Elezioni 2022 – Salvini, la promessa da Pontida: “Aboliremo il canone Rai”

Elezioni 2022 - Salvini dal tradizionale raduno della Lega stila un patto in sei punti con gli elettori

Elezioni 2022 – Salvini pronto alla sfida elettorale. Davanti alla marea tornata ad assieparsi (dopo tre anni di assenza) sul pratone nel Bergamasco, annuncia a gran voce le sue intenzioni in caso di vittoria. Una su tutte, un vecchio cavallo di battaglia ma che fa sempre presa sulle persone. E anche stavolta non fallisce la missione. “Chi di voi è favorevole all’abolizione del canone Rai?“, chiede il leader al popolo del Carroccio. Che prontamente risponde, sventolando bandiere e vessilli in segno di approvazione. E a lui non resta che certificare, con un velo di compiaciuta ironia, l’esito della ‘votazione’: “Il Consiglio dei Ministri di Pontida approva“.

SALVINI: “TORNATI ALLA LEGA DEI TEMPI D’ORO”

Via il canone dunque, basta con quei 90 euro in una bolletta della luce che ha ormai raggiunto livelli insostenibili. Questa la promessa, solo una delle tante, che Salvini fa ai tantissimi che lo ascoltano. Un colpo d’occhio importante, che rende orgoglioso il numero uno: “Siete decine di migliaia. Ma quanti di preciso non importa. Per una mattina almeno, sembra di essere tornati alla Lega dei tempi d’oro, pre Papeete“. E in effetti c’è aria di festa e i rimbrotti possono prendersi una giornata di ferie. Sia sotto che sopra il palco, dove gli assi del partito al gran completo firmano il poster con il contratto di governo voluto da Salvini.

SALVINI E IL PROGRAMMA IN 6 PUNTI

6 punti, che vanno dal caro bollette a quota 41, passando per flat tax (“pagare meno per pagare tutti. E chi evade va in galera“), giustizia, autonomia e Decreti Sicurezza. Non nasconde l’ambizione Salvini (“Sarei onorato di essere nominato premier“) e intanto traccia la via: “Dobbiamo cambiare sistema. A fare il Ministro degli Esteri andrà un ambasciatore, a fare il Ministro della Giustizia un avvocato e un medico quello della Salute“. Una stilettata questa a Di Maio, attuale titolare della Farnesina, che, sottolinea, “svolazza da una pizzeria all’altra con le guerre in corso“. Ma l’ex Ministro dell’Interno ne ha anche per la sinistra: “Hanno passato 15 giorni a parlare dei fondi russi e poi non c’era niente“.

SALVINI: “ABORTO? ALTERNATIVA PER LE DONNE, MA…”

Le divergenze con gli alleati non lo preoccupano: “Io, Silvio e Giorgia siamo d’accordo quasi su tutto“, assicura. Rimarcando poi la propria identità, che va al di là degli stereotipi: “Non siamo come le femministe da salotto che chiacchierano e basta. Grazie all’avvocato Giulia Bongiorno, abbiamo introdotto il codice rosso. E siamo dalla parte dei disabili“. Mentre sull’aborto fa attenzione a non cadere nel vortice delle polemiche innescate dalle prese di posizione di Giorgia Meloni: “Dobbiamo sempre offrire un’alternativa alle donne. Ma l’ultima parola spetta solo e soltanto a loro“.

ULTIME NOTIZIE