Cognomi genitori ai figli, sentenza storica della Corte Costituzionale

Cognomi genitori ai figli, i dettagli della decisione dell'organo presieduto da Giuliano Amato

Cognomi genitori ai figli
Ultimo aggiornamento:

Cognomi genitori ai figli, adesso è ufficiale. Da quest’oggi ogni rampollo potrà assumere oltre a quello del padre, anche quello della madre. Decade dunque quanto sancito dall’articolo 262 del Codice Civile, permettendo all’Italia di compiere un passo importante verso la piena parità uomo-donna. La Consulta ha infatti giudicato “inammissibili costituzionalmente” tutte le norme che prevedono l’attribuzione in automatico del cognome paterno.

COGNOMI GENITORI AI FIGLI, LA SENTENZA

Ciò vale per tutti i figli, a prescindere se siano stati generati dentro o fuori del matrimonio o che siano stati adottati. Ai genitori spetterà concordare in che ordine vadano inseriti i propri cognomi nel nome del figlio. Il quale, sempre di comune accordo tra entrambi, potrà ricevere anche solo quello di uno dei due. In caso di mancata intesa sull’ordine di attribuzione, a decidere sarà il giudice, in base alle disposizioni dell’ordinamento giuridico.