Florenzi: “Io cacciato come Totti e De Rossi”

Florenzi, in un'intervista ai microfoni di Dazn, ha parlato del suo addio alla Roma

Florenzi

Alessandri Florenzi, il terzino del Milan, ai microfoni di Dazn ha parlato del suo addio alla Roma, dichiarando che la squadra giallorossa “è la squadra che ho tifato fin da bambino per cui ho dato tutto“.

Florenzi

Florenzi: “Mi hanno detto che non servivano più gli eroi”

Nonostante i bei ricordi e il suo amore per la Roma, Florenzi ha raccontato di come il suo percorso sarebbe cambiato: “Il momento in cui ho capito che le nostre strade si stavano separando è quando mi hanno detto che non servivano più gli eroi per i tifosi della Roma. Quando la Roma come società aveva intrapreso un’altra strada“.

Il terzino ha dichiarato di aver capito che dopo gli addii a De Rossi e Totti, di lì a poco la sua permanenza nella squadra sarebbe terminata: “Davanti a me c’è stata la successione degli addii di Daniele e Francesco e ho capito che era arrivato il mio turno”, aggiungendo “L’ho fatto cercando di dare meno problemi possibili e comportandomi sempre da professionista esemplare quale secondo me sono stato. L’ho accettato perché lo si fa sempre e sono andato avanti”.