Fratelli Bianchi
Fratelli Bianchi

WILLY I fratelli Bianchi e quei messaggi in chat: “Camminerai in sedia a rotelle”

Nuovi guai per i fratelli Bianchi, imputati per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte.

Potrebbe aggravarsi la posizione dei fratelli Bianchi. Ad incastrarli sarebbero giunti nelle ultime ore alcuni messaggi postati su una chat. A riportarlo stamane il quotidiano La Repubblica, che cita documenti relativi ad un altro processo che vede alla sbarra i due giovani. “Gang Bang“, questo il nome dato allo spazio di conversazione, di cui i due erano utenti. Un nome un programma, così come il tono delle parole usate, rivolte ad altre giovani vittime.

Rivolgendosi ad una di esse, uno dei fratelli la minacciava apertamente di farla finire su una sedia a rotelle. Uno scopo per il quale il ragazzo non si sarebbe fatto scrupolo nemmeno di andarla a pescare a casa (“a Terracina o dove c**** abiti“). A suffragio delle minacce, il fratello, in un altro messaggio, promette poi che il giorno in cui i due si incontreranno “lo ricorderai per tutta la vita“.

Parole decisamente forti, ma anche immagini tra gli atti al vaglio dei magistrati. Per la precisione, un video che ritrae un amico dei Bianchi esplodere alcuni colpi di pistola in aria. Al suo fianco c’è un altro ragazzo, che con un coltello finge il gesto di sgozzare. Tra gli elementi emersi nel corso delle indagini, inoltre, anche un tentativo di mettere ko una telecamera di videosorveglianza, posizionata all’esterno della casa di uno dei ragazzi.

VITTORIO SGARBI NEI GUAI