Seguici sui Social

Ultime Notizie

Navigare sul Tevere: il progetto prende vita

Avatar

Pubblicato

il

PUBBLICITA


Chiesto il Recovery fund da 300 milioni di euro per finanziare il progetto. : “Un itinerario che attraversa la Storia della nostra Capitale”

Roma. Navigare sul , come facevano gli antichi. E farlo con imbarcazioni elettriche, dalla foce fino al limite settentrionale della città, per un percorso di circa 60 chilometri. Questo il progetto pensato per i quasi due milioni di turisti crocieristi che ogni anno sbarcano nel Lazio. Tutto ciò è parte del piano di intervento proposto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in collaborazione con la Città Metropolitana di Roma Capitale, inserito nel Recovery Plan che il governo italiano invierà in Europa per accedere ai fondi del pacchetto per la ripresa Next Generation EU. I fondi sono destinati alla ripresa post crisi dovuta al Covid19. Per ripristinare la navigabilità del Tevere il Mit presenterà una richiesta di 300 milioni di euro che serviranno alla realizzazione delle opere infrastrutturali per la navigazione e l’attracco, ad interventi di bonifica e messa in sicurezza delle banchine e del bacino e al risanamento ambientale e naturalistico.

Il commento della Raggi

Promotrice dell’iniziativa anche la Sindaca Raggi, che al riguardo ha dichiarato: “Vogliamo che Roma, così come avviene in altre Capitali europee quali Parigi, Vienna e Budapest, abbia il suo fiume navigabile con battelli elettrici a disposizione di cittadini e turisti. Sarà un itinerario unico al mondo, che attraversa la storia della nostra Capitale per arrivare fino alla foce del Tevere. Il fiume rappresenta una risorsa preziosa per la città e grazie a questo piano potremo sfruttare tutte le sue potenzialità. Un’opera strategica per Roma, un progetto importante di cui si discute da decenni e che ora, grazie all’utilizzo di fondi europei, diventa sempre più concreto“. Anche Teresa Zotta, Vice Sindaco della Città metropolitana di Roma, ha espresso il suo entusiasmo per il progetto: “La collaborazione inter istituzionale tra Ministero dei Trasporti, Città metropolitana, Roma Capitale, Regione Lazio e Comuni del territorio provinciale sarà la chiave di volta per concretizzare un’idea che da troppi anni era nel cassetto. Finalmente grazie a investimenti certi potremmo realizzare un progetto che non solo restituisce dignità urbanistica ma sarà l’occasione di sviluppo in settori come il turismo e la cultura che oggi hanno bisogno di sostegno con l’occhio proiettato verso un futuro pieno di speranza per le potenzialità che racchiude. Già nell’antichità il Tevere ha rappresentato una risorsa preziosa per i commerci per la sua natura di collegamento con la zona portuale sul Tirreno. Per questo La Città Metropolitana sarà orgogliosa di collaborare alla realizzazione di questo progetto che sicuramente produrrà un servizio utile per i territori che amministriamo attraverso il recupero delle potenzialità che il nostro fiume racchiude“, ha concluso.


Ultime Notizie

MARCONI Nascondeva 10mila euro di refurtiva in casa: arrestato 45enne filippino

Avatar

Pubblicato

il

MARCONI Nascondeva 10mila

MARCONI Nascondeva 10mila euro di refurtiva in casa, la Polizia di stato arresta 45enne per ricettazione e rifiuto di fornire le generalità

MARCONI Nascondeva 10mila euro di refurtiva in casa – Al termine di attività di indagine, gli agenti della Polizia di Stato del commissariato San Paolo, diretto da Massimiliano Maset, sono riusciti a individuare un appartamento in via Gerolamo Cardano dove era stato segnalato lo smercio di materiale di provenienza furtiva da parte di un cittadino straniero. Quando i poliziotti sono giunti nei pressi dell’edificio, hanno notato uno straniero che, a piedi, stava giungendo in direzione dell’ingresso del condominio. A destare sospetti,  il fatto che questo, continuava a voltarsi come per controllare se fosse seguito da qualcuno. Subito dopo ha aperto il cancello pedonale esterno al palazzo e, quando i poliziotti decisi a controllarlo, si sono avvicinati, lui ha cercato di scappare ma è stato bloccato.

CONTINUA

Agitato e visibilmente insofferente al controllo, il 45enne di origine filippina, alla richiesta degli operatori, rispondeva di non avere documenti con sé e di non abitare in quel palazzo. In tasca però, gli venivano trovate alcune chiavi e la somma di 1200 euro in contanti di cui non sapeva giustificare il possesso. Grazie ai due mazzi di chiavi rinvenute, i poliziotti sono riusciti ad individuare poco dopo l’appartamento dove vive lo straniero. All’interno di questo, è stata rinvenuta della merce rubata tra cui personal computer, borse, due orologi, penne, diverse paia di occhiali, tutta refurtiva di ingente valore pari a 10 mila euro circa e di cui l’uomo non sapeva fornire spiegazioni circa la provenienza. Accompagnato negli uffici di Polizia, lo straniero è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per ricettazione e rifiuto di fornire le proprie generalità.

ROMA Ladri rubano oro e preziosi dal valore di 15mila euro: la polizia li pedina e li arresta

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA