Mauro Caliste
Mauro Caliste

Mauro Caliste: “Decoro e sicurezza. Il mio impegno per il V Municipio”

Mauro Caliste è di Tor Pignattara. Nato nel 1959, conosce per filo e per segno, tutto il quadrante sudest, a ridosso del centro storico di Roma. Domenica si andrà al ballottaggio e, con il suo 34%, Caliste proverà a superare il suo avversario Daniele Rinaldi (centrodestra), che ha ottenuto una manciata di voti in più.

Mauro Caliste ama la collettività fin da quando era ragazzo, con svariate attività di volontariato e d’impegno civico. E’ stato uno dei promotori del Comitato di Quartiere di Torpignattara e della Casa Famiglia Lodovico Pavoni. Per molti anni ha ricoperto anche la carica di presidente del Consiglio d’istituto dell’istituto comprensivo Alberto Manzi.

Mauro Caliste
Mauro Caliste alla fermata del “trenino” di Tor Pignattara

Lacronacadiroma.it ha contattato in esclusiva il candidato presidente per fargli qualche domanda, per conoscere meglio i suoi programmi e le idee riguardo il territorio che abbraccia la Casilina e la Prenestina.

Quali saranno i futuri progetti che intenderà attuare nel caso in dovesse diventare il primo cittadino del V municipio?

“In attesa della scadenza del contratto tra il comune e l’Ama, prevista per giugno 2022, faremo un contratto integrativo a livello municipale con essa, che prevede una maggior frequenza della pulizia di strade e piazze del nostro municipio“.

Caliste si dimostra un uomo saggio e competente, perché dal nuovo consiglio municipale si aspetta “Collaborazione, con idee e proposte, da parte di tutti i consiglieri di maggioranza e opposizione. Nei prossimi 5 anni bisognerà lavorare per risolvere le problematiche del nostro territorio, al di là dell’appartenenza politica”.

I temi più cari a Mauro Caliste

Essendoci nato, di sicuro lei avrà a cuore qualche cosa in particolare che vorrebbe vedere sotto una nuova veste magari attraverso il suo lavoro nel municipio.

“Beh sì, uno dei temi a me più cari è sicuramente la cura del territorio e la sicurezza. Dobbiamo prevedere la pulizia delle strade e la potatura degli alberi, attività che non dovrebbero essere delle eccezionalità.

Mentre per ciò che concerne la sicurezza, tutti si devono sentire liberi di camminare per le strade e nei parchi del territorio, senza il rischio di incorrere in situazioni spiacevoli.

Altro tema che ho a cuore sono le politiche sociali. Ci impegneremo per fare il nuovo Piano Sociale di Zona, dando delle risposte alle famiglie con problematiche, quali disabilità e disagio sociale, aggravate a causa della pandemia.

Quali sono le richieste più sentite del V Municipio?

Per Mauro Caliste l’impegno più importante da prendere con la cittadinanza è sicuramente la pulizia di muri e strade “Ho girato il municipio in lungo e in largo e la richiesta unanime è quella del decoro del territorio. Una richiesta in particolare che ho ricevuto, incontrando i cittadini delle case popolari del Comune e della Regione, è stata quella di istituire uno sportello a livello municipale a cui i cittadini, possono rivolgersi per presentare le loro istanze, essendo in buona parte persone anziane, che hanno difficoltà a comunicare tramite mezzi informatici“.

Mauro Caliste
Mauro Caliste al Pigneto

Il Giubileo 2025 al V Municipio

Roma si sta già organizzando per il Giubileo del 2025, naturalmente il V Municipio farà la sua parte, essendo a ridosso del centro storico. Secondo Mauro Caliste che ruolo avrà il suo territorio in questo grandissimo evento?

“Il nostro municipio dovrà essere protagonista. Il municipio 5 è il secondo municipio di Roma, per la presenza archeologica e culturale, quindi l’obiettivo è valorizzare le nostre bellezze artistiche e culturali, farle conoscere ai fedeli che arriveranno nel nostro territorio, con lo scopo di incentivare lo sviluppo, non solo culturale, ma anche economico”.

Mauro Caliste e la riqualificazione di Villa Gordiani

A tal proposito come pensa di ristrutturare il Mausoleo all’interno del parco di Villa Gordiani, visto che è più di un anno recintato, senza nessuno che ci lavora?

“ll nostro intento è quello di sbloccare i finanziamenti previsti per il parco di Villa Gordiani, per il Parco di Centocelle e per il parco Lineare, da anni fermi. La nostra intenzione è quella di utilizzare i finanziamenti previsti dal MIBAC e di istituire nel municipio un gruppo di donne e uomini, dipendenti comunali, che partecipi a bandi regionali ed europei, per reperire finanziamenti da poter utilizzare nel nostro territorio per cultura e non solo”.

Se invece diventerà presidente rifarà il campo di calcio, sempre a Villa Gordiani, che la giunta precedente ha abbattuto? Era un campo storico per il quartiere, da ragazzo ci ha giocato addirittura Francesco Totti.

“Il nostro obiettivo è quello di realizzare nuovi impianti, a Villa Gordiani, così come in altre zone del municipio, di istallare attrezzi sportivi presso i parchi pubblici e di recuperare e mettere a disposizione dei cittadini altri impianti sportivi, come la piscina del Quarticciolo e il campo di calcio adiacente il deposito Atac di Tor Sapienza”.

Fra le tante idee di Caliste c’è anche la possibilità di destinare gli spazi dei capannoni del Teatro dell’Opera, sulla via Palmiro Togliatti, ad attività creative ed innovative dei giovani del territorio. “L’impegno di tutti sarà quello di migliorare la vita dei cittadini. Un impegno che dovrà essere di tutti, al di là dell’appartenenza politica. Un municipio più pulito, più sicuro, dove, soprattutto le nuove generazioni del nostro territorio possano realizzare i loro obiettivi”.

Davide Sperati per lacronacadiroma