OMICRON Le Foche vede la normalità: “A marzo la riacquisteremo”

Intervenuto sulla situazione italiana relativa a Omicron Le Foche conferma l'ottimismo dei colleghi

omicron le foche
Ultimo aggiornamento:

OMICRON Le Foche è sicuro: manca pochissimo all’uscita dell’Italia dalla fase più acuta della pandemia. E’ lo stesso immunologo dell’Umberto I a confermarlo in un’intervista a Il Corriere della Sera. “Tra due, tre settimane al massimo, – spiega – avremo una tendenza della curva dei contagi verso la decrescita. E con essa un alleggerimento delle misure per contenere il Covid“. A suo avviso, bisogna continuare a puntare tutto sui vaccini: “Sono la strada maestra. Dobbiamo assolutamente far sì che le persone con terza dose arrivino al 75%. Solo allora potremo dire di aver raggiunto un’immunità sociale importante. Adesso siamo al 50%, non è male. Ma, se vogliamo riaprire in sicurezza, dobbiamo fare ancora meglio“.

OMICRON LE FOCHE, A QUANDO SENZA MASCHERINE?

Secondo l’immunologo, inoltre, a breve potremo tornare a volto scoperto. Ma, avverte, “dovremo comportarci attentamente e trovarci all’aperto e in situazioni tranquille“. Come molti suoi colleghi, anche Le Foche ritiene infatti che il Covid non sparirà: “Dovremo imparare a conviverci. Ma i vaccini limiteranno notevolmente la nostra fragilità ed esposizione al contagio. E anche se ci ammaleremo, non lo faremo più in modo molto grave. L’immunità renderà infatti questo ospite indesiderato declassato e depotenziato“. Importante sarà anche l’attività degli ospedali: “Dovranno affrontarlo diversamente. Se un ferito in un incidente stradale arriva al pronto soccorso e risulta positivo al tampone, andrà indirizzato nel reparto competente e non necessariamente in quello per i malati di Covid“.

OMICRON LE FOCHE, VERSO LA SERENITA’

La pressione da infezione è dunque agli sgoccioli: “Credo che da marzo in poi – conclude Le Foche – potremo riacquistare una certa serenità. Ci saranno sempre meno polmoniti bilaterali e raramente, se non eccezionalmente, conseguenze gravi. In estate? Non ho la palla di vetro, ma spero proprio che le vacanze saranno normali“.

LAZIO VERSO FINE EMERGENZA, D’AMATO SICURO