Seguici sui Social

Roma e dintorni

Sciopero a Roma oggi, a rischio i mezzi per 4 ore

Sciopero a Roma oggi, a rischio i mezzi per 4 ore

Pubblicato

il

Sciopero a Roma oggi, a rischio i mezzi per 4 ore

Lo sciopero a Roma oggi, a rischio i mezzi per 4 ore: le fasce orarie interessate

Oggi 7 dicembre 2023, Atac, Roma Tpl e Cotral aderiranno a uno sciopero dei mezzi a Roma della durata di quattro ore, previsto dalle 9:00 alle 13:00. Questo sciopero interesserà l’intera rete Atac, compresi i collegamenti eseguiti da altri operatori in regime di subaffidamento, così come l’intera rete RomaTpl e tutte le linee del trasporto pubblico regionale operate da Cotral, compresa la Metromare e la linea ferroviaria Roma – Civita Castellana – Viterbo.

Durante le quattro ore di mobilitazione, nelle stazioni della rete metroferroviaria che resteranno aperte, non sarà garantito il servizio di scale mobili, ascensori e montascale, né il servizio delle biglietterie. I parcheggi di interscambio rimarranno aperti.

Lo sciopero di quattro ore è stato indetto dal sindacato Faisa Cisal. Secondo un comunicato diffuso sia sul sito ufficiale dell’Atac sia sul sito ufficiale della Cotral, il servizio sarà assicurato durante le fasce di garanzia: dalle prime corse diurne fino alle 8:59 e dalle 13:01 fino al termine del servizio.

Durante il periodo dello sciopero, la rete Atac garantirà il servizio su tutta la rete dalle prime corse diurne fino alle 8:59 e dalle 13:01 fino al termine del servizio, inclusi i collegamenti Termini-Centocelle, Metromare e Roma-Nord. Tuttavia, il servizio non sarà garantito su tutta la rete tra le 9:00 e le 13:00. Le linee di superficie gestite da altri operatori in regime di subaffidamento, ossia 021-043-77-113-246-246P-319-351-500-551-718, non saranno coinvolte nello sciopero.

Inoltre, per quanto riguarda il Cotral, le fasce di garanzia vanno dalle prime corse fino alle 9:00 e dalle 13:01 fino al termine del servizio. Durante lo sciopero, che va dalle 9:01 alle 13:00, potrebbero verificarsi soppressioni e disagi dovuti allo sciopero. Le motivazioni dietro questo sciopero sono le aggressioni al personale in servizio, tra cui episodi recenti come l’aggressione alla Stazione Tiburtina e altre situazioni simili.

Fonte Fanpage qui.

Attualità

Al Colosseo in ricordo di Mikis Mantakas, ragazzo ucciso nel ’75

Pubblicato

il

Croci celtiche al Colosseo in ricordo di Mikis Mantakas, attivista di destra ucciso nel ’75

Alcuni estremisti greci hanno esposto bandiere con croci celtiche davanti al Colosseo per ricordare Mikis Mantakas, attivista della Lega nazionale degli studenti greci in Italia e militante del Fronte universitario d’azione nazionale (Fuan) ucciso a Roma il 28 febbraio del 1975.

Mercoledì pomeriggio, decine di militanti di estrema destra si sono riuniti in via Ottaviano, davanti all’ex sezione del Msi dove Mantalas fu ucciso, per rendere omaggio a Mantakas. La commemorazione è stata organizzata dalla Rete dei patrioti, gruppo composto da alcuni fuoriusciti di Forza Nuova, e ha visto la partecipazione di estremisti italiani, ciprioti e greci.

Ieri, alcuni estremisti greci hanno esposto bandiere con croci celtiche davanti al Colosseo, con le fotografie delle bandiere che sono state pubblicate in diversi gruppi e chat di estrema destra.

L’omicidio di Mikis Mantakas avvenne il 28 febbraio del 1975, quando fu colpito da due proiettili davanti alla sezione del Msi di via Ottaviano a Roma. Gli autori dell’omicidio furono accusati di essere i militanti di Potere Operaio Alvaro Lojacono e Fabrizio Panzieri. L’omicidio si verificò durante un’udienza in tribunale relativa al processo per il rogo di Primavalle, in cui persero la vita Stefano e Virgilio Mattei. Durante una rissa davanti al Palazzo di Giustizia, alcuni attivisti antifascisti si spostarono verso la sede del Msi in via Ottaviano con l’intento di assaltarla, trovando al suo interno Mantakas e altri militanti di estrema destra.

Fonte

Continua a leggere

Centro Storico

Più sicurezza a Roma, in arrivo 2500 telecamere per il Giubileo

Pubblicato

il

Aumentano le telecamere di sicurezza a Roma: ora ce ne sono 2500 per il Giubileo.

Il comandante della Polizia Locale di Roma Capitale, Mario De Sclavis, ha confermato nelle scorse ore il piano annunciato dal sindaco Gualtieri in estate: l’installazione di mille nuove telecamere di sicurezza in città in vista del Giubileo e la realizzazione di una nuova sala operativa. Durante una riunione della Commissione capitolina Giubileo, il comandante ha spiegato che le nuove telecamere andranno a confluire nella Sala Sistema Roma insieme a quelle già esistenti, per garantire un maggiore controllo del territorio durante l’anno santo.

Il progetto prevede la creazione di un unico polo operativo chiamato “Smart Police Support” (SPS) destinato alla gestione della sicurezza pubblica, delle emergenze e dei grandi eventi come il Giubileo del 2025. Questo includerà l’installazione di nuove telecamere, la realizzazione di una nuova sala operativa e di un centro di Cyber Security Operation Center (C-SOC o SOC) per proteggere la rete di videosorveglianza da potenziali attacchi informatici.

Attualmente, a Roma ci sono solo 2.500 telecamere, un numero ritenuto insufficiente rispetto alle necessità della città. Le nuove telecamere saranno dotate di intelligenza artificiale e saranno protette da Firewall per semplificare le operazioni di gestione della sicurezza. Il progetto prevede una maggiore collaborazione con le altre forze dell’ordine e con la Protezione Civile per garantire un controllo efficace del territorio durante il Giubileo e altri eventi importanti.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Incendio camera da letto uccide 83enne: salva una donna

Pubblicato

il

Incendio camera da letto uccide 83enne: salva una donna

un incendio avvenuto questa mattina a Poggio Bustone, in provincia di Rieti, che ha causato la morte di un uomo di 83 anni. Le fiamme si sono sviluppate nella camera da letto, ma sono rimaste circoscritte a quell’ambiente. Una donna è riuscita a salvarsi scappando sul balcone e è stata soccorsa dai Vigili del Fuoco, che hanno estinto l’incendio e messo in sicurezza i luoghi.

le cause dell’incendio non sono ancora chiare e che le indagini dei carabinieri sono in corso. L’appartamento è stato sequestrato in attesa che vengano effettuati gli accertamenti, e verrà ascoltata la donna che è riuscita a salvarsi. Si ipotizza che l’incendio sia stato causato da un incidente domestico. L’identità dell’uomo morto nell’incendio non è stata ancora resa nota. Si sta valutando se disporre l’autopsia sul corpo o dare il nulla osta per i funerali.

Fonte

Continua a leggere

News

Castello delle Cerimonie. Anche Maria Grazia Cucinotta supporta i lavoratori della struttura

Pubblicato

il

Maria Grazia Cucinotta supporta i lavoratori de La Sonrisa nella confisca del Castello delle Cerimonie

Castello delle Cerimonie – La sindaca Ilaria Abagnale di Sant’Antonio Abate ha richiesto un incontro con il prefetto di Napoli in merito alla protesta che si è svolta sotto alla sede del municipio.

La protesta è stata organizzata dai 300 dipendenti del Grand Hotel La Sonrisa, confiscato e consegnato al patrimonio immobiliare del Comune a causa di lottizzazione abusiva. L’hotel con il suo parco ed eliporto, noto come il Castello delle Cerimonie grazie a una trasmissione su Real Time, ha circa 300 lavoratori tra diretto e indotto che vedono ora a rischio il loro posto di lavoro a seguito della sentenza di confisca che prevede l’abbattimento o l’utilizzo dell’immobile per fini di pubblica utilità. Questa mattina, i lavoratori, alcuni accompagnati dalle loro famiglie, si sono recati al municipio per presentare le proprie richieste al sindaco Abagnale.

Nonostante l’incontro con il sindaco, le incertezze sul futuro dell’hotel permanono. Tuttavia, i lavoratori hanno espresso fiducia e soddisfazione per le rassicurazioni ricevute dal primo cittadino. Hanno anche riconosciuto che il risultato non dipende esclusivamente dal Comune e che devono attendere le decisioni delle autorità competenti. Il sindaco Abagnale ha assicurato che lavorerà per salvaguardare i posti di lavoro e che attualmente il Comune non è a conoscenza dei dettagli delle operazioni di acquisizione dell’hotel.

Il sindaco ha dimostrato solidarietà verso i lavoratori e ha affermato che La Sonrisa è una grande attrazione turistica e una preziosa fonte di reddito per i cittadini. Ha anche affermato che discuterà le loro richieste con le autorità competenti e che ha precedentemente richiesto un incontro con il prefetto di Napoli per discutere le questioni legate alla sentenza. Inoltre, ha annunciato che la famiglia Polese non gestirà più l’hotel e che si stanno esaminando diverse opzioni come la demolizione, la rigenerazione urbana o una gestione esterna con interesse pubblico.

Anche l’attrice Maria Grazia Cucinotta ha espresso la sua solidarietà ai lavoratori del Grand Hotel. Sebbene non abbia partecipato alla protesta, ha sottolineato l’importanza di difendere i diritti dei lavoratori e salvaguardare il loro futuro e quello delle loro famiglie.

Fonte

Continua a leggere

Centro Storico

Roma, Neonata Dopo Parto Muore al Santo Spirito. Madre Interrogata dai Procuratori

Pubblicato

il

Neonata Dopo Parto Decede: Madre Interrogata dai Procuratori

La madre della neonata morta poco dopo essere venuta al mondo il 15 febbraio scorso all’ospedale Santo Spirito di Roma, è stata ascoltata oggi in Procura. Quest’intervento segue la denuncia dei genitori e l’apertura di un fascicolo di indagine condotto dai pubblici ministeri capitolini, volto a scoprire le responsabilità degli ignoti coinvolti. Ulteriori importanti passi sono stati fatti nei giorni precedenti, quando i capi dell’inchiesta hanno ascoltato anche il padre della piccola e hanno disposto il sequestro della cartella clinica, della placenta e del cordone ombelicale. In futuro, potrebbe essere intrapreso anche l’esame autoptico.

In base a quanto esposto nella denuncia presentata dai genitori, durante la gravidanza non era emersa alcuna problematica nei controlli effettuati. Tuttavia, le circostanze sono rapidamente precipitate una volta che la madre è stata ricoverata in ospedale a seguito della rottura delle acque. Con il passare del tempo, si è avvertito un peggioramento della situazione caratterizzato da forti contrazioni e copiose perdite di sangue. Divenuta sempre più preoccupata, la donna ha cominciato a rendersi conto della gravità della situazione ed ha inviato messaggi allarmati al marito. Questi ultimi sono stati poi analizzati dai pubblici ministeri capitolini.

Quando la piccola Valentina, così come i genitori avevano deciso di chiamarla, è nata attraverso un parto cesareo, era purtroppo già troppo tardi. La neonata è infatti morta dopo pochi minuti. Nel corso di un’audizione lunga tutta la mattinata, la giovane madre ha confermato i fatti accaduti. Al termine della testimonianza, la donna era visibilmente scossa.

Ora i genitori, assisiti dagli avvocati Stefania Rondini e Andrea Calderoni, cercano chiarezza. “Ciò che desta perplessità è il fatto che si trattava di una gravidanza senza problemi – spiega Rondini – La mamma è una giovanissima ragazza, con tante aspettative, aveva completamente allestito casa per la nascita della figlia, e invece all’improvviso, senza alcuna avvisaglia, è avvenuto l’irreparabile. Combatteremo fino alla fine per l’accertamento dei fatti e delle eventuali responsabilità”, prosegue l’avvocato Stefania Rondini. “Questa tragica vicenda ha lasciato anche me, come donna, molto turbata”.

Fonte

Continua a leggere

News

A Rocca di Papa c’è un Toro in libertà: La paura fra i cittadini. Video

Pubblicato

il

Toro in libertà a Rocca di Papa: spavento tra i cittadini

La pagina social “Welcome to favelas” è stata ancora una volta la fonte dell’allerta comunicando attraverso un video la presenza di un toro di notevoli dimensioni che si aggirava per le strade. La scena si svolgeva nei pressi di Rocca di Papa, dove l’imponente bovino si faceva largo tra le auto in movimento.

Solo un mese fa, nella stessa zona, un altro toro aveva causato un incidente immettendosi improvvisamente sulla strada, di fronte a un automobilista che non è riuscito a frenare in tempo. Il veicolo è stato distrutto ma, fortunatamente, il conducente non ha subito gravi conseguenze.

Gli avvistamenti di tori diventano un evento quotidiano nell’area, sollevando nuovamente la questione della sicurezza per chi viaggia o si trova nelle vicinanze.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Welcome to Favelas (@welcometofavelas_4k)

Continua a leggere

Attualità

Rifiuto del Campidoglio all’intitolazione a Navalny della via sede dell’ambasciata russa

Rifiuto del Campidoglio all’intitolazione a Navalny della via sede dell’ambasciata russa

Pubblicato

il

Rifiuto del Campidoglio all’intitolazione a Navalny di via sede ambasciata russa

Il Campidoglio ha negato il requesto. Il consiglio comunale ha bocciato la mozione presentata da Italia Viva e sostenuta dai Radicali. L’idea era di chiedere al sindaco Roberto Gualtieri di dedicare Via Gaeta, che ospita la sede dell’ambasciata russa in Italia, ad Alexei Navalny.

Alexei Navalny è l’oppositore russo di Putin che, tragicamente, è morto in prigione in Siberia. A seguito della sua morte, la moglie Yulia Borisovna ha espressamente dichiarato: “Non è morto, è stato ucciso”.

Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

Ardea, uccisi due cani a colpi d’arma da fuoco, minacciate persone che tentavano il soccorso

Ardea, uccisi due cani a colpi d’arma da fuoco, minacciate persone che tentavano il soccorso

Pubblicato

il

Ardea, uccisi due cani a colpi d'arma da fuoco, minacciate persone che tentavano il soccorso

Due cani vaganti sono stati uccisi da due uomini armati di fucile a Ardea, una località nella periferia estrema di Roma.

Il caso si è verificato lunedì scorso in via Enotria, un’area rurale tra Valle Caia e il Villaggio Ardeatino. I due cani, meticci con aspetto simile a quelli dei pastori tedeschi, erano soliti vagare nelle campagne intorno alle case della zona. Questa abitudine sembra aver infastidito un residente di circa 60 anni che ha reagito violentemente quando i cani hanno invaso la sua proprietà.

Questi ha quindi coinvolto un vicino ed entrambi hanno sparato ai due cani nonostante i tentativi dei residenti di fermarli e salvare la vita degli animali. Gli uomini hanno poi puntato i loro fucili contro i vicini che sono stati costretti a chiamare il numero unico di emergenza 112.

I residenti hanno raccontato al telefono che i due uomini stavano sparando ai cani e minacciando loro stessi. Al loro arrivo, i carabinieri hanno trovato i due uomini ancora armati. Le loro armi, legalmente detenute per la caccia, sono state sequestrate in via precauzionale. Uno dei due uomini aveva ancora le mani sporche di sangue e ci sono state segnalazioni di altre tracce ematiche sul terreno. Gli uomini sono stati denunciati.

Gli investigatori hanno cercato di rintracciare i corpi dei cani senza successo. Stando al resoconto di alcuni testimoni, sembra che i corpi dei due animali siano stati avvolti in sacchetti neri e rimossi dalla scena. L’uomo di 60 anni potrebbe essersi sbarazzato dei corpi in campagna, lontano da occhi indiscreti per evitare che i carabinieri li trovassero.

Secondo alcuni resoconti, l’uomo non era in casa quando i carabinieri sono arrivati. Poco prima, si sarebbe allontanato in auto nonostante uno dei vicini avesse cercato di fermarlo con una mazza da baseball. L’uomo non si è fatto intimidire, ha premuto l’acceleratore e se n’è andato, per ritornare solo quando i carabinieri erano già sul posto.

Questo brutto evento è ancora avvolto nel mistero e gli investigatori hanno ancora molto da esaminare. Nel frattempo, l’incidente è stato condannato dalle associazioni di protezione di cani e gatti, che ricordano che l’uccisione di un animale è un reato. “Se ci sono cani vaganti che possono rappresentare una minaccia per gli abitanti di un quartiere,”, avvertono i volontari delle associazioni, “è sufficiente chiamare la polizia locale, i carabinieri o le associazioni del territorio che possono catturarli e metterli in sicurezza. Non serve ucciderli”.

Fonte

Continua a leggere

Roma e dintorni

Daino trovato morto in via Maiori intrappolato in una porta di calcio. foto

Pubblicato

il

Daino trovato morto in via Maiori intrappolato in una porta di calcio. foto

Un daino è stato trovato senza vita nelle vicinanze del parco giochi in via Maiori, a Fregene. Secondo quanto riportato, si trattava di un esemplare maschio adulto che era rimasto impigliato con le corna nella rete di una porta da calcio. È ipotizzabile che il daino abbia subito un malore a causa degli sforzi fatti nel tentativo di liberarsi dalla trappola.

La carcassa è stata successivamente rimossa dalla zona da una ditta autorizzata dalla ASL e dal Comune di Fiumicino. Da diversi anni, nei dintorni di Fregene, vive una numerosa colonia di daini. Purtroppo, non sono rari gli incidenti che coinvolgono questi animali, specialmente lungo via della Veneziana, dove si sono verificati incidenti stradali che hanno causato la morte o il ferimento degli animali e danni alle automobili.

Gli incontri con i daini non si limitano alle strade, poiché spesso gli animali si avventurano anche nel centro abitato e persino sulla spiaggia, talvolta in gruppi consistenti. Fonte

Daino trovato morto

Continua a leggere

Roma Sud

Cinghiale nel cortile: veterinari lo immobilizzano con un sedativo

Cinghiale nel cortile: veterinari lo immobilizzano con un sedativo

Pubblicato

il

Cinghiale nel cortile: veterinari lo immobilizzano con un sedativo

Nel Quadraro, un quartiere a sud-est di Roma, è stato avvistato un cinghiale di grossa taglia all’interno di un cortile condominiale. In risposta a questo avvistamento, sia i vigili urbani che gli agenti di polizia della questura di Roma si sono precipitati sul luogo. Seguendo le procedure standard, le forze dell’ordine hanno fatto intervenire i veterinari. Quando sono arrivati sul posto, i veterinari hanno immobilizzato l’animale, somministrandogli un sedativo.

Un video dell’incidente è stato condiviso su Instagram, nel profilo del collettivo Welcome to Favelas. In seguito a questo avvistamento, Roma Capitale ha emesso una serie di indicazioni sul suo sito web per coloro che potrebbero incontrare un cinghiale. La prima regola è di non disturbare l’animale, di non avvicinarsi e di allontanarsi lentamente, evitando di voltare le spalle all’animale.

Le istruzioni continuano con un avvertimento specifico per coloro che si trovano a passeggio con il proprio cane. Se il cane non è al guinzaglio, la raccomandazione è di richiamarlo immediatamente, mettergli il guinzaglio e impedirgli di minacciare il cinghiale. Questo perché, per il cinghiale, un cane è visto come un predatore e una minaccia, cosa che potrebbe spingerlo a reagire attaccando. Se una persona si trova tra il cinghiale e il cane, potrebbe anche essere attaccata dall’animale.

Contemporaneamente, si è verificata una protesta degli agricoltori a Roma, con i trattori che si dirigevano nell’area. Il loro messaggio era che Meloni, un politico di spicco, dovesse provvedere a pagare loro gli stipendi e le bollette.

Infine, la terza regola fornita da Roma Capitale è di garantire sempre una via di fuga per l’animale. I cinghiali tendono ad allontanarsi dall’uomo e diventano pericolosi solo se feriti o incapaci di fuggire. È quindi essenziale, secondo le indicazioni, non ostacolare mai una possibile via di fuga per l’animale.

Fonte

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA