Mondo di Mezzo, le sorti di Buzzi e Carminati dopo le condanne in Cassazione

Mondo di Mezzo, l’ultima pagina giudiziaria è stata scritta ieri. E ha ‘regalato’ a Salvatore Buzzi e Massimo Carminati rispettivamente dodici anni e dieci mesi e dieci anni di galera. La sentenza, arrivata dopo nove ore di camera di consiglio, sarebbe già stata applicata: Buzzi – riporta Il Corriere della Sera – sarebbe stato infatti arrestato nella notte a Lamezia Terme. Ora sconterà in cella gli ultimi sette anni che gli sono rimasti. Per Carminati invece sarebbe pronto un affidamento ai servizi sociali.

MONDO DI MEZZO, PENA RICALCOLATA IN APPELLO

La Cassazione aveva disposto il ritorno degli atti del processo Mondo di Mezzo in Appello: la pena avrebbe dovuto infatti essere ricalcolata dopo che l’aggravante mafiosa era stata esclusa ed era stato certificata l’esistenza di due organizzazioni criminali. Una delle quali, che faceva capo a Buzzi, si occupava di corruzione, mentre l’altra, condotta da Carminati, di estorsioni. Sul fronte politico, invece, i criminali non avrebbero fatto pressioni, ma ‘solo’ pagato mazzette a favore delle cooperative di Buzzi.

MONDO DI MEZZO, IL VERDETTO PER GLI ALTRI IMPUTATI

Quanto inoltre a Franco Panzironi, la Cassazione ha annullato quanto disposto in Appello e decretato che l’ex ad di Ama dovrà essere nuovamente giudicato. A suo carico restano comunque le responsabilità in merito al traffico d’influenze e alla turbativa d’asta. Rigettati invece i ricorsi degli altri imputati, per i quali è stata annullata solo l’applicazione della misura di sicurezza della libertà vigilata. Stessa sorte, ma integrale, anche per quelli presentati da Buzzi e Carminati.

Fabio Villani
Laureato alla Specialistica in Filologia Greca e Latina. Esordisco nel giornalismo durante un tirocinio universitario. Tra le mie passioni, calcio, cinema e musica

ULTIME NOTIZIE

LEGGI ANCHE