Conference League Roma – Il programma del torneo e le chance dei capitolini

Conference League Roma
la Curva Sud, cuore del tifo giallorosso

Conference League Roma

Da quest’anno il calendario delle coppe europee è più ricco che mai. No, l’Europeo e la Nations League non c’entrano. Ci riferiamo ad una nuova, ennesima competizione voluta da UEFA e FIFA: si tratta dell’Europa Conference League, il terzo trofeo internazionale per club, che a livello gerarchico si pone evidentemente subito al di sotto della classica Europa League.

Quella in corso di svolgimento è la primissima edizione in assoluto, in quanto non si tratta di una rivisitazione di un torneo già esistente, come accadde con la vecchia Coppa UEFA. Era il 2015 quando la UEFA iniziò a pensare di aggiungere una nuova manifestazione per consentire anche ad altre squadre blasonate, ma incapaci di qualificarsi alle altre coppe, di godere di un palcoscenico al di fuori dei rispettivi confini nazionali.

CONFERENCE LEAGUE – STORIA E SQUADRE

conference league roma

Tra le formazioni che prendono parte all’Europa Conference League ve ne sono comunque alcune eliminate ai preliminari di Champions e altre fatte fuori ai gironi di Europa League. Nel 2018 l’istituzione della kermesse divenne ufficiale e il nome fu scelto un anno dopo. Sarà l’Arena Kombëtare di Tirana ad ospitare la prima finale della storia di questo torneo, in programma il 25 maggio.

Nel frattempo, le gare della fase ad eliminazione diretta si disputeranno di giovedì, nello stesso giorno dei match dell’Europa League, come accaduto d’altronde anche con la fase a gruppi. Anche l’inno utilizzato è lo stesso che si può apprezzare prima delle partite della seconda coppa europea.

Le prime classificate dei gironi di Europa Conference League passano direttamente agli ottavi di finale. Tra queste c’è anche la Roma, che a sorpresa ha faticato non poco tra settembre e dicembre, a causa del Bodo/Glimt. I giallorossi hanno beffato i norvegesi proprio all’ultima giornata e dunque dovranno disputare 2 gare in meno.

Ancora oggi la “Lupa” non conosce il nome del suo prossimo avversario, in quanto il sorteggio è previsto per il 25 febbraio. C’è un particolare non indifferente da sottolineare, però. Il Tottenham è stato escluso dalla Conference a causa dell’impossibilità di giocare e recuperare la partita di ritorno con il Rennes, motivo per il quale l’ostacolo principale è stato già eliminato.

conference league roma

La Roma deve approfittarne. La squadra attualmente allenata da Mourinho non vince un trofeo dal 2008 e questa coppa rappresenta l’occasione giusta per svoltare. D’altronde, “Mou” è abituato a imprese del genere.

Il livello delle altre avversarie rimaste non è certo tale da impensierire una compagine rodata come quella capitolina, seppur priva di un organico folto.

Sul lato tecnico non c’è storia: Feyenoord e Basilea sono inferiori sulla carta, ma occhio al Leicester e al Marsiglia retrocessi dall’Europa League. Insomma, va da sé che la Roma possa essere considerata persino tra le favorite della competizione.

Anche le scommesse sportive che si possono effettuare online sembrano tenere in buona considerazione l’unica squadra italiana che partecipa a questa edizione del torneo.

Finché una qualsiasi compagine non alzerà al cielo la nuova coppa, forse nessuno riuscirà a comprenderne fino in fondo il significato. Per il calcio italiano si potrebbe prospettare dunque una suggestiva pagina di storia.