Seguici sui Social

Cronaca

ROMA Ruba adesivi per dentiere, trucchi e profumi: denunciato

Pubblicato

in



Il ragazzo, 29 anni, è stato sorpreso a trasportare merce rubata senza patente e senza assicurazione

Nei giorni scorsi gli agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Roma Nord hanno notato una vettura Mini cambiare repentinamente corsia di marcia, in autostrada all’altezza di Ponzano Romano, come per sfuggire ad un eventuale controllo. Nonostante la manovra elusiva effettuata dal conducente, i poliziotti sono riusciti comunque a fermare il veicolo. In pochi minuti gli agenti hanno constato che il conducente, un 29enne romeno, già noto alle forze dell’ordine, guidava il veicolo sprovvisto di patente (perché mai conseguita) e di copertura assicurativa. Da un accurato controllo del veicolo è stato trovato un ingente quantitativo di merce di cui il conducente non era in grado di indicarne la provenienza. In particolare, nel vano portabagagli della Mini, erano occultati generi alimentari, cosmetici, , lacche per capelli, rasoi e numerose confezioni di adesivo per dentiere. La strana spesa ha indotto i poliziotti della Sottosezione Polizia Stradale di Roma Nord ad effettuare qualche accertamento che ha consentito di comprendere che i cosmetici rinvenuti erano stati illecitamente sottratti da un negozio di Viterbo appartenente ad una nota catena. Il ragazzo è stato sanzionato per le violazioni amministrative e denunciato per il reato di ricettazione, mentre il veicolo su cui viaggiava è stato sottoposto a sequestro amministrativo. Parte della refurtiva è stata restituita al proprietario. Per il resto della merce sequestrata si è in attesa di accertarne la provenienza.

Massimo Ferrero pronto a candidarsi sindaco di Roma

SEGUICI SU TWITTER

Pubblicità

Cronaca

ROMA Bimba di 10 anni muore dopo operazione all’orecchio: condannati 2 anestesisti

Pubblicato

in

Di



La bambina era morta nel marzo del 2014 a seguito di un’operazione all’orecchio.

Si è concluso il processo legato alla morte della bimba di 10 anni che nel 2014 era stata sottoposta presso la clinica Villa Mafalda ad un’operazione all’orecchio considerata di routine. Sono stati condannati a 2 anni di reclusione i due anestesisti con l’accusa di omicidio colposo, poiché per l’accusa si sarebbero allontanati dalla sala operatoria dopo aver somministrato l’anestesia. La pena è sospesa in quanto subordinata al pagamento di una provvisionale di  550mila euro da destinare ai familiari che si sono costituiti parte civile. Assolti dal giudice il chirurgo, un suo collaboratore e la direttrice sanitaria della struttura perché “il fatto non sussiste”.

ROMA, SGARBI SI CANDIDA SINDACO

SEGUICI SU FACEBOOK

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA