PICCO OMICRON Galli lancia l’allarme sui positivi ‘fantasma’

Del picco Omicron Galli ha parlato ai microfoni della trasmissione di Raitre ‘Agorà’. In termini, come suo solito, tutt’altro che di certezza: “Se si stia verificando si può dire solo in modo dubitativo e molto cauto“. E il motivo, a suo avviso, risiederebbe in una variabile non di poco conto: “C’è una quantità enorme di persone infette che o non ha fatto il tampone o lo ha fatto in termini del tutto privati e non lo ha dichiarato“. L’ex direttore di Malattie Infettive al Sacco di Milano spiega come non si tratti di una percezione, ma di un fatto vero e proprio, concreto: “Casi così ne sento tantissimi ogni giorno. Persone che ci contattano, ma, quando gli chiedi se siano registrati come infezione in atto, rispondono di no“.

PICCO OMICRON GALLI: “CAUTI SUI NUMERI”

Galli invita poi a non farsi fuorviare dalla stabilità dei dati: “E’ vero – precisa – provengono da una gran massa di tamponi, ma non possiamo confidarci completamente“. La variante Omicron non è affatto indebolita e il professore spiega perchè: “Ieri abbiamo avuto oltre 400 decessi e non credo derivino tutti da Delta. Probabilmente Omicron è meno patogena, ma ciò non vuol dire che non lo sia. Altrimenti non vedremmo tutti questi morti“.

E RICCIARDI METTE IN GUARDIA IL REGNO UNITO

Fabio Villani
Laureato alla Specialistica in Filologia Greca e Latina. Esordisco nel giornalismo durante un tirocinio universitario. Tra le mie passioni, calcio, cinema e musica

ULTIME NOTIZIE

LEGGI ANCHE