ROMA DON BOSCO Casa occupata, finita l’odissea dell’anziano: “Ma è tutto distrutto”

ROMA DON BOSCO Casa occupata restituita all'anziano proprietario. Che però non la ritrova come l'aveva lasciata...

ROMA DON BOSCO Casa occupata, la brutta storia si conclude con un lieto fine. Questa mattina infatti l’86enne proprietario è rientrato in possesso dell’immobile. La sua storia ha fatto molto scalpore, anche mediatico, in questi giorni: ricoverato per un periodo in ospedale per degli accertamenti, al suo ritorno, il 13 ottobre, aveva trovato l’abitazione occupata. Dentro c’erano una donna rom, insieme alla figlia e ad un cagnolino. Da allora per l’uomo è iniziata una vera e propria odissea: le forze dell’ordine gli hanno infatti impedito di rientrare in casa, persino per prendere le medicine, importantissime per la sua salute. E così, per tre settimane, l’occupante abusiva è rimasta libera di vivere nell’appartamento, mentre l’anziano ha dovuto stabilirsi dal fratello, in attesa di notizie.

Che oggi sono arrivate, buone ma solo in parte. Una volta in casa, infatti, l’uomo ha potuto constatare le pessime condizioni in cui la donna rom l’ha lasciata: “E’ tutto saccheggiato e devastato – ha raccontato – I miei ricordi sono andati in fumo. Ma alla fine ho riavuto le mie mura, e ringrazio chi l’ha reso possibile“.