Khosta 2, allarme per il ‘nuovo Covid’ scoperto in Russia

Khosta 2, la nuova minaccia alla salute pubblica arriva dalla Russia. A confermarlo alcuni studiosi dell’Università di Washington’, che hanno reso noti i risultati della loro ricerca sulla rivista ‘Plos Pathogens‘. L’agente patogeno sarebbe stato rilevato in un pipistrello russo. Gli esperti affermano che sarebbe in possesso delle capacità potenziali per insediarsi nelle cellule umane. E a nulla servirebbe contro di esso l’intervento degli anticorpi monoclonali, nè dei vaccini anti Covid attualmente a disposizione. Un’altra mazzata, dopo la risalita dei contagi registrata nell’ultima settimana in Italia e l’allarme di Anthony Fauci per la variante ‘autunnale’.

KHOSTA 2: “GRUPPI GIA’ AL LAVORO PER IL VACCINO”

Khosta 2 e il Covid sarebbero fratelli: proverrebbero infatti dalla sottocategoria di coronavirus denominata ‘sarbecovirus’. Quest’ultima, secondo l’autore dello studio, il professor Michael Letko, “circola nella fauna selvatica al di fuori dell’Asia. La troviamo infatti anche nella Russia occidentale, dove è stato identificato il Khosta 2. Essa rappresenta una minaccia sia per la salute globale che per le campagne vaccinali in corso contro il Covid“. La comunità scientifica sarebbe però già al lavoro per contrastarla: “Gruppi – ha assicurato Letko – sono già alla ricerca di un vaccino che protegga, oltre che dalla prossima variante del Covid, da tutti gli appartenenti a questa sottocategoria“.

Rispondi