fbpx
Seguici sui Social

Curiosità

Totti perde il Rolex e chiede aiuto ai tifosi

Pubblicato

in



ha lanciato un su chiedendo ai suoi fan di aiutarlo a ritrovare il suo

Totti perde il Rolex e lancia l’appello su Instagram: “Verrò io di persona a riprenderlo”. Ecco il testo del messaggio pubblicato dall’ex numero 10 della Roma: “Ragazzi ho perso il mio orologio a cui ero molto legato e con il quale ho condiviso tutta la mia carriera. Mi rivolgo a tutti voi nella speranza che possiate trovarlo. So che è quasi impossibile ma tentar non nuoce. Si tratta di un Daytona acciaio con quadrante bianco e nel cinturino ha due placchette con la lettera C (Cristian e Chanel). Vi ringrazio in anticipo e vi lascio un recapito: 348 8888940. Verrò io di persona a prenderlo”. Riuscirà Francesco Totti a ritrovare il suo orologio?

SEGUICI SU TWITTER

Continua a leggere
Pubblicità

Curiosità

Aeroporto di Fiumicino, italiano bloccato in possesso di due rari Falchi Pellegrini

Pubblicato

in

Di

Falchi Pellegrini Fiumicino


L’uomo è stato intercettato di rientro da Dubai in possesso di due rari esemplari del rapace simbolo degli Emirati Arabi

Un italiano è stato bloccato dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma e dai funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli all’Aeroporto Leonardo Da Vinci di Fiumicino in possesso di una coppia di rari falchi pellegrini. Di ritorno da Dubai, l’uomo e è stato denunciato per introduzione fauna in via estinzione.
Le Fiamme Gialle del Gruppo aeroportuale, durante i controlli doganali di routine, hanno fermato un cittadino italiano proveniente da Dubai che aveva con sè i due rapaci. I militari hanno subito notato che gli anelli di marcaggio apposti sulle zampe erano diversi da quelli utilizzati in Spagna, paese di nascita degli uccelli, come risultava dalla documentazione di accompagnamento. Sono stati quindi attivati degli accertamenti allo scopo di ricostruire i movimenti dei due rapaci prima di giungere in Italia. Si è così appurato che i due volatili, nati in cattività in Europa e registrati in Spagna, erano stati trasferiti negli Emirati Arabi e sostituiti con un maschio e una femmina della più pregiata sottospecie falco peregrinus peregrinator (detta black shaheen), dalla struttura più possente e con una livrea più colorata. Ai nuovi uccelli erano stati poi applicati anelli di marcaggio aventi gli stessi numeri di serie che contraddistinguevano gli esemplari europei, al fine di occultare la loro origine asiatica ed eludere il divieto di introduzione in Europa. Una volta in Italia, la prole dei due uccelli, venduta agli appassionati del settore, avrebbe potuto fruttare cifre dell’ordine di centinaia di migliaia di euro. I due esemplari sono stati trasferiti in un centro specializzato e l’importatore è stato denunciato per reati di falso e introduzione di fauna in via di estinzione senza licenza di importazione regolarmente rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri.

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA