Occupazione con topi comprati: l’incredibile trovata in un liceo romano

Occupazione con topi comprati. Della serie, cosa ci si inventa pur di non fare lezioni

occupazione con topi comprati

Occupazione con topi comprati. Un episodio davvero incredibile quello che si è consumato all’interno del Liceo ‘Primo Levi’, in zona Ardeatina. A partorire l’idea tre studenti. Prima hanno organizzato l’occupazione, muovendosi con i compagni per indurli ad aderire in massa. Poi, come ‘scusa’, si sono serviti di uno dei problemi che da sempre attanagliano Roma e le sue strade: la sporcizia.

OCCUPAZIONE CON TOPI COMPRATI, L’IDEA

Hanno acquistato due topi e poi li hanno immortalati in alcune foto, in giro per la scuola. Queste ultime le hanno poi postate sui social. In questo modo, pensavano, anche i dirigenti si sarebbero resi conto delle scarse condizioni igieniche dell’istituto e avrebbero provveduto a interrompere l’attività didattica.

E in effetti per un pò la trovata è sembrata funzionare: la circolazione dello scatto è stata infatti imponente. Prima su Whatsapp e poi su una nota pagina Facebook. Qui ha ricevuto decine di migliaia di ‘mi piace’ e centinaia di commenti, rendendo il liceo tra i più ‘conosciuti’ del momento. L’inganno è stato però ben presto smascherato.

A ciò, riporta Il Messaggero, hanno contribuito proprio quei dirigenti che i ragazzi avevano creduto di gabbare. In una circolare, la preside ha spiegato infatti di aver informato la città metropolitana, che è immediatamente intervenuta catturando i due topi. Gli esperti ne hanno poi certificato la natura domestica, accertando come fossero stati acquistati in un centro commerciale. L’azione, definita ‘sciocca’ e ‘che crea solo panico’, ha avuto tuttavia un lieto fine: uno dei professori ha infatti deciso di ‘adottare’ uno dei roditori, salvandolo dalla morte.

PARIOLI, BIMBO AUTISTICO AGGREDITO

CAMBIA GDPR