Seguici sui Social

Ciao, cosa stai cercando?

Cronaca Roma

Eventi

PONTECORVO Il ‘Carnevale Pontecorvese’


PUBBLICITA

PUBBLICITA

PONTECORVO L’anno di nascita del ‘Carnevale Pontecorvese’ così come lo conosciamo oggi è il 1952. Festeggiamenti che quest’anno si celebrano dal 9 al 25 febbraio.

A quanto si racconta alcuni pontecorvesi, in visita nella città di Napoli, acquistarono un pupazzo di cartapesta raffigurante un gigantesco elefante, Alicandro. E con questo realizzarono la prima sfilata allegorica in Via XXIV Maggio. Questa prima iniziativa carnevalesca portava con sé la voglia di divertirsi e di festeggiare una ricorrenza che sembrava molto apprezzata dai cittadini. Da allora si registrò una crescita costante delle iniziative fino a raggiungere un’importanza tale che fece del ‘Carnevale Pontecorvese’ l’evento più rilevante della città.

Feste in costume, gruppi mascherati rappresentanti i più svariati temi carnevaleschi. Iniziative fantasiose che nel tempo si sono consolidate divenendo eventi caratteristici dell’avvenimento che, con il passare del tempo, hanno arricchito e potenziato il Carnevale. Basti pensare al Festival dei bambini mascherati divenuto l’emblema del Giovedì Grasso oppure al successo del ‘Mazzamavere’, una delle maschere tipiche. La leggenda che accompagna questo costume ne colloca la nascita al tempo in cui i Saraceni invasero il paese. Gli abitanti li accolsero al grido di “Ammazza i mori” (da cui il nome Mazzamavere). La maschera consiste in figure col viso tinto di nero e indossanti un lenzuolo bianco.

Un’altra figura classica della manifestazione è quella della Principessa. Nata nel 1979 con l’intento di riproporre le grandi serate di ballo che si organizzavano spesso durante gli anni 70. La Principessa rappresentava infatti la reginetta che durante queste feste era eletta a fine serata. Ella partecipava alla sfilata trainata su un risciò da due cinesi e accompagnata dalla sua corte e da Sua Maestà Re Carnevale. L’avvenimento destò scalpore, perfino i giornali ne parlavano. Il Sindaco spodestato e la Principessa assunse per il periodo della festa il potere assoluto di Pontecorvo. Perciò il Sindaco era stato costretto a consegnarle le chiavi della città. La trovata della Principessa ridiede vigore alla manifestazione. E così il 1979 segnò la vera svolta nella storia del ‘Carnevale Pontecorvese’ che tornò a interessare e richiamare moltissimi visitatori.

SEGUICI SU TWITTER


PUBBLICITA

Ti potrebbe interessare


Ultime Notizie

Il testo integrale della “lettera aperta” che l’Arcivescovo ha scritto a Trump contenente accuse e rivelazioni sconvolgenti Una lettera dal contenuto incredibile che sta...

Coronavirus

Francesco Vaia su Facebook si è espresso contro il nuovo lockdown. Con una riflessione sui giovani: “Alla mancanza di futuro che non siamo stati...

Politica

Il M5S all’assalto della sanità privata. Il capo pro tempore Vito Crimi ha lanciato l’idea di “requisire i posti letto nella sanità privata”. D’accordo...

Attualità

“Immaginate 150 campi da calcio. Metteteli in fila uno dietro l’altro. Bene, sono le Strade nuove che abbiamo rifatto a Roma negli ultimi due...

Ultime Notizie

Attualità

Roma Metropolitane, l’azienda responsabile delle grandi infrastrutture nella Capitale, è a un passo dal fallimento Nella Capitale stop alla circolazione in metro a partire...




Aggiorna le preferenze del consenso