Escort uccise a Prati, ritrovata l’arma utilizzata dall’assassino

Escort uccise a Prati, anche l’ultimo interrogativo è vicino ad avere una risposta. Sarebbe infatti stata ritrovata l’arma del delitto. Un coltello, rivela Il Messaggero, scoperto all’interno dell’auto del 51enne pregiudicato finora unico indiziato. Il veicolo è stato rinvenuto ieri in un deposito giudiziario. L’uomo voleva darsi alla fuga subito dopo aver tolto la vita alla trans colombiana, sua terza vittima. A confermarlo anche la sua amica cubana, con lui la notte prima del triplice omicidio: “Voleva che lo accompagnassi alla stazione Tiburtina, ma non ce l’ho portato“.

ESCORT UCCISE A PRATI, ANCHE SANGUE NELLE AUTO DEL KILLER

L’uomo, spiegano gli inquirenti, si sarebbe quindi messo alla guida dell’auto, una Toyota di colore rosso. Con essa avrebbe raggiunto prima l’appartamento delle due asiatiche, in via Riboty, poi quello della trans colombiana in via Durazzo. Poi, intuendo di essere braccato, riprende il volante. Ma qualcosa non va come previsto: durante il percorso, infatti, l’uomo ha un incidente e deve noleggiare un’altra auto. Una Yaris, con la quale vaga per ore. In entrambi i veicoli i Carabinieri hanno ritrovato tracce di sangue, presenti in particolare su volante e sedili. Adesso gli esami dovranno dire se appartengono alle tre escort uccise.

Fabio Villani
Laureato alla Specialistica in Filologia Greca e Latina. Esordisco nel giornalismo durante un tirocinio universitario. Tra le mie passioni, calcio, cinema e musica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

ULTIME NOTIZIE

LEGGI ANCHE