Seguici sui Social

Roma e dintorni

Arrestato 62enne ladro professionista sorpreso in appartamento durante furto

Arrestato 62enne ladro professionista sorpreso in appartamento durante furto

Pubblicato

il

Arrestato 62enne ladro professionista sorpreso in appartamento durante furto

Arrestato 62enne ladro professionista sorpreso in appartamento durante furto.

Un noto ladro esperto in furti di appartamenti è finalmente stato inseguito e affrontato dalla polizia. Tutto è iniziato grazie ad una segnalazione da parte di un residente che ha riconosciuto l’uomo da alcune foto che circolavano su internet, in particolare nei gruppi di quartiere durante i giorni precedenti.

L’abitante del palazzo ha riconosciuto il sospetto all’interno del condominio e ha immediatamente avvertito le autorità. Aveva riconosciuto il volto dell’uomo che si aggirava nel palazzo perché le sue foto, quelle di un ladro esperto in furti d’appartamento, erano state ampiamente distribuite online, in particolare nei social networks di quartiere. Gli allarmi erano stati attivati dai residenti di alcuni quartieri nella zona Nord di Roma, con foto dell’uomo prese da sistemi di videosorveglianza.

Le immagini catturate dalle telecamere di sicurezza mostravano chiaramente il ladro in azione. L’uomo, un sessantaduenne, era solito studiare le abitudini e gli orari dei residenti, per poi introdursi nei loro appartamenti e derubarli senza problemi. Notando i video, una residente di Via Brandano, in zona viale Eritrea, ha capito che l’uomo era il ladro e non ha esitato a chiamare un ispettore di polizia, del commissariato Vescovio. L’ispettore, non in servizio in quel momento, ha raggiunto il posto e ha dato l’allarme alla questura, richiedendo assistenza.

Quando gli agenti sono arrivati sul posto hanno notato l’uomo cercare di fuggire saltando da una abitazione al primo piano rialzato del palazzo. Hanno subito iniziato a inseguirlo fino a che, in piazza Volsinio, i poliziotti sono riusciti a catturarlo. Nel frattempo, altri agenti stanno indagando nel palazzo da cui l’uomo era fuggito. Hanno trovato una porta forzata e hanno riscontrato che alcuni oggetti erano stati rubati. Questi oggetti sono stati poi ritrovati addosso al ladro, che aveva anche in suo possesso cinque chiavi finte, una torcia tascabile e un paio di guanti in tela bianca. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per reati simili, è stato quindi arrestato.

Fonte

Roma e dintorni

Blitz di Ultima Generazione al Centro, la rabbia dei negozianti: danno all’immagine di Roma

Pubblicato

il

L’incidente nel negozio Armani

![Negozio Armani](https://statics.cedscdn.it/photos/MED/21/60/8122160_OBJ51905387_1.jpg)

Alberto Pizzimenti, manager di Armani, si trovava al secondo piano del suo negozio di via dei Condotti quando lo hanno chiamato in tutta fretta chiedendogli di scendere. Al piano di sotto si erano barricati per colpa del blitz di Ultima Generazione. E quando è sceso giù si è subito reso conto dei danni. La vetrina-simbolo dell’italian style è stata colpita al cuore e la boutique è stata chiusa per l’intera giornata, con tanti turisti, affezionati, curiosi, che nel corso delle ore si sono avvicinati dimostrando tutta la vicinanza nei riguardi della grande griffe della moda.

«È tutto accaduto in un millesimo di secondo: hanno buttato taniche da cinque litri di vernice – racconta – Stiamo continuando a fare le pulizie sui materiali, specie sull’ottone all’esterno. Non è facile. E dobbiamo ancora quantificare bene i danni». Una ventina di persone, tanti i lavoratori del negozio, non hanno potuto incontrare i clienti. E chi passa da quelle parti si rende conto dell’amaro prezzo pagato dalla Capitale. Oggi, comunque, la boutique tornerà ad aprire i battenti e, dunque, a essere portabandiera del made in Italy nel Centro storico. «È alto il danno alla luxury street della città – prosegue Pizzimenti – Le peggiori conseguenze le paga l’immagine di Roma. È una questione di civiltà: siamo alla vigilia del Giubileo e sono in corso gli Internazionali di tennis. In pratica, tutto il mondo ci osserva».

La reazione dei commercianti

È su tutte le furie Gianni Battistoni, battagliero presidente dell’associazione via dei Condotti che dal 1963 è l’anima culturale della strada, diventata un cult anche nel mondo del cinema proprio per la sua identità legata al salotto buono della Capitale. «Quei ragazzi sostavano da circa un quarto d’ora sulla soglia che si trova vicino al Caffè Greco – ricostruisce Battistoni – Poi hanno fatto il loro blitz sulle vetrine. Noi non riusciamo a ottenere un controllo fisso delle forze dell’ordine. Siamo tutti preoccupati: via dei Condotti è una delle strade più importanti del mondo e solo dopo che hanno imbrattato una vetrina si sono precipitati tutti in massa. Solo l’allora sindaco Walter Veltroni chiese e ottenne un controllo fisso delle forze dell’ordine».

Il blitz di Ultima Generazione, dunque, viene visto come un grave danno alla città che in questi giorni sta vivendo a livello turistico un anticipo dell’estate e che si sta preparando all’Anno Santo.

L’importanza di Roma e le richieste dei commercianti

Al centro dell’attenzione dei commercianti c’è proprio il ruolo di Roma e dell’area che ha più appeal agli occhi dell’intero pianeta. Oggi è la città “instagrammabile”, che piace sui social, che contribuisce a far vedere la parte più bella di Roma. Che, comunque, è un po’ senza tempo. «Queste immagini faranno il giro del mondo – prosegue Battistoni – In città si pensa ai lavori, ai cantieri, al campo da tennis in piazza del Popolo, o all’albero di Natale che l’altro ieri era sulla scalinata di piazza di Spagna per un film. Qui sembra tutto un set cinematografico. Siamo stufi: chiediamo un incontro con il prefetto. Noi commercianti stiamo facendo un investimento incredibile, ma vogliamo vedere tutelate le cose belle che abbiamo. Siamo preoccupati per le vetrine, per la Fontana della Barcaccia, per tutto il Centro, che è un po’ il più importante museo all’aperto della città».

E sul blitz interviene anche il ministro Alessandra Locatelli: «Sono atti di teppismo e non forme di protesta civile».

Autore dell’articolo

giampiero.valenza@ilmessaggero.it

Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

«Potere peggiore isola università. Rispetto diritti umani per israeliani e palestinesi»

Pubblicato

il

Il messaggio di Mattarella agli studenti della Sapienza

Mattarella ha parlato agli studenti della Sapienza e ha risposto anche ai ragazzi che protestavano fuori dall’ateneo. Il Capo dello Stato arriva all’università La Sapienza e agli studenti che lo avevano invitato a prendere posizione sul conflitto a Gaza dice: «Ho reiterato la richiesta a un immediato cessate il fuoco», spiega alla platea della Giornata del Laureato nell’Aula magna del Rettorato. I collettivi riuniti all’esterno, tra striscioni e cori, con una lettera pubblicata ieri l’avevano invitato a parlare al presidio. Il capo dello Stato, però, preferisce ribattere dalla sede istituzionale, dopo l’intervento della rettrice Antonella Polimeni. Un intervento, non previsto nel programma, in cui Mattarella non si sottrae al richiamo delle università in agitazione da settimane sul conflitto in Medio Oriente.

La risposta alla protesta

«Una lettera – spiega – mi ha sollecitato a non includermi in quella che è stata definita la ‘Torre d’avorio del rettorato’. Venendo ho visto un cartello che mi chiedeva cosa pensassi di cosa avviene a Gaza. Non voglio lasciarla senza risposta». Richiama i suoi ripetuti interventi «in occasioni significative», dal discorso all’assemblea generale delle Nazioni unite fino alla lettera inviata al presidente della Repubblica israeliano, e ribadisce la sua posizione. «Per la nostra Repubblica – scandisce – tutte le violazioni dei diritti umani vanno contrastate, sempre e ovunque». Un intervento netto, in cui il presidente interviene anche sul tema dei rapporti accademici tra gli atenei, che tuttavia non placa l’animosità degli studenti.

La reazione degli studenti

I collettivi, all’esterno del Rettorato, contestano più o meno apertamente il capo dello Stato. Tra slogan e mugugni. Lo accolgono con qualche «buu». Tenuti a distanza dalle transenne presidiate dalle forze dell’ordine, non in uniforme, lanciano aeroplanini di carta e ripetono quello che da giorni esprimono al presidio di tende nel ‘pratone’ della città universitaria. «Stop al genocidio a Gaza – gridano – e ai rapporti delle università italiane con le industrie belliche e con Israele». Uno striscione recita: «Italia e Sapienza complici del genocidio». Mattarella, uscito dalla vettura presidenziale, entrando in Rettorato rivolge uno sguardo alla protesta degli studenti.

L’intervento in Aula Magna

In Aula Magna, dove prende posto, risuona la musica che il presidio decide di tenere ad alto volume come elemento di disturbo. Poi è il momento dell’intervento a sorpresa, in cui risponde agli studenti che hanno firmato la lettera. «Il rispetto del diritto umanitario – chiarisce – è nella nostra Costituzione e per la Repubblica italiana vale in ogni direzione». Il presidente si riferisce alle sofferenze delle «popolazioni civili» a Gaza, ma aggiunge: «vale per i ragazzi stuprati e uccisi mentre ascoltavano musica in un rave lo scorso 7 ottobre, vale per i bambini sgozzati in quell’occasione». Il capo dello Stato cita anche il caso di Mahsa Amini, del rapper iraniano, «delle ragazze che non possono studiare in Afghanistan».

Il richiamo alla dignità umana

E precisa: «la dignità umana, la rivendicazione della libertà, la condanna della sopraffazione, il rifiuto della brutale violenza non cambiano valore a seconda dei territori, a seconda dei confini tra gli Stati, a seconda delle relazioni internazionali tra parti politiche o movimenti». Il presidente, infine, non rinuncia a intervenire sul ruolo delle università. «Sono la sede – dice – del libero dibattito e talvolta anche del dissenso dal potere». Si appella al valore del dialogo e affonda: «il potere, quello peggiore, desidera che le università del loro Paese siano isolate, senza rapporti né collaborazioni con gli atenei di altri Paesi».

La conclusione delle proteste

Intanto, fuori gli studenti provano a intercettare l’uscita del presidente, girando intorno all’edificio universitario. Si levano cori di contestazione, rivendicata dagli stessi collettivi. «Mattarella pagherai tutto», urlano. Il corteo si blocca di nuovo di fronte alle transenne. Mattarella è già uscito dall’angolo opposto del Rettorato. Gli studenti allora cominciano a correre, fino al cancello del viale dell’Università. Lì un’unità in assetto antisommossa li ha contenuti con l’utilizzo di scudi. Attimi di tensione, qualche offesa alle forze dell’ordine. Poi gli studenti hanno fatto ritorno alle tende.

Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

Scossa di magnitudo 2.7 avvertita a Velletri e a Sud di Roma

Pubblicato

il

Terremoto a Velletri

Terremoto a Velletri. A distanza di due ore, due scosse hanno fatto tremare il comune in provincia di Roma. Come riportato dall’INGV, i due sismi sono avvenuti alle 21.37 e alle 23.37, con coordinate geografiche (lat, lon) 41.6680, 12.7930 a una profondità di 9 km.

Ripercussioni e Diffusione

Il terremoto è stato avvertito anche nelle zone a Sud della Capitale.

Aggiornamenti

(Articolo in aggiornamento)

Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

Sopravvivere all’odissea scolastica: consigli pratici e utili per studenti

Pubblicato

il

L’ultimo argomento dell’anno nei gruppi Whatsapp delle mamme

L’ultimo argomento dell’anno, nei tanto odiati gruppi Whatsapp delle mamme, è anche il più temuto: la cena di fine anno. Che nelle patinate scuole private di Roma Nord ha un’organizzazione simile alla festa di primavera a Buckingham Palace (principesse comprese). «Pizzata, apericena o merenda al parco dove ognuno porta qualcosa?».

Ovviamente tu vorresti solo bere per dimenticare e invece partono 125 messaggi: «La pizza no che sono intollerante, apericena no che sono astemia, merenda no che poi piove e che si fa».

Compromessi e l’agenda di un genitore

Alla fine si giunge a un compromesso (tra i mugugni di qualche madre che è sempre scontenta) ma nel frattempo inizia a lampeggiare anche la chat dell’altro figlio: per la cena va bene il 20 maggio? Apriti cielo. «No, io quella sera ho la cena del grande, del medio, del piccolo, io ho la cena del calcio, di karate, di ginnastica».

L’agenda di un genitore a fine maggio è peggio di quella del dirigente di una multinazionale.

La fatidica serata

Finché arriva la fatidica serata. E mentre tu vorresti stare a casa a guardare una puntata di Terra Amara, ti tocca vedere Beautiful dal vivo: con madri che fino al giorno prima si erano educatamente insultate via chat, brindare «ai nostri bambini». Dai che la scuola è (quasi) finita.

Il “pariolino” si è estinto

Il “pariolino” si è estinto, addio allo stile Roma Nord: è la fine di uno status.

Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

Uomo di 72 anni rapinato immediatamente dopo

Pubblicato

il

La rapina ai Parioli

Aveva appena comprato un orologio Rolex d’oro da una oreficeria ai Parioli, a Roma, il romano di 72 anni vittima di una rapina. Ieri pomeriggio, dopo l’acquisto, due persone lo hanno rapinato con uno stratagemma.

L’inizio dell’aggressione

L’uomo era entrato nella sua auto in via Panama quando un uomo sullo scooter gli ha rotto lo specchietto.

La rapina

A quel punto il 72enne si è fermato per controllare i danni e proprio in quel momento è stato aggredito da un secondo uomo, un complice che gli ha strappato l’orologio. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia di Roma.

Altri dettagli

Rapina in banca e clienti in ostaggio, scacco alla banda: tre arresti

Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

Eur: strade piene di rifiuti

Pubblicato

il

Degrado nelle Strade del Quartiere Eur

Via Casali di Torrevecchia, via Paolo Emilio Sfondati e via Flavio Silicone, tre strade del quartiere Eur, vertono in uno stato di degrado assurdo. L’erba alta cresce lungo i marciapiedi e i rifiuti ingombranti sono lasciati abbandonati ovunque: alluminio, legno, infissi, mobili.

La Preoccupazione dei Residenti

Gli abitanti del quartiere sono indignati e preoccupati per la situazione. “È incredibile come queste strade siano state abbandonate al loro destino”, commenta un residente. “È pericoloso camminare qui di notte, non si sa cosa si possa trovare tra l’erba alta e i rifiuti sparsi.”

Mancanza di Intervento delle Autorità

Le autorità locali sembrano non essere intervenute per risolvere la situazione, lasciando che il degrado si diffonda sempre di più. Abbiamo segnalato il problema più volte, ma sembra che nessuno si preoccupi di risolverlo”, afferma un residente.

Appelli per il Ripristino del Decoro Urbano

Continua una signora che abita nella zona: “È vergognoso che la nostra bella città sia ridotta in queste condizioni. Si spera che presto vengano prese misure per ripristinare la pulizia e il decoro di queste strade, per garantire ai residenti un ambiente più sicuro e piacevole in cui vivere.”

Approfondimenti



Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

Serpente a Roma: rettile nascosto in un garage condominiale. Esperto: «Non catturatelo»

Pubblicato

il

Momenti di Apprensione al Tuscolano

Momenti di apprensione ieri sera in un garage condominiale al Tuscolano: un rettile si era intrufolato all’interno di una cassetta antincendio. Inutili i tentativi della polizia locale allertata dai condomini spaventati per la presenza dell’ofide. «Si è trattato di un biacco – spiega Andrea Lunerti chiamato a catturare il serpente – e con ogni probabilità alla ricerca di prede naturali».

Altri Ritrovamenti

Trovati due serpenti in un’azienda agricola fuori Roma, catturati e uccisi dai cani. La proprietaria: «Volevo salvarli, non ho fatto in tempo».

I Fatti

L’allarme è scattato ieri sera poco dopo le 22 in via Raimondo Scintu nel quadrante est della città. «Ci siamo resi conto – sottolinea l’etologo – che il biacco aveva percorso la rampa di ingresso circondata dal cemento e si è poi ritrovato incastrato nel locale senza riuscire più a trovare una via di fuga». La chiamata dell’amministratore alla centrale della polizia e la successiva identificazione del rettile.

«Non è velenoso, ma è comprensibile lo spavento quando si incontra un serpente. Non dobbiamo avere paura di entrare in garage, ma essere prudenti», raccomanda Lunerti. «La stagione è caldissima e lo sarà nei prossimi mesi. C’è un intenso movimento degli animali in cerca di cibo e pronti a riprodursi. In queste situazioni – consiglia l’esperto – bisogna contattare il numero d’emergenza e non tentare mai di uccidere un serpente. Mettere in sicurezza l’ambiente e attendere l’arrivo del personale esperto».

Liberazione del Rettile

Il biacco è stato liberato stamani presso il Rifugio del Lupo, a Morlupo.

Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

Giornata Diverse Ability: 19 maggio immersioni per aspiranti sommozzatori con disabilità

Pubblicato

il

Le Emozioni della Subacquea per Tutti

Le emozioni ed il fascino della subacquea possono essere vissuti e sperimentati mettendo da parte quelli che, sulla terraferma, sono gli ostacoli legati a condizioni di disabilità grazie al tutoraggio di istruttori certificati Padi.

Diverse Ability Day: Inclusione e Subacquea

Domenica 19 maggio, nella piscina SSD Vita Club di Via del Fontanile Arenato 66, si terrà l’evento ‘Diverse Ability Day’. Durante questa iniziativa, aspiranti sub di tutte le età e condizioni fisiche potranno provare gratuitamente l’emozione di respirare per la prima volta sott’acqua. Francesco Coppola, istruttore della scuola subacquea Tuttisub Asd, spiega: “All’evento parteciperanno persone con sindrome di Down, sclerosi multipla, epilessia e ritardi cognitivi provenienti da varie associazioni. I partecipanti prenderanno parte al programma Try Scuba Diving, consistente in una vera e propria immersione in piscina. Proveranno l’emozione di respirare sott’acqua e la sensazione di fluttuare in assenza di peso, un’esperienza molto benefica dal punto di vista psico-fisico. Inoltre, impareranno alcuni esercizi base come compensare, respirare e svuotare un erogatore, con ulteriori skill per chi sarà particolarmente reattivo. L’obiettivo primario di queste iniziative è divertirsi e scoprire che la subacquea è per tutti ed è inclusiva, motto della Diverse Ability e del nostro club Tuttisub”.

Attrezzatura e Supporto Specialistico

Agli aspiranti sommozzatori sarà fornita tutta l’attrezzatura necessaria per un’immersione ordinaria. Durante la sessione, saranno costantemente seguiti da istruttori e personale specializzato della Tuttisub. “Saranno coinvolti sei istruttori in acqua per accompagnare i partecipanti, quattro persone di staff a bordo vasca per la vestizione e l’assistenza di superficie, e altre quattro per l’accoglienza e la verifica della modulistica,” aggiunge Francesco Coppola. Per alcune disabilità, come paraplegia o tetraplegia, sarà necessaria l’assistenza di due o tre persone per garantire la sicurezza in acqua. L’attrezzatura fornita consisterà in un giubbotto ad assetto variabile, un erogatore, maschera, pinne e zavorra. Questa è l’attrezzatura standard usata da chiunque faccia immersioni e, generalmente, non è necessaria attrezzatura speciale per le persone con disabilità.

Attestati di Partecipazione

Al termine delle prove, saranno consegnati degli attestati di partecipazione e saranno date indicazioni a chi volesse, in seguito, seguire un altro corso subacqueo.

Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

Roma: ritorna la Festa del Vino Naturale

Pubblicato

il

Annuncio del Vigna Ada Wine Festival 2024

L’Associazione di Promozione Sociale Park Fest è lieta di annunciare il ritorno del Vigna Ada Wine Festival per la sua seconda edizione. Dal 24 al 26 Maggio 2024, presso l’affascinante Forte Antenne, Via del Forte Antenne, 12, 00199 Roma RM, il festival si conferma come un evento leader nella promozione del vino naturale e, quest’anno, pone un’attenzione speciale al female empowerment attraverso la collaborazione con il Tank&co.

Protagonisti: Vignaioli a Confronto

Il festival darà voce ai viticoltori e alle viticoltrici che, con dedizione e rispetto per la natura, producono vini di qualità eccezionale. Sarà un momento di incontro in cui i produttori potranno raccontare di sé, del proprio approccio alla viticoltura naturale e della filosofia che guida il loro lavoro. Questi dialoghi saranno un’opportunità unica per gli ospiti di approfondire la conoscenza del vino naturale, direttamente dalle voci di chi lo produce.

Alla Scoperta dei Produttori e delle loro Filosofie

Tank&co: Donne al Centro della Scena

Nell’ambito del festival, grande enfasi verrà data al Tank&co, un’iniziativa rivolta all’empowerment femminile nel mondo dell’artigianato. Attraverso questa collaborazione, il Vigna Ada Wine Festival si propone di mettere in luce il lavoro e la passione delle donne, offrendo loro uno spazio per condividere le proprie esperienze e visioni. Questo focus celebrerà quindi un contributo fondamentale, promuovendo la parità di genere e sostenendo le storie di successo al femminile.

Una Festa Ricca di Gusto, Cultura e Divertimento

Il Vigna Ada Wine Festival 2024 proporrà un’agenda di appuntamenti: dagli incontri con i viticoltori all’offerta di street food gourmet, selezionato tra le eccellenze nazionali per accompagnare al meglio la scoperta dei vini. L’atmosfera del festival sarà vivacizzata da dj set e voglia di divertirsi insieme in modo da coinvolgere e intrattenere il pubblico in un contesto festoso e inclusivo.

Serate All’insegna della Musica e del Divertimento

Il Vigna Ada Wine Festival non sarà solo degustazione e scoperta, ma anche festa e spensieratezza. L’evento proseguirà fino a sera, animato da DJ set accuratamente selezionati, che promettono di trasformare l’atmosfera del festival in un vero e proprio happening culturale. Tra un bicchiere di vino e l’altro, i partecipanti avranno l’occasione di lasciarsi andare con musica selezionata, rendendo l’esperienza al Vigna Ada Wine Festival indimenticabile.

Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

Cure mediche ai bambini in Perù e Madagascar

Pubblicato

il

Il Mondo del Vino per Operation Smile

Il mondo del vino si è unito per sostenere i programmi medici di Operation Smile. Questi programmi sono dedicati a curare i bambini nati con malformazioni del volto, come le labiopalatoschisi. L’evento “In Auction For Smiles”, un’asta di vini pregiati promossa dalla Fondazione Operation Smile Italia ETS, è stato un grande successo all’insegna della solidarietà. L’obiettivo era sostenere i programmi medici dell’Organizzazione in Perù e Madagascar.

L’Asta e i Lotter

Nella meravigliosa cornice del Cinema Barberini, Pier Matteo Carnaroli ha battuto l’asta, curata da Gelasio Gaetani, di vini donati da ben 70 delle più importanti cantine italiane, per un totale di 23 lotti. A riscuotere maggior successo sono stati i lotti donati da Monteverro, Feudi di San Gregorio, Argiolas, Surrau, Lungarotti, Podernuovo a Palazzone di Giovanni Bulgari e Petrolo. Durante l’asta è stato battuto anche un lotto “speciale”: la maglia del Derby Roma – Lazio 2024 di Edoardo Bove in edizione limitata, firmata dai giocatori dell’AS Roma.

Aperitivo con Vista

L’evento solidale è proseguito poi con un aperitivo “con vista” sull’iconica Piazza Barberini. Hanno partecipato oltre 150 generosi ospiti che hanno scelto di essere al fianco della Fondazione in questa importante serata. Tra gli ospiti presenti c’erano Luca Barbareschi, Paolo Cuccia, Presidente della Fondazione Gambero Rosso e Guido Formilli Fendi con la figlia Giulia.

Collaboratori e Ringraziamenti

L’evento è stato realizzato grazie anche all’ospitalità del Cinema Barberini e alla collaborazione della Fondazione Gambero Rosso. Il momento conviviale è stato accompagnato dai vini generosamente offerti da Casale del Giglio, Paola e Noemia D’Amico, Batasiolo, Banfi, The Nando and Elsa Peretti Foundation, Leone De Castris, Donnafugata, Tenuta di Fiorano, Volpe Pasini e Rocca di Frassinello e dal dessert offerto da Sal de Riso. La Fondazione Operation Smile Italia ETS ha voluto ringraziare Smeg, main sponsor della serata, per aver scelto di sostenere Operation Smile nel portare cure mediche gratuite, tempestive e di qualità ai bambini che nel mondo nascono con una malformazione del volto.

Fonte

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA