Tra lotta scudetto e Champions: presentazione di Milan-Roma

Conference League Roma
la Curva Sud, cuore del tifo giallorosso
Ultimo aggiornamento:

Roma – Per la prima volta, il calendario sarà asimmetrico e di conseguenza assisteremo ad incontri fra squadre che non si erano affrontate necessariamente ad agosto. Il caso ha voluto che tra le partite del 6 gennaio ce ne saranno un paio dal blasone non indifferente: Juventus e Napoli si sfideranno principalmente per un posto in Champions, ma ancora più interessante potrebbe rivelarsi il big match tra Milan e Roma (con fischio d’inizio alle ore 18.30), due compagini che stanno attraversando dei momenti di forma molto diversi.

I rossoneri padroni di casa hanno chiuso il 2021 al secondo posto, a 4 lunghezze dall’Inter campione d’inverno. Dall’inizio della stagione il “Diavolo” ha condiviso spesso la vetta della classifica con il Napoli, ma nel mese di dicembre qualche passo falso di troppo ha favorito l’ascesa dei nerazzurri, che oggi rappresentano l’avversario da battere.

MIlan

Il Milan intende battere il ferro finché è caldo: le speranze di mettere le mani sul tricolore non sono ancora svanite. Molto dipenderà da Ibrahimovic, che non è stato sempre presente a causa di infortuni vari. Ci sono però delle defezioni con le quali anche i ragazzi di Pioli dovranno fare i conti.

La Coppa d’Africa impegnerà Ballo-Touré, Bennacer e soprattutto Kessié. Considerando che per Kjaer la stagione è già finita, non sono pochi i punti di riferimento che vengono meno per il Milan in questo momento.

A maggior ragione “Ibra” si ritrova con tante responsabilità sulle spalle. A dispetto di un rendimento a singhiozzo, lo svedese ha realizzato 7 gol in 11 presenze. Con buona pace di Giroud, Zlatan continua ad essere il perno di questa squadra.

AS Roma

Anche la Roma di Mourinho conta qualche assenza, ma non tra i titolarissimi, volendo escludere il solito Spinazzola che non è ancora rientrato dall’infortunio patito agli Europei. I giallorossi vantano una formazione di tutto rispetto, ma la coperta è corta e i ricambi lasciano spesso a desiderare.

In questi primi mesi “Mou” è stato costretto a cambiare più volte la veste alla propria squadra, adottando all’occorrenza anche la difesa a 3. Il destino della “Lupa” sembra essere nei piedi di Abraham e Zaniolo, forse i due talenti più cristallini della rosa. Ne sa qualcosa l’Atalanta, che a dicembre ha perso a sorpresa per 1-4 contro i capitolini. Questa Roma ha ancora molto da dire in campionato, il sogno della Champions dista solo 6 punti.

Il favore dei pronostici non può che andare al Milan, in considerazione di quanto mostrato nella prima metà di campionato. Se c’è una squadra che può ribaltare le aspettative degli addetti ai lavori, però, quella è proprio la Roma.

Il bilancio delle sfide precedenti comunque sorride ai rossoneri: Milan e Roma si sono sfidate 89 volte a Milano in incontri di Serie A con 48 successi dei padroni di casa, 21 vittorie giallorosse e 20 pareggi. L’ultimo precedente tra le due compagini risale al 31 ottobre scorso, all’Olimpico di Roma: match conclusosi con il punteggio di 1-2 in virtù delle reti di Ibrahimovic e Kessié e dell’ex El Shaarawy.