Seguici sui Social

XII Municipio

Maselli contro Tomassetti “Prima di parlare sarebbe opportuno informarsi”

Pubblicato

il

Massimiliano Maselli Assessore all’Inclusione sociale e Servizi alla persona della Regione Lazio, attraverso una nota stampa, vuol fare chiarezza riguardo il tema dei Caregiver che approderà in aula la prossima settimana.

Mi preme chiarire quanto erroneamente dichiarato dal Presidente del Municipio XII in merito al fondo nazionale per il sostegno al ruolo di cura ed assistenza del caregiver familiare. Tomassetti non può sostenere che il servizio è stato sospeso perché la Regione e il Governo non hanno erogato le risorse, ciò è assolutamente infondato!”

La responsabilità è del Comune di Roma

“Roma Capitale per l’esattezza ha ricevuto somme complessive per oltre 4 mln € in questi anni (mi riferisco alle risorse assegnate con i Decreti ministeriali 2018-2022), rendicontando meno del 10% . Esiste quindi una difficoltà di spesa complessiva di Roma Capitale e forse anche una errata distribuzione delle risorse ai municipi. Il problema è quindi del Comune e non della Regione! Pertanto, la dichiarazione di Tomassetti ha un’unica conseguenza: allarmare inutilmente i caregiver delle persone con disabilità o non autosufficienza dimostrando poco senso di responsabilità istituzionale e mancanza di conoscenza dell’argomento”.

L’assessore conclude affermando “Giovedì 28 marzo porterò in Giunta la finalizzazione del Fondo nazionale caregiver relativa al DM 2023 di recente assegnato alle Regioni. Le risorse verranno poi immediatamente trasferite a Roma Capitale e ai distretti come sempre. In relazione ai 15 mln€ preciso al Presidente Tomassetti che confonde risorse nazionali con quelle regionali relative al finanziamento della proposta di legge sul caregiver che approderà in aula la prossima settimana.”

Stoccatina anche all’Assessore Bomarzi “Non commento la dichiarazione dell’Assessore Bomarzi perché non sa di cosa parla.”

I Municipio

Quali strade verranno rifatte per il Giubileo 2025? L’elenco completo di tutte le arterie previste dai lavori

Pubblicato

il

Giubileo 2025 strade

Giubileo 2025 le strade che verranno rifatte – Il prossimo Giubileo 2025 rappresenta un’opportunità straordinaria per la città di Roma poiché consentirà di realizzare interventi attesi da anni, che altrimenti non sarebbero stati possibili senza le risorse eccezionali legate a questo grande evento.

Lo ha sottolineato Dario Nanni, consigliere comunale e Presidente della Commissione Capitolina Speciale Giubileo 2025, durante il suo intervento a Radio Radio nella trasmissione “Un giorno speciale” condotta da Francesco Vergovich.

Quali strade verranno rifatte per il Giubileo 2025?

Numerose arterie principali della città saranno oggetto di importanti interventi di manutenzione straordinaria, sia le grandi direttrici che partono da Roma, come la Prenestina, la Portuense, la Tuscolana, la Laurentina, la Collatina e l’Ardeatina, sia strade di grande viabilità come Via Boccea, Via della Pisana, Via Ostiense, Via di Grotta Perfetta, Via Cristoforo Colombo, la Tangenziale Est e Via Pratica di Mare.

Un totale di quarantotto strade su cui sarebbe stato impossibile intervenire senza i fondi straordinari del Giubileo. Queste arterie verranno completamente ripavimentate, con una durata stimata di oltre quindici anni, grazie ai lavori che verranno eseguiti di notte per ridurre al minimo i disagi per i cittadini romani e che saranno completati entro marzo 2025.

Nanni ha sottolineato che la Commissione Giubileo continuerà a monitorare attentamente l’andamento dei lavori e a verificare tempistiche e modalità di questi importanti interventi, i quali contribuiranno significativamente a migliorare la viabilità e la sicurezza della città. fonte 

Continua a leggere

II Municipio

Domenica 18 febbraio AMA il tuo quartiere municipi pari. I luoghi dove portare i rifiuti

Pubblicato

il

Domenica 18 febbraio AMA il tuo quartiere municipi pari. I luoghi dove portare i rifiuti

Domenica 18 febbraio, Ama S.p.A. in collaborazione con il TGR Lazio, organizzerà l’iniziativa “AMA il tuo Quartiere – Giornate del Riciclo” nei Municipi pari, offrendo postazioni straordinarie di raccolta, oltre ai Centri di raccolta già esistenti, con un orario di apertura dalle 8:00 alle 13:00 (l’ultimo ingresso entro le 12:30 per garantire a tutti la possibilità di usufruire del servizio).

Durante l’iniziativa, sarà possibile consegnare una varietà di materiali e rifiuti, tra cui legno, metallo, ingombranti, frigoriferi e condizionatori, grandi elettrodomestici, monitor e TV, apparecchiature elettroniche, lampade al neon, batterie al piombo, consumabili da stampa e, in alcuni punti, contenitori di vernici e solventi. ‘Occhio ai calcinacci , altrimenti fate la fine del cinese…’

Presso alcune delle postazioni di raccolta, sarà attiva anche la raccolta di beni usati in collaborazione con Associazioni Culturali, Organizzazioni di Volontariato e Cooperative Sociali. Questo servizio mira a recuperare e riutilizzare beni e oggetti dismessi, contribuendo così a sostenere le fasce più deboli della popolazione e a favorire il reinserimento lavorativo di categorie svantaggiate.

  • II municipio
    Via Tiburtina: fronte piazza Valerio Massimo
  • IV municipio
    Via Cesare Spellanzon (area parcheggio mercato)
    Via Sirio Solazzi (lato Via Enrico Jovane fronte scuola)
  • VI municipio
    Viale Francesco Caltagirone: area parcheggio
    Via Ambrogio Necchi: area parcheggio Stazione Grotte Celoni
  • VIII municipio
    Via Benedetto Croce – area municipio
  • X municipio
    Via Erminio Macario (parcheggio)
  • XII municipio
    Via Ildebrando della Giovanna fronte civico 81 – fino alle ore 12
    Piazza San Giovanni di Dio (Parcheggio mercato)
  • XIV municipio
    Via Ruggero Orlando (fronte civico 78)
    Via Luisa Spagnoli ang. via Vivi Gioi: area mercato

Per ulteriori informazioni si può visitare il sito web di Ama.

 

Continua a leggere

I Municipio

Elenco delle 80 nuove Zone 30 km/h a Roma, dal centro storico alle periferie

Pubblicato

il

Elenco delle 80 nuove Zone 30 km/h a Roma, dal centro storico alle periferie

Saranno all’incirca 80 le ‘Zone 30′ che verranno implementate a Roma sia nel centro che nelle zone periferiche. Il sindaco Gualtieri ha come obiettivo quello di raggiungere una copertura del 70 percento delle strade della capitale con un limite di velocità di 30 km all’ora. Già sono stati stanziati 3,5 milioni di euro da parte di Roma Capitale per realizzare le prime ‘Isole ambientali’ della città, con sei di queste già completate su un totale previsto di oltre 70.

Gualtieri ha affermato: “Vogliamo diffondere le Zone 30 in tutta la città”. Durante la settimana, è stata inaugurata la ‘Zona 30′ di Casal Monastero, in via Ratto delle Sabine, un’area situata di fronte a una chiesa e una scuola. “Questo progetto non prevede soltanto l’abbassamento della velocità ma anche un recupero dello spazio, con il verde. In questo quartiere, oltre il Gra, stiamo intervenendo in modo prioritario perché è una zona della città che è stata un po’ abbandonata. Ora aiuteremo questi spazi a essere vissuti e migliorati”.

Ecco l’elenco delle 80 Zone 30 previste dal Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (Pums):

  • P2-01 Pigneto
  • P2-02 Casal Bertone
  • P2-03 Acqua Sacra
  • P2-04 Osta Antica
  • P2-05 Axa Malafede
  • P2-06 Aventino
  • P2-07 Centocelle
  • P2-08 Quadraro Vecchio
  • P2-09 Tuscolana
  • P2-10 Villa Certosa
  • P2-11 La Rustica
  • P2-12 Monte Verde
  • P2-13 Marconi
  • P2-14 Fonte Meravigliosa
  • P2-15 Eur
  • P2-16 Prati
  • P2-17 Torraccia
  • P2-18 Testaccio
  • P2-19 Portuense
  • P2-20 Garbatella
  • P2-21 Montagnola
  • P2-22 San Paolo
  • P2-23 Stazione S. Pietro
  • P2-24 Avignone
  • P2-25 Coppedé
  • P2-26 Morena
  • P2-27 Lungomare Ostia
  • P2-28 Zama
  • P2-29 Terme di Caracalla
  • P2-30 Porta Metronia
  • P2-31 Val d’Ala
  • P2-32 Piazza Alessandria
  • P2-33 Ex-Tangenziale est
  • P2-34 P.zza Gondar – Addis Abeba
  • P2-35 Trastevere Ripa
  • P2-36 Isola Ambientale Farnese Portico D’Ottavia
  • P2-37 Isola Ambientale Navona Pantheon
  • P2-38 Spagna Trevi Quirinale
  • P2-39 Ludovisi Veneto
  • P2-40 Termini
  • P2-41 Viminale
  • P2-42 Esquilino
  • P2-43 Colosseo Colle Oppio
  • P2-44 Celio
  • P2-45 San Saba
  • P2-46 Lungotevere Ansa Barocca
  • P2-47 Torre Maura
  • P2-48 Villaggio Olimpico
  • P2-49 Lucchina-Ottavia
  • P2-50 Battistini
  • P2-51 Amba Alagi
  • P2-52 Sanfippolito
  • P2-53 Province
  • P2-54 High line Prenestina
  • P2-55 Romanisti
  • P2-56 Colli Aniene
  • P2-57 Colle di Mezzo
  • P2-58 Casal Bernocchi
  • P2-59 Gianicolense
  • P2-60 Valle dell’inferno
  • P2-61 Degas
  • P2-62 Parco de Medici
  • P2-63 Piazza Morelli
  • P2-64 Etruria
  • P2-65 Tor Pignattara
  • P2-66 Beltramelli
  • P2-67 Casal Bruciato
  • P2-68 Meucci
  • P2-69 Bertarelli
  • P2-70 Collina Lanciani
  • P2-71 Mura Ardeatine
  • P2-72 Via di Porta Latina
  • P2-73 Acquedotto Paolo
  • P2-74 Corso Italia
  • P2-75 Casal Brunori
  • P2-76 Primavalle
  • P2-77 Balduina

Le tre Zone 30 già attive al momento dell’approvazione del Pums: P1-01 Monti, P1-02 Borgo Pio, P1-03 Appia Antica

Le Zone 30 da attivare (alcune, come abbiamo visto, sono già state attivate), elencate dal P2-01 Pigneto al P2-77 Balduina.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Tecnica del Key Bumping. Alla tuscolana ‘beccati’ dai Carabinieri

Pubblicato

il

Key Bumping

Arrestati Quattro Sospetti Ladri in Flagranza a Roma Tuscolana

I Carabinieri della Stazione di Roma Tuscolana hanno effettuato un arresto in flagranza che ha portato all’incriminazione di tre cittadini georgiani e un cittadino lituano, con età compresa tra i 33 e i 52 anni, già noti alle forze dell’ordine per precedenti penali. Sono gravemente indiziati di tentato furto aggravato in concorso e resistenza a pubblico ufficiale.

Durante una normale pattuglia per il controllo del territorio, i Carabinieri hanno notato i quattro uomini, con atteggiamento sospetto, mentre cercavano di accedere a un’abitazione al primo piano di un condominio in via Suor Maria Mazzarello, a due passi da Villa Lais. Utilizzavano la tecnica nota come “Key Bumping”. All’interno dell’abitazione si trovava la proprietaria, ignara della situazione.

L’intervento tempestivo dei Carabinieri ha impedito il tentativo di furto, bloccando i quattro individui che, una volta scoperti, hanno cercato una breve fuga a piedi. Durante il tentativo di arresto, uno degli individui ha opposto resistenza ai militari, usando calci e pugni. Durante le perquisizioni personali, è stata rinvenuta e sequestrata una chiave adulterata, rivestita da carta gommata, utilizzata per forzare la porta dell’abitazione.

Solo dopo l’intervento dei Carabinieri, la vittima si è resa conto della manomissione della porta d’ingresso e ha successivamente presentato denuncia-querela. Gli indagati sono stati arrestati e condotti presso le aule del Tribunale di Roma in piazzale Clodio, dove gli arresti sono stati convalidati.

Per uno dei sospettati, un 33enne georgiano, è stata eseguita un’ordinanza del Tribunale di Bari, poiché deve scontare una pena di 4 anni e tre mesi di reclusione per furto in abitazione. La pronta azione dei Carabinieri ha permesso di evitare un possibile furto e ha portato all’arresto di individui già noti alle autorità per reati analoghi.

Continua a leggere

Cronaca

Cronaca Roma, Al San Camillo addetti alle pulizie stuprano una collega

Pubblicato

il

Addetti alle pulizie stuprano una collega al San Camillo: condannati

Condannati due addetti alle pulizie per violenza sessuale sul posto di lavoro

Due dipendenti di un’impresa che si occupava delle pulizie all’ospedale San Camillo di Roma nel XII Municipio, sono stati condannati per violenza sessuale di gruppo nei confronti di una collega. La vittima, una donna di trentasette anni, ha denunciato i due colleghi, uno di trentaquattro e l’altro di quarantadue anni. Il Tribunale di Roma li ha condannati a sei anni e sei mesi e due anni e otto mesi di reclusione rispettivamente.

I fatti si sono verificati il 3 marzo 2018, quando la vittima è stata costretta ad avere un rapporto intimo con i due colleghi nello spogliatoio femminile dell’ospedale. Secondo il racconto della donna, uno dei imputati sarebbe entrato nello spogliatoio, trattenendola con la forza mentre l’altro la violentava.

La vittima ha denunciato l’accaduto alle autorità il giorno successivo, avviando le indagini. Gli imputati, assistiti dagli avvocati difensori, hanno respinto le accuse. Ora spetta ai giudici accertare la verità e emettere una sentenza definitiva.

Fonte

Continua a leggere

XII Municipio

Incidente stradale durante Capodanno. Antonello Mochi aveva solo 27 anni

Morte di un giovane chef a Roma durante la notte di Capodanno

Pubblicato

il

Roma, chef morto in un incidente durante la notte di Capodanno: “Toto” aveva 27 anni. Lo schianto in Smart contro un albero

Durante la notte di Capodanno, Antonello Mochi, un giovane chef di 27 anni, ha perso la vita in un incidente stradale a Roma. Il giovane, noto con il soprannome di “Toto”, era un talentuoso pastry chef con una promettente carriera davanti a sé.

Il tragico incidente è avvenuto quando Antonello, a bordo della sua Smart, ha perso il controllo del veicolo e si è schiantato contro un albero nel quartiere Aurelio, a Roma. Nonostante i soccorsi tempestivi, il giovane è purtroppo deceduto a causa delle gravi ferite riportate. Secondo le testimonianze, l’incidente potrebbe essere stato causato dall’elevata velocità o dall’assunzione di alcol da parte del giovane chef. Tuttavia, non è esclusa la possibilità che Antonello abbia avuto un colpo di sonno al volante.

Antonello Mochi, noto per la sua passione per la pasticceria e la boxe, aveva iniziato la sua carriera professionale a Milano, prima di fare ritorno a Roma, dove aveva lavorato in diversi ristoranti della città. Nelle sue ultime parole sui social, il giovane mostrava la sua determinazione a affrontare la vita nonostante le difficoltà. La tragica morte di Antonello Mochi ha lasciato la comunità scioccata e addolorata per la perdita di un giovane talentuoso e pieno di vita.

Fonte

Continua a leggere

Cronaca

Incidente a Villa Pamphilj. Muore 27enne con la Smart

Schianto contro un albero, muore 27enne a Roma.

Pubblicato

il

Incidente Villa Pamphilj

Incidente mortale la scorsa notte di Capodanno a Roma. E’ accaduto a villa Doria Pamphilj nel XII Municipio, intorno alle 4.30 di mattina, in via Leone XIII all’altezza via Leone Dehon. Sul posto la polizia locale del I Gruppo Centro.

Come riporta il Messaggero, a perdere la vita un ragazzo di 27 anni, alla guida di una Smart, che dopo aver urtato un’altra macchina ha colpito un albero sullo spartitraffico centrale. Il ragazzo è morto in ospedale. In corso le indagini per ricostruire l’esatta dinamica di quanto accaduto.

Continua a leggere

Cronaca

Incendio di Malagrotta. La qualità dell’Aria rilevata da Arpa sulle polveri sottili

Pubblicato

il

Incendio di Malagrotta. La qualità dell’Aria rilevata da Arpa sulle polveri sottili

Incendio Malagrotta: Arpa, dati polveri sottili nella norma

L’incendio di Ieri a Malagrotta di cui ancora non si sa bene le cause ha gettato nuove ombre sull’Ama e sul sistema dello smaltimento dei rifiuti a Roma. Per domare le fiamme ci sono volute tantissime ore, un immenso uso di acqua e vigili del fuoco proveniente anche dalla regione Puglia.

Pochi minuti fa sono arrivati i dati ufficiali dell’Arpa. Le polveri sottili sono nella norma. In base alle centraline fisse più vicine all’impianto di smaltimento dei rifiuti, le polveri sottili non hanno registrato valori diversi dal giorno prima dell’incendio. I valori sono fra 31 e 35 mg/m3 ampiamente entro il limite di legge di 50 mg/m3. Le centraline di Malagrotta sono rispettivamente a 3 km dallo stabilimento, quella di Castel di guido a 7 km e due centraline si trovano a Fiumicino che dista ben 12 km.

Per avere dati ancora più dettagliati anche sulle diossine bisognerà aspettare i rilevamenti effettuati dai due campionatori installati ieri dall’Arpa a ridosso dell’incendio: uno a nord est, a circa 500 metri, e uno a sud ovest a circa 100 metri.

Continua a leggere

XII Municipio

Teresa Vaglianti schiacciata da un albero, il tronco diventa un altarino e i bambini depongono fiori

Teresa Vaglianti morta schiacciata da un albero, il tronco diventa un altarino e i bambini depongono fiori

Pubblicato

il

Teresa Vaglianti morta schiacciata da un albero, il tronco diventa un altarino e i bambini depongono fiori

Comunità si riunisce per commemorare l’anziana morta schiacciata da un albero.

La tragedia che ha colpito Monteverde lo scorso 25 novembre, con la morte di Teresa Veglianti, 82 anni, ha portato la comunità a riunirsi in una toccante commemorazione.

L’evento come riporta RomaToday ha visto la partecipazione di parenti, bambini del quartiere e persino il presidente del XII municipio Elio Tomasetti.

L’iniziativa è stata organizzata dal comitato di quartiere Gianicolense Donna Olimpia per onorare la memoria di Teresa e mostrare solidarietà alla sua famiglia.

Amici e conoscenti hanno deposto fiori e attraversato il quartiere in silenzio in segno di rispetto. La marcia commemorativa si è conclusa con una preghiera di fronte al tronco dell’albero che aveva tragicamente ucciso Teresa Veglianti.

 

Continua a leggere

Cronaca

Gianicolense allagata : la tubatura salta e le strade affondano, caos al San Camillo

Pubblicato

il

Gianicolense allagata

Un disastro i lavori di manutenzione alle reti idriche sulla Gianicolense, ieri pomeriggio è esploso un condotto che portava l’acqua verso le case del quartiere allagandolo, la Gianicolense allagata è una bruttissima sorpresa per residenti e commercianti.

L’allagamento è continuato fino alla mattina, con un immensa quantità do metri cubi d’acqua riversata sulle strade e sui marciapiedi: “Dovevo andare a lavoro…. Dovevo!” ci dice stizzito dal finestrino della sua auto un conducente, in sosta con l’acqua alla portiera.

I video della Gianicolense allagata spopolano sul Web, non era mai capitato che un valanga d’acqua così potente si scagliasse contro la strada romana, che tra le altre cose è anche uno degli sondi principali di Roma Ovest. Le altre strade della capitale ne hanno risentito.

La chiusura della Gianicolense, completamente sommersa e la chiusura del viadotto della Magliana per lavori hanno canalizzato il traffico sulla Portuense, ieri sera il rientro a casa dei conducenti è stato quindi un inferno.

All’arrivo della polizia locale le auto erano impegnate in una disperata retromarcia per non farsi cogliere dall’acqua, la conduttura sarebbe saltata all’altezza di San Girolamo Emiliani e ha costretto il San Camillo a sforzi immani per garantire il servizio ospitaliero.

Tutto il quartiere ha poi subito un brusco abbassamento della pressione idrica, causando la completa assenza di acqua nelle case. Tutte le linee di Autobus sulla Gianicolense sono state deviate, insieme allo stesso Tram 8.

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA