Varriale Stalking, il giornalista va a processo: “Prove schiaccianti”

Varriale Stalking, la decisione dei magistrati sulla vicenda del giornalista Rai

Varriale Stalking, un connubio che rischia di costare caro all’ex direttore di Rai Sport. Per il quale, chiuse le porte dell’udienza preliminare, si apriranno direttamente quelle del processo. Questo è infatti quanto hanno deciso i magistrati che indagano sulla vicenda, i quali hanno rinvenuto a carico di Varriale elementi definiti “schiaccianti“. Accusato di maltrattamenti e persecuzione ai danni della compagna, il giornalista si trova attualmente sotto sospensione da parte della Tv pubblica, che si riserva di prendere ulteriori provvedimenti una volta che ne saranno state accertate le eventualità responsabilità. Queste ultime, dal canto loro, sono sempre state smentite da Varriale, che le ha bollate come false: “Non sono così, chi mi conosce lo sa“, il suo commento.

Le violenze sulla ex compagna risalirebbero allo scorso agosto: dopo una discussione tra i due, la donna sarebbe stata costretta a recarsi in ospedale. “Mentre cercavo di difendermi, mi sono ritrovata le sue mani strette intorno al collo“, ha raccontato agli inquirenti. Per i danni riportati, i medici l’hanno giudicata guaribile in 5 giorni. Per Varriale, a seguito della denuncia, è stato invece disposto il divieto di avvicinarsi sia alla compagna che ai luoghi che frequenta.