Stazione Termini – Vietato dare cibo ai clochard, le associazioni insorgono

Situazione surreale alla Stazione Termini dive i carabinieri hanno vietato di dare cibo ai clochard, le associazioni insorgono

Stazione Termini - Clochard
Stazione Termini - Clochard

Situazione surreale alla Stazione Termini dive i carabinieri hanno vietato di dare cibo ai clochard. Un episodio che ha riguardato come riporta l’indipendente.it la Casa Famiglia Ludovico Pavoni.

Stazione Termini - Clochard
Stazione Termini – Clochard

STAZIONE TERMINI – VIETATO DARE CIBO AI CLOCHARD

Ciò che è accaduto nei giorni scorsi è un’ulteriore dimostrazione di quanto le regole siano più severe e i controlli intensificati. A risentirne sono ovviamente coloro che degli aiuti ne hanno bisogno. Specialmente dopo gli attacchi terroristici e il periodo pandemico, restrizioni sempre più severe caratterizzano i luoghi pubblici. Ma da tempo la stazione Termini di Roma rappresenta, specialmente in inverno, un luogo di rifugio e le misure più severe vanno fin troppo spesso a discapito delle persone in cerca di riparo.

Stazione Termini - Clochard
Stazione Termini – Clochard

STAZIONE TERMINI – LA RISPOSTA DELLE FERROVIE DELLO STATO

Dal Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane comunicano che l’intenzione non è assolutamente quella di non aiutare i bisognosi, ma il tutto deve essere fatto con il rispetto di determinate regole. L’azienda ha inoltre ricordato che da anni si impegna in azioni solidali per i senzatetto. Azioni che, se davvero ci sono, sono evidentemente insufficienti dato che i senzatetto aspettano i volontari per molte esigenze primarie, come cibo e coperte. Ha influito molto il cambiamento di stile delle stazioni. Queste infatti ospitano sempre più negozi, ristoranti, somigliando sempre più a un centro commerciale piuttosto che a una stazione. Una “metamorfosi” fisica che è indirettamente causa, anche, di un inasprimento nei confronti dei clochard e della loro presenza in determinati punti. In buona sostanza, se le stazioni diventano sempre più luoghi dello shopping la presenza dei poveri diventa evidentemente sgradita, perché in contraddizione con quella di vetrina commerciale che le stazioni vogliono darsi. Le diverse associazioni stanno denunciando un atteggiamento reputato a loro dire, disumano.

Stazione Termini
Stazione Termini

SEGUICI SU FACEBOOK

SANGUE SULLA MOVIDA ROMANA