Roma, martellate all’ex compagno: condannata una donna e due complici

Roma, martellate all'ex compagno. Il gruppo deve rispondere di tentato omicidio premeditato

roma
Ultimo aggiornamento:

Roma, martellate all’ex compagno. Protagonista di questa vicenda, risalente all’agosto del 2017, una donna, che avrebbe assoldato il fratello e il nuovo compagno per farla pagare all’ex. Quest’ultimo sarebbe stato atteso dai due fuori da un locale in zona Ostiense e poi massacrato di botte. All’origine dell’aggressione vi sarebbe il furto e la successiva data alle fiamme di un’auto di proprietà della donna. Circostanza di cui quest’ultima avrebbe incolpato proprio l’ex compagno. E per vendicarsi avrebbe messo a punto un piano in piena regola, basandosi sulle abitudini dell’uomo. A lui i due ‘sicari’ si sarebbero presentati armati di un bastone, sulla cui cima avevano piazzato un martelletto frangi vetro.

ROMA MARTELLATE ALL’EX, LA DINAMICA DEI FATTI

Un attrezzo quest’ultimo rivestito, secondo il documento d’imputazione, di “plastica dura” e munito di “doppia punta e paletti di ferro“. La vittima, accortasi del pericolo, aveva provato a darsi alla fuga, rifugiandosi in un vicino garage, dove aveva allertato le forze dell’ordine. Qui era stato però raggiunto dai due uomini e colpito con violenza e più volte al capo e alla testa. Percosse che per fortuna gli avevano procurato ‘solo’ un trauma cranico e alcune ferite profonde. A salvarlo dalla morte infatti i Carabinieri, ai quali l’intervento aveva permesso di bloccare gli aggressori.

ROMA MARTELLATE ALL’EX, RESPONSABILI A PROCESSO

I tre sono poi comparsi in aula per essere giudicati. Alla donna è stato imputato il concorso morale nell’azione, aggravato dalla premeditazione. Il fratello e il nuovo compagno sono stati invece ritenuti gli esecutori materiali dell’aggressione. Per il secondo, il pm aveva chiesto 4 anni per lesioni aggravate declassate. Richiesta quest’ultima che il pm ha accolto, sospendendo però i 10 mesi di pena inflitti. Il bastone è stato invece posto sotto sequestro e infine distrutto.