Zingaretti candidato alle Politiche, il Governatore conferma: “Sono a disposizione”

Zingaretti candidato alle Politiche, la risposta del diretto interessato alle voci su un suo inserimento in lista

Incidente
Ultimo aggiornamento:

Zingaretti candidato alle Politiche, arriva la conferma. A fornirla lo stesso Presidente della Regione Lazio, ai microfoni di ‘Radio Anch’io’, trasmissione di Radio 1. “Sono a disposizione – le parole, nette – Il che vuol dire un bel sì, sono pronto a candidarmi“. Zingaretti ribadisce dunque la linea, già espressa nei giorni scorsi, di non correre per un terzo mandato alla Pisana. Il suo nome potrebbe dunque finire negli elenchi PD relativi al Senato, per le consultazioni del prossimo 25 settembre. E, in merito a possibili alleanze, precisa: “Guarderemo a chi, come noi, vuole un’Italia giusta e che guardi al futuro. Un paese che abbia come pilastro di un modello di sviluppo la rivoluzione ambientale e la lotta alle disuguaglianze“.

ZINGARETTI CANDIDATO: “IL PD CE LA PUO’ FARE”

Gli anni passati – prosegue Zingaretti candidato – sono stati drammatici, perchè parlare dei poveri era considerato un errore del passato. Una specie di persecuzione. Invece noi metteremo in campo un’idea d’Italia in cui l’importante sia parlare con le persone“. Il Governatore crede molto nel progetto del Pd: “Ce la può fare, perchè è stato una forza fondamentale nella lotta al Covid e nel Pnrr. E ora è pronto a garantire che nessuno sarà lasciato da solo“. E anche lui chiude la porta ai 5 stelle: “Abbiamo fatto un bel percorso insieme, ma adesso non ci sono le condizioni per un’alleanza. La nostra proposta politica ne perderebbe di credibilità“.

ZINGARETTI CANDIDATO, QUALE FUTURO PER LA REGIONE?

A questo punto, si profilano degli scenari a tappe ben delineate. La prima avrà luogo alla fine di agosto, quando il Pd renderà note le liste per le circoscrizioni proporzionali di Camera e Senato. Se Zingaretti fosse tra i prescelti, un minuto dopo potrebbe rassegnare le dimissioni da Governatore. In questo caso, le elezioni per scegliere il suo successore si terrebbero entro i primi giorni di dicembre. Se invece decidesse di correre mantenendo l’incarico, entro 60 giorni dovrebbe compiere una scelta. Che, se ricadesse sulla poltrona a Palazzo Madama, gliene darebbe altri 90 per indire nuove consultazioni per la Regione.