“Ciao Povery”: cartelloni ‘per ricchi’ a Roma Nord. E scoppia la polemica

"Ciao Povery": l'iniziativa di un'agenzia immobiliare sfocia in una brutta gaffe. E desta le furie dei romani

ciao povery

“Ciao Povery”. Questa solo una delle scritte presenti su diversi manifesti affissi tra le strade dei quartieri alti di Roma. Parole che a chi le ha ideate devono essere sembrate puramente ironiche. Peccato che ai cittadini che le hanno lette non abbiano strappato il benchè minimo sorriso, tutt’altro. D’altronde, questa è la reazione quando sei una persona comune, non particolarmente agiata (anzi, in qualche caso proprio per niente) e ti trovi davanti frasi come questa. Oppure come “Solo per chi ha domestici” o “Per diventare di Roma Nord“. Cose che indubbiamente non possono piacere a chi ogni giorno ce la mette tutta per sbarcare il lunario. E che quindi si sente in dovere di rispondere a tono. Dove? Sulla cassa di risonanza migliore per questo genere di polemiche: i social.

Siete di pessimo gusto – scrive un utente – Non andrete molto lontano. Anzi, vi auguro di essere un giorno i domestici di qualcuno“. Ma le manifestazioni di dissenso non si limitano alle parole: in arrivo potrebbero esserci infatti anche denunce allo IAP (Istituto per l’Autodisciplina pubblicitaria). Chi sta pensando di inoltrarle definisce gli slogn, oltre che “del tutto inopportuni e offensivi”, “un insulto in un periodo di periodo di crisi economica e sociale”. “La povertà non è una colpa – aggiungono – e volerla far apparire, tossicamente, tale ha stancato le persone”. “Questa pubblicità – concludono – è solo l’ultima guerra dei ricchi contro chi non ha niente e non siamo disposti a tollerarla”.

FRATELLI BIANCHI, ARRESTATO LO ZIO

 

CAMBIA GDPR