Vaccino Astrazeneca sospeso, chiusi gli hub romani

Vaccino Astrazeneca sospeso, chiusi gli hub romani: le ultime news

Vaccino Astrazeneca sospeso, iniziano a vedersi le prime conseguenze sulla campagna di somministrazione. La decisione è arrivata ieri dall’Aifa, l’Agenzia italiana del Farmaco. Il motivo, i decessi ‘sospetti’ dopo l’inoculazione di alcune dosi. Sulla vicenda si attende ora il verdetto dell’Ema, previsto per giovedì. Ma intanto l’impatto è devastante: solo nel Lazio sarebbero infatti 7mila le prenotazioni per la vaccinazione con il siero anglo-svedese saltate.

Nelle prossime ore, la Regione invierà a tutti gli interessati un sms informativo: “L’appuntamento è sospeso – il contenuto – Sarà nostra cura informarla tempestivamente sulla riprogrammazione della vaccinazione non appena disponibili indicazioni nazionali. Invitiamo i prenotati a non recarsi presso il punto vaccinale. Tutti saranno ricontattati”.

Ma intanto i primi effetti concreti della decisione si notano negli hub, i centri vaccinali allestiti sul territorio. Molti di essi infatti somministravano solo Astrazeneca e per questo sono stati costretti a chiudere. Tra essi, quello, aperto da poco, della Stazione Termini di Roma. Ma anche la Nuvola, il centro di Fiumicino e altri 30 sparsi nella Regione hanno sbarrato le proprie porte. Le persone presenti all’interno sono state fatte uscire senza aver ricevuto la dose e il motivo è stato loro spiegato dagli operatori della Croce Rossa.