Ara Coeli, truffa con quadri da 100mila euro sventata dai Carabinieri

Ara Coeli, truffa con quadri da 100mila euro: denunciato un uomo cittadino della Capitale

truffa con quadri ara coeli

Ara Coeli, truffa con quadri da 100mila euro. A leggerla, così di primo acchitto, potrebbe sembrare la sceneggiatura di un film. E invece quanto accaduto mercoledì poco distante dal Campidoglio è la triste realtà. Protagonista un uomo romano, che, fingendosi mercante di opere d’arte, ha provato a gabbare un antiquario veneto. A quest’ultimo il ‘furbacchione’ ha dato appuntamento presso la sua abitazione capitolina, un attico in piazza d’Ara Coeli, con la promessa di acquistare molta della merce che gli avrebbe proposto. Tutta contenta, la ‘vittima, si è messa così in viaggio, senza sapere che gli sarebbe costato centinaia di migliaia di euro.

TRUFFA CON QUADRI, DENUNCIATO UN ROMANO

A tanto infatti, secondo Il Messaggero, ammontava il valore dei quadri che l’uomo portava con sè. Opere di un certo rilievo, tra cui una natura morta e una Madonna con bambino incorniciata con estrema qualità. Dopo averle viste, il truffatore è riuscito con un espediente a far uscire dalla casa l’antiquario. Dopodichè, vi si è barricato dentro, abbassando porte e finestre. La vittima ha atteso quasi due ore di poter rientrare, poi, preoccupato, ha chiamato le forze dell’ordine. Sul posto sono così giunti i Carabinieri di Piazza Venezia, insieme ai Vigili del Fuoco. I quali, entrati nell’appartamento e accertata la truffa con quadri, hanno denunciato il romano per appropriazione indebita.

truffa con quadri
Carabinieri Piazza Venezia