Berlusconi al Quirinale, il Cavaliere non esclude l’ipotesi

Berlusconi al Quirinale è più di un'ipotesi: la conferma del diretto interessato

Berlusconi al Quirinale. Un sogno che l’ex premier insegue da praticamente tutta la vita (politica) e che ora potrebbe finalmente realizzare. A confermarlo lui stesso, in un’intervento ad un meeting a Saint Vincent. “Vedremo cosa potrò fare“, commenta. Assicurando poi che, qualora la sua candidatura dovesse risultare con un largo appoggio, “non mi tirerò indietro e mi comporterò nella maniera più utile per il nostro Paese“. A poco meno di quattro mesi dal voto, previsto per il prossimo febbraio, si accende la lotta per il trono di Capo dello Stato. Finora tutti gli indizi forniti dalle componenti politiche portavano verso una ‘promozione’ dell’attuale premier Mario Draghi. Ma queste dichiarazioni di Berlusconi sono ora destinate a sconvolgere ogni equilibrio. Il Cavaliere, incalzato su una ‘discesa in campo’, aveva finora sempre negato o comunque minimizzato la possibilità. Questa è dunque la prima volta che la sua convinzione si mostra in tutta pienezza e, alla luce del carattere del personaggio, non è certo fattore di poco conto. Bisognerà ora vedere cosa ne pensano sugli altri fronti: soprattutto da sinistra, infatti, il nome di Berlusconi è sempre stato osteggiato a causa della sua ‘divisività’. Senza dimenticare il curriculum giudiziario, non proprio tipico di un Presidente della Repubblica. La strada è in salita dunque, ma Berlusconi è determinato a percorrerla.