Seguici sui Social

Attualità

Selvaggia Lucarelli: “Saldi imminenti bomba epidemiologica”

Pubblicato

il

2 euro per un piattino Selvaggia Lucarelli

Nelle scorse ore la nota giornalista Selvaggia Lucarelli ha pubblicato un tweet sul noto social network che recita: “La più grande bomba epidemiologica non sono le vacanze, ma i saldi imminenti“. Una frase, questa, che ha suscitato le polemiche e i più disparati commenti degli utenti di twitter, che alla giornalista non hanno risparmiato accuse e critiche.

Selvaggia Lucarelli contro un conduttore Mediaset: “Tutto ciò è vergognoso”  - LaNostraTv

SELVAGGIA LUCARELLI E I SALDI, TWEET IRONICO?

La sensazione, leggendo il post, è che Selvaggia Lucarelli abbia voluto fare dell’ironia per sdrammatizzare la delicata situazione che il paese sta vivendo. Ad ogni modo, ironico o no, il tweet in questione ha scatenato le critiche di numerosi utenti della piattaforma. La giornalista, come è noto, non è nuova a esternazioni che, volenti o nolenti, suscitano polemiche. Di seguito il tweet in questione.

 

SEGUICI SU FACEBOOK

Attualità

Muore dopo un mese di agonia: due arresti

Pubblicato

il

Arrestati a Velletri per estorsione e omicidio

Un uomo e una donna sono stati arrestati a Velletri con l’accusa di estorsione e omicidio. La vittima, un 52enne, è deceduto a seguito delle percosse ricevute per ottenere la tessera del reddito di cittadinanza.

I dettagli dell’arresto

Un uomo di 54 anni e una donna di 46 sono stati arrestati a Velletri. I carabinieri del comune dei Castelli Romani hanno raccolto prove significative che li hanno condotti agli arresti, dopo la morte dell’uomo di 52 anni avvenuta il 21 gennaio nell’ospedale di Velletri.

Le accuse e le indagini

Il gip del Tribunale di Velletri ha recepito l’inchiesta dei militari, emettendo il provvedimento di carcere per l’uomo e gli arresti domiciliari per la donna. Secondo l’indagine, la coppia avrebbe ucciso il 52enne per ottenere la tessera del reddito di cittadinanza, estorcendogli denaro a suon di percosse. L’uomo era già coinvolto in estorsioni ai danni di pensionati e sembra che abbia continuato fino a commettere l’omicidio.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Ayrton Senna: esposta la McLaren del mondiale, dove e quando vederla a 30 anni dalla morte

Pubblicato

il

La McLaren di Ayrton Senna a Piazza Navona

La McLaren con cui Ayrton Senna ha vinto il mondiale Suzuka in Giappone nel 1988 è esposta a piazza Navona: ecco quando poterla ammirare gratuitamente.

Mostra “Ayrton Senna Forever” a Roma

“The magic” per sempre. A trent’anni dalla scomparsa del pilota di Formula 1, la McLaren di Ayrton Senna è esposta nel cortile dell’ambasciata brasiliana a piazza Navona a Roma. Sarà possibile vederla da vicino gratuitamente nella giornata di domani, venerdì 12 aprile. L’opportunità si inserisce nell’ambito della presentazione della mostra “Ayrton Senna Forever” a Torino.

Ricordo e mostra di Ayrton Senna a Torino

Senna ha vinto il suo primo titolo mondiale nella stagione di Formula 1 del 1988 a Suzuka, in Giappone, con il modello MP4/4. Il pilota è morto nel 1994 a seguito di un incidente a Imola. La mostra “Ayrton Senna Forever” a Torino, che si terrà dal 24 aprile al 13 ottobre 2024, renderà omaggio alla sua carriera con 253 oggetti personali esposti, tra cui magliette, tute e caschi. Saranno presenti anche immagini, video e un podcast da ascoltare durante la visita, oltre alle auto che ha guidato lungo la sua carriera.

Il weekend nero della Formula 1

Trent’anni dopo la perdita di Ayrton Senna, si ricorda il tragico weekend che ha segnato il campionato di Formula 1. L’incidente di Rubens Barrichello e la morte di Roland Ratzenberger furono il preludio alla tragedia avvenuta il 1 maggio con l’incidente mortale di Senna alla curva del Tamburello. Senna, soprannominato “The Magic” e “Mago della Pioggia”, resta una delle figure più amate e rispettate nella storia della Formula 1.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Scelta dopo diffusione video intimi

Pubblicato

il

Revoca del patrocinio da parte del Campidoglio

Il Campidoglio ha revocato il patrocinio da una campagna sulla guida sicura con i giocatori dell’As Roma Primavera come testimonial, dopo la diffusione dei video intimi senza consenso da parte di un giovane calciatore.

Indagine della procura sportiva in corso

L’indagine della procura sportiva sulla diffusione di video intimi di due dipendenti della Roma, licenziati successivamente, da parte di un giovane calciatore della Primavera continua. In attesa dei provvedimenti, il Campidoglio ha deciso di revocare il patrocinio per la campagna di sicurezza stradale.

Decisione dell’assessorato ai Trasporti e alla Mobilità

La decisione di revocare il patrocinio sarebbe giunta direttamente dall’assessorato ai Trasporti e alla Mobilità. I giocatori della Primavera erano ambasciatori della campagna “Tieni in gioco la vita”, ma il Comune di Roma ha deciso di fare un dietrofront nella situazione attuale.

Dettagli sulla campagna promossa

La campagna sulla guida sicura era iniziata a marzo e prevedeva un corso teorico e pratico nella scuola di Tor Vergata. Coinvolgeva anche tre scuole romane e l’intera squadra della Roma Primavera.

Rivoluzione nella decisione

La presenza dei giovani giocatori ha influenzato la decisione del Campidoglio di ritirare temporaneamente il patrocinio, in attesa dell’esito dell’indagine. La società Roma continua a parlare di problemi logistici e conferma la collaborazione con il Campidoglio per il futuro.

Diffusione di video intimi e licenziamenti

La diffusione dei video intimi della dipendente della Roma e del suo compagno, da parte di un calciatore della Primavera, ha portato al licenziamento di entrambi. Il calciatore responsabile dovrà ora spiegare le ragioni del suo gesto, che ha portato a questa situazione controversa.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Comando, detenuti schiavi.

Pubblicato

il

L’omicidio di Willy Monteiro Duarte a Colleferro ha scosso l’opinione pubblica. Gabriele Bianchi, condannato per l’omicidio in concorso di Willy Monteiro Duarte, si è reso protagonista di comportamenti violenti e prepotenti nel carcere di Rebibbia, dove rischia l’ergastolo nel processo d’appello bis.

Gabriele Bianchi, un lottatore di MMA di Artena, avrebbe esercitato violenze e soprusi sui detenuti del carcere di Rebibbia, vantando il suo controllo sulla situazione. Condannato a 24 anni di carcere per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, si è detto che Gabriele abbia bullizzato anche un settantenne, assumendo ruoli di leadership su altri detenuti. Il fratello di Gabriele, Marco, è detenuto nel carcere di Pescara.

In merito agli altri tre imputati per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, Francesco Belleggia è stato portato in carcere a Velletri dopo la condanna definitiva a 23 anni di carcere. Mario Pincarelli, condannato anch’egli in via definitiva, si appresta a sposarsi a Civitavecchia con una ragazza che si è innamorata di lui vedendolo in televisione durante l’udienza in tribunale.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Polemica Salvini Rampelli fine Ramadan Roma donne “chiuse recinto”

Pubblicato

il

Matteo Salvini e Fabio Rampelli hanno sollevato una polemica sulla preghiera in Piazza dei Mirti a Roma, durante la celebrazione della fine del mese sacro di Ramadan. Hanno notato che gli uomini pregano all’aperto mentre le donne islamiche sono chiuse all’interno di un recinto durante la preghiera.

Durante l’Eid Al-Fitr, la festa di fine Ramadan del 10 aprile, circa 3 milioni di musulmani in Italia si sono radunati per pregare insieme in molte città. Nelle moschee, uomini e donne solitamente pregano in spazi separati, ma esistono anche moschee, come a Firenze, dove pregano insieme.

A Centocelle, Fabio Rampelli ha espresso indignazione per il trattamento delle donne durante la preghiera. Ha notato che le donne erano rinchiuse in un recinto durante la preghiera, impedendo loro di partecipare attivamente e di guardare gli uomini pregare. Ha sottolineato come questo comportamento sia discriminatorio e contrario ai principi costituzionali italiani.

Rampelli ha evidenziato la mancanza di reazioni da parte di donne di sinistra o femministe davanti a questa situazione. Ha sottolineato l’importanza di trovare un equilibrio tra il rispetto della civiltà italiana e dei suoi principi costituzionali e il diritto dei fedeli musulmani di praticare liberamente la propria fede durante le celebrazioni pubbliche.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Nuovo processo per stalking: Enrico Varriale accusato da un’altra ex per minacce di morte

Pubblicato

il

Enrico Varriale è coinvolto in un nuovo processo per stalking e lesioni nei confronti di una sua ex compagna. L’udienza è stata fissata per il 20 novembre da un gup. La situazione si aggiunge a un precedente procedimento simile che il giornalista ha affrontato in passato.

Nel nuovo procedimento giudiziario, si accusa Varriale di aver minacciato e molestato ripetutamente la sua ex compagna, arrivando anche a causarle lesioni fisiche. Le accuse includono anche il tentativo di contattare la vittima con numeri anonimi e attraverso i social media. I fatti contestati sarebbero avvenuti tra dicembre 2021 e febbraio 2022. Varriale è già stato sottoposto alla misura del divieto di avvicinamento da parte di un’altra ex fidanzata.

In un’altra vicenda simile, Enrico Varriale è stato denunciato per lesioni e stalking verso un’altra donna. L’accusa più grave si riferisce a un episodio dell’8 dicembre 2021, in cui la donna ha perso i sensi durante un litigio con Varriale a casa di quest’ultimo. Varriale avrebbe minacciato di ucciderla se fosse stata denunciata. L’accusa include anche appostamenti e telefonate minacciose.

In un’udienza precedente, Varriale ha negato la maggior parte delle accuse, ammettendo solo di aver dato uno schiaffo alla sua ex compagna. Ha descritto l’evento come frutto di una violenta lite, sottolineando che il gesto aggressivo è stato un errore. Varriale ha fornito la sua versione dei fatti di fronte ai giudici, sostenendo di essere stato provocato dalla sua ex compagna durante l’alterco.

Fonte

Continua a leggere

Mondo

Ansa, Iran pronto ad attaccare Israele

Pubblicato

il

Un attacco contro Israele da parte dell’Iran o di gruppi filo-iraniani potrebbe scatenare una serie di conseguenze, inclusa una potenziale escalation del conflitto nella regione del Medio Oriente. Gli Stati Uniti e i loro alleati avrebbero probabilmente una risposta decisa per difendere Israele e proteggere i propri interessi nella regione.

Tuttavia, è importante considerare anche la possibilità che le informazioni citate potrebbero essere parte di una strategia di informazione o di un’analisi delle minacce in corso. Gli attacchi imminenti non sempre si materializzano, e le situazioni geopolitiche sono soggette a cambiamenti rapidi e complessi.

È importante notare che le informazioni sono basate su un articolo di Bloomberg e vengono presentate come ipotesi o possibili scenari, piuttosto che come fatti confermati. Tuttavia, se queste affermazioni si rivelassero vere, potrebbero avere implicazioni significative per la regione e per le relazioni internazionali.

È fondamentale seguire da vicino gli sviluppi della situazione e considerare fonti multiple per ottenere una comprensione completa degli eventi. Fonte

Continua a leggere

Mondo

Presentatrice si fa il segno della croce durante diretta di terremoto a New York

Pubblicato

il

Il recente terremoto ha destato scalpore tra i presentatori di MLB Central, il rinomato canale dedicato al baseball. Mentre erano in diretta, alle 16:20 ora italiana, la scossa di terremoto di magnitudo 4,7 ha suscitato una reazione mista di incredulità e nervosismo tra i presentatori.

Magnitudo 4,7 – Il terremoto che ha scosso New York

L’incredulità è stata la prima reazione allo straordinario evento. La maggior parte del team di MLB Central ha risposto con stupore alla notizia. Alcuni di loro, tra coloro che erano in onda in quel momento, hanno scherzato sul fatto che stavano presentando una notizia “seria”, non riuscendo a credere che un terremoto potesse colpire New York.

Reazioni sulla diretta di MLB Central

Nonostante il senso di incredulità, c’è stata una rapida risposta da parte della presentatrice che, prontamente, si è fatta il segno della croce. Una reazione che ha sottolineato la gravità della situazione, ma anche la speranza per la sicurezza di tutti.

Questo evento imprevisto ha ulteriormente evidenziato l’importanza della preparazione e della prontezza nel mondo del broadcasting. La reazione dello staff di MLB Central, seppur inaspettata, dimostra il loro impegno nell’informare il pubblico delle ultime notizie, indipendentemente dal grado di sorpresa o gravità delle stesse.

Continua a leggere

Attualità

I cantanti contro L’intelligenza artificiale, ma nessuno dice nulla sull’auto-tune

Pubblicato

il

Ora i cantanti piangono, però si dimenticano con troppa facilità che l’Auto-tune ha fatto diventare celebri anche persone che non avevano nessun talento.

I tempi cambiano anche per loro e, dopo anni di finti artisti e di donzelle che oltre a spogliarsi non avevano tante qualità canore, ecco che i musicisti americani firmano una lettera di dissenso, nonostante siano pluri-milionari. Dopo gli attori, anche loro una bella casta, ora è il turno dei cantanti.

Il malcontento dell’industria musicale contro l’intelligenza artificiale generativa

Il movimento di rivolta contro l’intelligenza artificiale si sta intensificando sempre di più. Dopo gli scioperi di Hollywood, più di 250 artisti musicali hanno deciso di esprimere collettivamente il proprio dissenso. Il martedì scorso, hanno firmato una lettera aperta indirizzata alle aziende tecnologiche, agli sviluppatori e alle piattaforme di streaming per opporsi all’utilizzo non autorizzato della loro musica da parte dell’intelligenza artificiale generativa.

La protesta dei grandi nomi della musica

Tra i firmatari della lettera troviamo artisti del calibro di Billie Eilish, Nicki Minaj, Elvis Costello, R.E.M., Mumford & Sons, Katy Perry, Norah Jones, Ja Rule, Jason Isbell e i Pearl Jam. La protesta coinvolge una vasta gamma di generi musicali e rappresenta un’iniziativa dell’Artist Rights Alliance, un’organizzazione impegnata nella difesa dei diritti degli artisti nell’era digitale.

La critica all’utilizzo non autorizzato della musica

Gli artisti riconoscono il potenziale creativo dell’intelligenza artificiale, ma denunciano il fatto che alcune aziende stiano utilizzando il loro lavoro per addestrare modelli di intelligenza artificiale senza il loro consenso. Questo approccio minaccia direttamente la sostentamento degli artisti umani, dal momento che le royalties pagate vengono diluite da un’enorme quantità di “suoni” e “immagini” generate artificialmente.

Una minaccia per l’esistenza dei musicisti

Per molti musicisti, cantautori e artisti che dipendono dalle royalties per vivere, questo uso non autorizzato della loro musica potrebbe risultare catastrofico. L’introduzione di modelli generativi di intelligenza artificiale che competono con il lavoro umano potrebbe mettere a rischio l’esistenza stessa dei creatori musicali. La protesta degli artisti è un segnale chiaro alle aziende tecnologiche: è necessario rispettare i diritti degli artisti e garantire una remunerazione equa per il loro lavoro creativo.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Polveri dal Sahara su Roma, Il comune avverrte i cittadini

Pubblicato

il

Roma è attualmente interessata da una nube di polveri provenienti dal Sahara, e il Campidoglio sta continuando a raccomandare alle persone più a rischio di evitare l’esposizione prolungata alle alte concentrazioni di inquinanti. Queste persone includono bambini, donne in gravidanza, anziani, soggetti cardiopatici e persone con patologie respiratorie. Per il secondo giorno consecutivo, viene superato il limite del Pm10.

Il Comune di Roma ha pubblicato un avviso sul suo sito web riguardante il trasporto di materiale particolato di origine naturale a lunga distanza, con eventi sahariani che stanno influenzando il territorio comunale di Roma. Varie stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria hanno segnalato il superamento del valore limite giornaliero di Pm10, come evidenziato nella giornata del 30 marzo 2024.

Il Campidoglio ha ribadito alcune azioni volontarie per contribuire a prevenire l’aumento delle concentrazioni inquinanti, tra cui l’utilizzo dei trasporti pubblici anziché dei veicoli privati, il car pooling o car sharing, la preferenza per veicoli più ecologici, comportamenti di guida atti a ridurre le emissioni inquinanti, la limitazione degli orari di accensione degli impianti termici e la riduzione della temperatura negli edifici, l’utilizzo della bicicletta e il camminare per gli spostamenti.Fonte

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA