletta, ero responsabile dei Comuni 5 Stelle. Ciò che è successo e abbiamo vissuto insieme nei primi mesi del suo mandato non ha precedenti storici. L’aggressione nei suoi confronti avrebbe schiacciato una mandria di bufali. In questi anni non sempre siamo andati d’accordo su tutto. Ma è indiscutibile che su di lei si sia abbattuto un uragano. E tutti oggi le riconoscono la capacità di aver sostenuto una pressione senza precedenti. Questo è molto utile per un amministratore. Se sostieni una pressione del genere sostieni anche le pressioni dei malintenzionati che ronzano intorno alle casse della città.

Oggi siamo chiamati a votare su Rousseau per sbloccare il terzo mandato a Virginia Raggi e a tutti gli altri nostri Sindaci che vogliono ricandidarsi. Io voterò sì, credo sia giusto. Perché il MoVimento si evolve. E mai come in questo momento sta prendendo coscienza del fatto che perdere persone che abbiano maturato una tale esperienza come Virginia sarebbe suicida. Meglio tardi che mai. Con il voto su Rousseau siamo chiamati a sbloccare nelle elezioni comunali la possibilità di allearci con altre forze politiche. Io voterò SÌ perché innanzitutto ho fiducia nei nostri gruppi comunali. Niente di più e niente di meno di quello che abbiamo già fatto al Governo centrale. Sono pronto a testimoniare con i fatti che il M5S senza molta ma molta elasticità e contro molta ma molta rigidità non avrebbe mai portato Giuseppe Conte alla presidenza del Consiglio”.

LITE IN STRADA TRA EX: UOMO INSULTA E MINACCIA GLI AGENTI INTERVENUTI