Seguici sui Social
PUBBLICITA


Calcio

Lazio Immobile sul rinnovo: “Laziale a vita. Gasperini ce l’ha con la Lazio”

Avatar

Pubblicato

il

Lazio Immobile sul rinnovo
PUBBLICITA


sul , afferma che arriverà e si legherà ai biancocelesti fino al termine della carriera

Lazio Immobile sul rinnovo in questa stagione ha raggiunto traguardi importantissimi tra cui il titolo di capocannoniere per la terza volta, la vittoria della Scarpa d’Oro e il record di gol realizzati in un unico campionato. Con le sue 36 reti, ha portato la Lazio in Champions e ha ancora voglia di migliorarsi, ecco le sue parole nell’intervista rilasciata al Corriere dello .

STOP CAMPIONATO

“Diciamo che non l’hanno presa tutti bene, specialmente per chi è straniero, è stato qui senza famiglia e il tempo comunque non passava facilmente. Purtroppo abbiamo perso la partita di Bergamo, quella è stata la nostra rovina perché stavamo vincendo 2-0 e poi siamo tornati a Roma con 0 punti. Non perdevamo proprio dall’andata dove rimontammo il 3-3, è stata la chiusura di tutto”.

GASPERINI

Gasperini non so perché si comporti così, credo ce l’abbia con la Lazio. Ci ha accusati per i rigori, ma erano entrambi netti. Anche nelle ultime partite, poteva andare a tre punti dalla Juve e giocarsi lo scudetto invece pensava solo a finire davanti a noi, ce lo siamo chiesti tante volte. La Lazio non gli piace proprio. Siamo arrivati alla conclusione che la sconfitta in Coppa Italia contro di noi non gli sia andata giù e quindi continua a parlare in questo modo, ma ne parla in modo cattivo, velenoso”.

SCARPA D’ORO

“Essere arrivato davanti a due come Lewandowski Cristiano Ronaldo è a dir poco strepitoso. Sono riuscito a interrompere il dominio di Messi Ronaldo. Luis Alberto avrà ancora modo di crescere, lo farà sicuramente. Non ho rimpianti per i rigori non tirati, perché era la scelta giusta da fare. Anzi, se non mi fossi comportato in questo modo, sono sicuro che non avrei raggiunto questa cifra perché la squadra, lo spogliatoio e tutto il resto sono la priorità rispetto ai traguardi personali. Il è un gioco di gruppo e io in qualche momento ho avuto bisogno dei miei compagni, di quel passaggio in più, di quel pallone passato nel modo e momento giusto, il gruppo queste cose se le ricorda, quindi va bene così”.

RINNOVO

“Aspetto una chiamata dalla società, mi legherò per sempre alla Lazio, questa è la mia intenzione. Farò un rinnovo triennale quindi andrà a scadere nel 2025 quando avrò la bellezza di 35 anni. Prima di approdare qui avevo avuto contatti con il Napoli, erano molto fitti ma poi per una cosa o l’altra non se ne fece più niente. Napoli è la città in cui sono nato, la seguo sempre, però quello che la Lazio mi ha dato e continua a darmi non ha veramente prezzo. C’è stato un periodo in cui il Newcastle poteva venire comprato da un fondo sceicco, chiamarono il mio agente per avere informazioni su di me. Poi però, la Premier non fece passare la proposta e il fondo si ritirò, so che volevano un allenatore italiano tra Allegri e Spalletti”.

ROSA E DAVID SILVA

Milinkovic Luis Alberto sono migliorati moltissimo, sono arrivati qui da giovani, da ragazzini e ora sono cresciuti riuscendo a capire le loro qualità. Luis non può crescere a livello tattico perché a centrocampo è già uno dei più forti al mondo, giusto mentalmente deve e può farlo. Serjei sta a un altro livello, ormai ha la consapevolezza dei suoi mezzi, però quello che mi ha sorpreso di più è Acerbi. L’ho sempre visto da avversario ma da compagno è straordinario, un professionista, aggiunge molto alla squadra e inoltre ha grande cura del suo corpo, ci tiene per il lavoro che fa. David Silva? Beh è un grande giocatore e ha grande esperienza, lo aspettiamo a braccia aperte. Anzi, non vedo l’ora che arrivi, noi prima che calciatori biancocelesti, siamo tifosi della Lazio”.

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio

Lazio Udinese, Inzaghi commenta la sconfitta

Avatar

Pubblicato

il

Di



Le parole di Inzaghi al termine di Udinese

”Una sconfitta che brucia. Abbiamo perso meritatamente, siamo stati presuntuosi e poco umili e abbiamo pagato questo atteggiamento. Loro hanno fatto un’ottima partita e hanno legittimato la vittoria. Abbiamo commesso tanti errori, è stata una partita storta e siamo molto delusi. Possono capitare giornate del genere ma non bisogna buttarsi giù”, ha detto Inzaghi ai microfoni di Lazio Style Radio. “Le partite in questo modo non le si vince, una brutta sconfitta, bisogna resettare tutto”, ha continuato, “sapevamo che la Champions porta via energie fisiche e mentali, ma bisognava fare qualcosina di più. Non abbiamo scusanti per questa sconfitta ma dobbiamo analizzare la sconfitta e andare avanti”. Poi ha concluso: “Milinkovic non era in grado di giocare”.

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA