Seguici sui Social
PUBBLICITA


Cronaca

ROMA TBM Pusher sequestrati e violentati: un arresto

Avatar

Pubblicato

il

PUBBLICITA


TBM e violentati: un .

ROMA TBM Pusher sequestrati e violentati. Al termine di una difficile ricerca, gli uomini della PS li hanno ritrovati all’interno di un garage abbandonato, in zona Valle Fiorita. Erano legati a una sedia con del cellophane e presentavano sofferenze e lividi sul volto. Si tratta di una coppia di giovani originari del Viterbese, che da qualche tempo collaborava con una banda di spacciatori operante in una delle piazze di . Fin dall’inizio del sodalizio, però, mancati introiti e disparità nella gestione droga/soldi avevano causato problemi con i grossisti. Ne erano nati diversi dissidi, culminati nei giorni scorsi in una vera e propria violenza: i due pusher sono stati infatti sequestrati e rinchiusi nel garage. Ad avere la peggio l’uomo, picchiato più volte dagli aguzzini, che riprendevano inoltre le sevizie con il cellulare. Approfittando di una distrazione di uno dei carcerieri, la ragazza è però riuscita a ‘evadere’ e a chiamare il 112. Gli agenti del commissariato Casilino, insieme ai colleghi della Squadra Mobile e del Reparto Volanti, si sono così messi sulle sue tracce, riuscendo alla fine a individuare e liberare l’uomo. Gli stessi poliziotti hanno poi notato un ragazzo, con precedenti per spaccio nella zona, che si nascondeva tra la vegetazione: intuendo che fosse coinvolto nella vicenda, lo hanno immediatamente bloccato. S.M.M.A, 21enne egiziano, come si è appurato dalle indagini, aveva effettivamente partecipato al rapimento e filmato le violenze sull’uomo. Il video lo aveva poi mostrato alla donna, avvertendola che le sarebbe capitata la stessa cosa se ‘sgarrava’. Il telefono con il filmato è stato sequestrato a S.M.M.A, fermato e condotto a Regina Coeli. Gli uomini del commissariato Casilino proseguono ora le indagini per risalire anche agli altri membri della banda.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

ROMA – Si rifiuta di dar loro del denaro: zio aggredito violentemente dai nipoti

Avatar

Pubblicato

il



– Un uomo è stato aggredito dai propri nipoti dopo essersi rifiutato di dar loro 400 euro

I fatti si sono consumati nel tardo pomeriggio di ieri nei pressi di via Principe Umberto, nel quartiere Esquilino: dopo aver tentato di rubargli 400 euro due giovani hanno aggredito, insieme ad altre due persone, lo zio che si era rifiutato di prestarsi all’estorsione. Giunti sul posto, gli agenti di polizia del commissariato Viminale e Trastevere hanno trovato l’uomo per terra, sul marciapiede, che ha riferito di essere stato aggredito da quattro soggetti, tra cui i suoi due nipoti. Lo zio è stato colpito all’addome e in altre parti del corpo con calci e pugni, e alla testa con il manico di un coltello da cucina. Gli agenti si sono dunque recati presso l’abitazione dei nipoti (rifugiatisi in casa dopo l’aggressione), dove hanno rinvenuto il coltello descritto dalla vittima, medicata dal personale del 118. I due sono stati condotti in commissariato e tratti in per rapina aggravata in concorso e lesioni personali. Sono stati messi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria per l’udienza di convalida. Allo stato attuale, sono in corso gli accertamenti per risalire all’identità dei due complici.

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA