GENTE DE ROMA Pippo Franco

Pippo Franco , pseudonyme de Pippo Franco ( Rome ), est un humoriste , animateur de télévision , chanteur , écrivain et metteur en scène, italienne .

GENTE DE ROMA Pippo Franco nasce a Roma il 2 settembre del 1940. Artista poliedrico, da attore comico a cantante fino a presentatore televisivo.

GENTE DE ROMA PIPPO FRANCO: GLI ESORDI

Esordì al cinema in “Appuntamento a Ischia” nel 1960. Dopo aver recitato ne “Il giovane normale” del 1969 incontra Mariano Laurenti che lo fa recitare in pellicole come: “Zingara” (1969), “Mazzabubù… quante corna stanno quaggiù?” (1971), “Quel gran pezzo della Ubalda tutta nuda e tutta calda” (1972), “Furto di sera bel colpo si spera” (1974), “Patroclooo! E il soldato Camillone, grande grosso e frescone” (1974), e soprattutto in “Due strani papà” (1983), divertentissima pellicola con Viola Valentino e Franco Califano. Ha lavorato anche con Luigi Magni in “Nell’anno del Signore” (1970), “La via dei babbuini” (1974) e “Arrivano i bersaglieri” (1980).

Discreto il suo successo anche come cantante: “Isotta” (1977), “Mi scappa la pipì papà” (1979), “Che fico” (1982) e “Chi chi chi co co co” (1983) che però sono balzate ai primi posti della classifica italiana. Dopo aver lavorato nel 1971 in “Basta guardarla” di Luciano Salce ed essere stato diretto da Billy Wilder in “Che cosa è successo tra mio padre e tua madre?” (1972), e dopo Sergio Corbucci, Pasquale Festa Campanile, Sergio Martino, arriva Pier Francesco Pingitore che lo dirigerà in una dozzina di pellicole. Dalle commedie “Remo e Romolo – Storia di due figli di una lupa” (1976) e “Nerone” (1976) alla satira di “Ciao Marziano” (1980).

In televisione partecipa a quasi tutte le serie del Bagaglino: da “Biberon” (1987) a “E io pago (2007)”. Tutte messe in scena al Salone Margherita di Roma e trasmesse prima dalla RAI e poi da Mediaset. Ha inoltre condotto trasmissioni di barzellette come “La sai l’ultima?”. L’unica esperienza alla regia della sua carriera è “La gatta da pelare” (1981). È anche autore del saggio “Pensieri per vivere”. Pippo Franco è la maschera con il nasone che ha descritto e portato in scena gli scandali, le idee politiche, le ipocondrie di una nazione, con un salto dalla commedia sexy anni ’70 stile “Giovannona coscialunga” alla perfezione recitativa che deve a quella straordinaria scuola che è il varietà.

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK

Ti potrebbe interessare