Seguici sui Social

Ciao, cosa stai cercando?

Cronaca Roma

Coronavirus


PUBBLICITA

COVID Ipotesi giallo rafforzato dopo Pasqua: tutte le novità

COVID Ipotesi giallo rafforzato dopo Pasqua: tutte le novità.

COVID Ipotesi giallo rafforzato dopo Pasqua. In Italia le ‘zone colorate’ resteranno in vigore ancora per una settimana. Poi, dal 3 al 5 aprile, tutto il paese sarà un’unica zona rossa. Un provvedimento sulla falsariga di quello adottato a Natale, per impedire che il Covid si diffonda e peggiori l’attuale situazione. Oggi intanto, come ogni venerdì, l’Iss diffonderà i dati del monitoraggio settimanale della pandemia. Si prospettano dunque nuovi cambi di colore, con il Lazio che potrebbe diventare arancione. La situazione è destinata però a mutare nuovamente, a partire dal 6 aprile. Al vaglio del Governo c’è infatti l’istituzione di una zona ‘gialla rafforzata’. Vale a dire, una fascia gialla, ma non come quella ormai nota (che dovrebbe essere bandita, almeno fino a Pasqua). Saranno infatti presenti restrizioni, anche per i territori meno a rischio. I quali, nei weekend soprattutto, potrebbero sottostare agli stessi divieti della zona arancione. Sul protocollo l’esecutivo e il Cts sono al momento ancora al lavoro. Tra le ipotesi, quella di anticipare la chiusura di bar e ristoranti dalle 18 alle 15-16. Anche la movida potrebbe subire ulteriori restrizioni. Per i weekend invece, per limitare gli assembramenti, si starebbe pensando ad una chiusura totale come a Pasqua. I barbieri e i parrucchieri, infine, potrebbero riaprire anche in zona rossa.

Ti potrebbe interessare

Primo Piano

Il Codacons sta preparando un esposto all'Ordine dei Medici per chiedere la radiazione di Burioni

Attualità

L'anticorpo Monoclonale potrebbe rappresentare la soluzione migliore per accelerare il processo di abbattimento delle varianti Covid-19

Attualità

Tra le conseguenze del diffondersi del Covid coprifuoco e restrizioni varie la fanno da padrone in quella che sembrava destinata a essere l'estate della...

Mondo

Oms Covid - L'organizzazione Mondiale della Sanità, nel corso del briefing di Ginevra, ha fatto presente la possibilità dell'arrivo di nuove varianti

Pubblicità