fbpx
Seguici sui Social

Pubblicità

Ultime Notizie

EGO International, il Made in Italy cerca clienti stranieri

Pubblicato

in



EGO International, il Made in Italy cerca clienti stranieri

Moda, agroalimentare, manifattura: nei settori più diversi, il Made in Italy è
tradizionalmente sinonimo di qualità e competitività, con l’export che si rivela essere uno
dei canali di vendita più redditizi per le molte aziende del Paese che decidono di puntare
sulla vendita all’estero. Le ultime recensioni e notizie sul tema riguardano la produzione
di vino italiano, che nel primo semestre dell’anno ha superato i 3 miliardi di euro, un dato
positivo senza precedenti. Ai numeri dell’Istat, si uniscono le opinioni delle aziende
impegnate in prima persona nell’internazionalizzazione. La riminese EGO International,
evidenzia nelle sue recensioni sul sito e sulla pagina facebook ufficiale i punti di forza
dell’export italiano, condividendo novità e opinioni sul tema della vendita all’estero. Il
settore del vino, in particolare, è stato oggetto di numerosi commenti positivi.
EGOInternational ha sottolineato come, tra i Paesi più interessati e i clienti più ricettivi
nei confronti dell’enogastronomia italiana, figurino Stati Uniti (anch’essi grandi produttori
di vino) e Germania: i dati più recenti confermano questo trend, con percentuali di
crescita dell’export verso i rispettivi Paesi di +3,7% e +5,9%. Sono due le lezioni che i
numeri del vino possono insegnare: da un lato la capacità delle imprese Italiane di
trovare sbocchi e mercati favorevoli anche oltre i tradizionali confini dell’Unione Europea,
dall’altro l’importanza delle esportazioni non solo per le grandi aziende, ma anche per le
PMI, un aspetto che EGO International ha spesso indicato nelle sue recensioni.

Pubblicità

Export e piccole imprese: le opinioni di EGO International

I buoni risultati registrati non si limitano naturalmente al solo settore enologico.
Continuano a crescere le vendite all’estero dell’agroalimentare e i mezzi di trasporto.
Notizie positive anche dalla farmaceutica, grazie soprattutto al contributo del Lazio:
quest’anno, con 7 miliardi, la regione vanta il 43% dell’export totale nazionale, secondo le
opinioni e i commenti dell’Assessorato alla Sanità. Visti i numeri delle vendite, non
stupisce come anche le piccole e medie imprese guardino all’internazionalizzazione come
un percorso interessante per crescere sfruttando le opportunità offerte dai clienti
stranieri. EGOInternational commenta positivamente e con fiducia questo trend. Le
imprese più capaci e competitive possano infatti guadagnare affrontando con serietà le
sfide che il commercio globale presenta. È però essenziale avere ben chiari gli obiettivi da
raggiungere. La barriera linguistica e culturale, le differenze normative e legali e
l’implementazione del giusto know-how per il mercato di interesse, sono tutti fattori che
necessitano della giusta pianificazione.

EGO International pareri sui mercati di destinazione dell’export italiano

La scelta della destinazione per le proprie merci gioca un ruolo fondamentale in fase di
preparazione all’internazionalizzazione. Quali sono i mercati più redditizi per le imprese
italiane? Molto dipende naturalmente dal settore, ma a grandi linee le recensioni e le
opinioni degli esperti evidenziano la predominanza dell’UE, con Francia e Germania in
testa. Da non sottovalutare la Svizzera, secondo le opinioni di EGO International
avvantaggiata dalla vicinanza logistica e dalla burocrazia snella che facilità i commerci,
oltre che i clienti degli Stati Uniti, un mercato dalle grandi dimensioni e in costante crescita (+4,9% quest’anno, con un valore di merci italiane importate di 42 miliardi). Le
ultime recensioni sulla manifattura Made in Italy indicano anche la presenza di mercati
più piccoli, ma ugualmente favorevoli: è il caso, per esempio, del Kazakhistan, che
quest’anno ha importato merci italiane per un valore complessivo di 1 miliardo, in
crescita del +73% rispetto al periodo precedente. Risultati che spingono sempre più
imprese a puntare sull’internazionalizzazione, un trend positivo per la crescita delle PMI
più intraprendenti e per l’economia nazionale nel suo complesso.

Continua a leggere
Pubblicità