Contributo profughi ucraini: l’ordinanza emanata dalla Protezione Civile

Contributo profughi ucraini, ecco i dettagli. Ogni rifugiato in Italia riceverà un sussidio mensile di 300 euro, valido per non più di 3 mesi. A tale importo si aggiungeranno altri 150 euro, corrisposti a genitori o tutori legali in favore dei minori. A confermarlo il capo della Protezione Civile Curcio, che ieri ha dato, per conto del Governo, il via libera al provvedimento. Quest’ultimo, aggiunge, verrà finanziato in contanti da un istituto di credito. Per avervi accesso, basterà presentare un documento d’identità e certificare il possesso del visto di protezione temporanea rilasciato dalla Questura.

CONTRIBUTO PROFUGHI UCRAINI, ACCOGLIENZA PARENTALE E NON SOLO

Accolta dunque la richiesta dei territori a favore di coloro che sono stati accolti presso parenti e amici. In pratica, la totalità dei 75mila finora giunti sui nostri lidi. E che in questo modo, sottolinea Curcio, non andranno a pesare sul bilancio di chi li ospita. Ma soldi non mancheranno nemmeno per coloro che non hanno un posto in cui stabilirsi: chi li assisterà, entrando a far parte della rete predisposta di concerto tra esecutivo, enti locali e associazioni del Terzo Settore, sarà infatti ricompensato con 33 euro al giorno per profugo.

Fabio Villani
Laureato alla Specialistica in Filologia Greca e Latina. Esordisco nel giornalismo durante un tirocinio universitario. Tra le mie passioni, calcio, cinema e musica

ULTIME NOTIZIE

LEGGI ANCHE