Seguici sui Social

Ciao, cosa stai cercando?

Cronaca Roma

Coronavirus


PUBBLICITA

Rebibbia, focolaio di Coronavirus: è urgenza tamponi e vaccini

Il sindacato della Polizia Penitenziaria lancia l’allarme: focolaio di importazione in atto nella sezione di alta sicurezza del carcere romano

Roma. Focolaio nel carcere di Rebibbia Nuovo Complesso. Sembra che il Covid-19 abbia
coinvolto diciotto detenuti reclusi nella sezione di alta sicurezza. Si tratta paradossalmente di un focolaio di importazione, seguito al trasferimento a Roma di un gruppo di detenuti dal carcere di Sulmona, dove da settimane era in atto un focolaio molto esteso. A darne notizia è Aldo Di Giacomo segretario generale del sindacato di Polizia Penitenziaria S.PP.: “Quanto accaduto testimonia ciò che da tempo ribadisco che si sostanzia nella necessità di dare priorità vaccinale a quanti vivono e lavorano
nelle carceri: detenuti, Poliziotti Penitenziari, personale medico-sanitario e operatori vari. E’ opportuno riconoscere i rischi connessi a tale comunità alla luce anche del sovraffollamento. Bisogna tener presente inoltre che coloro che lavorano nelle carceri o che svolgono servizi e mansioni a qualsivoglia titolo (es. volontari), potrebbero a ragion di logica essere untori all’interno e all’esterno delle
mura. L’Amministrazione non deve ancora sottovalutare l’emergenza e mal
gestirla. Nel caso di Rebibbia è necessario effettuare tamponi a tappeto e ripeterli
a distanza.

Ti potrebbe interessare

Meteo

Allarme caldo a Roma: le previsioni (pessime) per i prossimi giorni

VIII Municipio

Ancora notte di sangue nella Capitale: un 26enne ucciso in strada dopo una lite

Primo Piano

Il Codacons sta preparando un esposto all'Ordine dei Medici per chiedere la radiazione di Burioni

Attualità

Manifestazioni contro il green pass da nord a sud. Piazza Del Popolo a Roma stracolma di sostenitori

Pubblicità