Medicinali sui droni, c’è l’accordo tra Regione Lazio ed Enac

Medicinali sui droni, ora si può. La Pisana ha dato infatti il via libera alla proposta congiunta tra l’Assessore alla Mobilità Alessandri e il collega della Sanità D’Amato. “Il Lazio è la prima regione italiana ad avviare un simile progetto“, scrivono i due in una nota. Sottolineando come anche dalla Mobilità Aerea Avanzata passi la costruzione del futuro: essa infatti “introduce nel trasporto una terza dimensione, quella aerea, in alternativa a quella terrestre già fortemente congestionata“. E i benefici non mancheranno: “Grazie ai corridoi dedicati riusciremo ad ottimizzare i tempi di viaggio e a ridurre emissioni e consumi. Ma anche la qualità dell’aria verrà migliorata e gli spostamenti resi più affidabili. Il che, per i medicinali, significa salvare vite umane“.

MEDICINALI SUI DRONI, I DETTAGLI DEL PROTOCOLLO

L’intesa cementerà la collaborazione tra Regione ed Enac, ponendo sempre maggiore attenzione ad un tema, l’uso del drone, strategico sul fronte della mobilità urbana. Ciò però non significa che i dispositivi inizieranno subito a sorvolare i cieli del Lazio: prima infatti occorrerà studiare l’ambiente normativo, operativo ed infrastrutturale più idoneo al servizio. In particolare, ci si dovrà concentrare sulle rotte aeree e sulle soluzioni che permettano ai droni di sfruttarle nella maniera più ottimale. Di ciò gioverà soprattutto la distribuzione dei medicinali sui droni, la cui utilità diverrà maggiore in caso di necessità.

Fabio Villani
Laureato alla Specialistica in Filologia Greca e Latina. Esordisco nel giornalismo durante un tirocinio universitario. Tra le mie passioni, calcio, cinema e musica

1 commento

I commenti sono chiusi.

ULTIME NOTIZIE

LEGGI ANCHE