Seguici sui Social

Attualità

Zampa (Pd): Governo Meloni lucrato sul Covid per voti no vax, colpa sua se nessuno si vaccina

Pubblicato

il

Zampa (Pd): Governo Meloni lucrato sul Covid per voti no vax, colpa sua se nessuno si vaccina

La senatrice Sandra Zampa, capogruppo del Pd in commissione Sanità ed ex sottosegretaria alla Salute, ha espresso preoccupazione riguardo al nuovo aumento dei casi di Covid in Italia, attribuendo la colpa del basso tasso di vaccinazioni alle forze di maggioranza e a molti esponenti del governo. Nonostante sia consigliata una nuova dose per gli over 60 e le persone vulnerabili, i tassi di copertura vaccinale sono bassi, come evidenziato dalla fondazione Gimbe. Questa situazione ha portato ad un aumento dei ricoveri e dei decessi. Il governo Meloni si è riunito con le Regioni per affrontare la situazione, proponendo anche il ritorno degli open day vaccinali.

Secondo Zampa, il basso tasso di vaccinazioni è da attribuire alla mancanza di chiarezza e determinazione del governo nel promuovere il piano vaccinale e nel convincere gli ultrasettantenni ad aderire alla vaccinazione. Si esprime anche preoccupazione riguardo alla diffusione di dubbi e incertezze nella popolazione, attribuendone la responsabilità all’operato del governo.

Zampa critica il governo Meloni per aver gestito in maniera inefficiente la campagna vaccinale, sottolineando la mancanza di iniziative e promozione da parte delle Regioni e del governo, portando l’esempio della Lombardia dove i cittadini sono costretti ad attivarsi autonomamente per ottenere il vaccino.

Rispetto alle misure da adottare, Zampa non ritiene necessario introdurre nuove restrizioni, ma suggerisce l’obbligo della mascherina in certi contesti. Infine, esprime preoccupazione riguardo alle vittime del Covid e sostiene che il governo abbia fatto del male alla popolazione.

Fonte

Pubblicità

Attualità

Blitz femminista nella metro di Roma: “Sorella non sei sola”, scritte rosa su muri e vagoni

Pubblicato

il

Blitz femminista nella metro di Roma: “Sorella non sei sola”, scritte rosa su muri e vagoni

Il tardo pomeriggio di oggi, circa cinquanta ragazze e giovani donne hanno fatto irruzione nella metropolitana di Roma. Armate di bombolette spray, hanno scritto sui muri e sui treni delle stazioni, inclusa la linea B di Laurentina. Le scritte includevano messaggi come “Sorella non sei sola”, “Meno polizia, più transfemminismo” e “Le streghe son tornate”. Questo blitz è avvenuto una settimana esatta dall’8 marzo, la Giornata internazionale della donna, e è stato firmato da Assemblea Aracne, un’assemblea trasfemminista studentesca romana.

Le forze dell’ordine sono state allertate non appena è stato notato l’evento e sono immediatamente arrivate sulla scena. Le ragazze sono state fermate e identificate. L’assessore Luca Blasi di Sinistra Italiana del III Municipio di Roma ha commentato che le cinquanta ragazze, tutte minorenni, erano parte di un collettivo trasfemminista e sono state fermate da un massiccio dispiegamento di forze dell’ordine.

Dopo l’intervento della polizia, Atac ha diffuso un comunicato in cui ha dichiarato che il gruppo di persone, alcune con il viso coperto da passamontagna, ha vandalizzato stazioni e treni tra Laurentina e Piramide. Atac ha allertato le forze dell’ordine e ha annunciato che avrebbe avviato operazioni di pulizia e riordino dei mezzi e delle stazioni. Tuttavia, l’azienda ha anche sottolineato il rischio di non avere treni disponibili per il servizio il giorno seguente a causa di questi comportamenti incivili.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Okafor regala tre punti a Milan; Lazio perde 1-0 e chiude match in 8! 3 giocatori espulsi.

Pubblicato

il

Okafor regala tre punti a Milan; Lazio perde 1-0 e chiude match in 8! 3 giocatori espulsi.

Il Milan ha vinto 1-0 contro la Lazio grazie a un gol di Okafor all’88’. Con questa vittoria, il Milan sale a 56 punti e si avvicina alla Juventus. Durante la partita, tre giocatori della Lazio sono stati espulsi dall’arbitro Di Bello: Pellegrini, Marusic e Guendouzi.

La partita tra Lazio e Milan è stata intensa anche se non particolarmente bella. Nel primo tempo, Vecino ha sfiorato il gol per il Milan, mentre Maignan ha fatto un intervento controverso su Castellanos. Nel secondo tempo, Luca Pellegrini è stato espulso per doppia ammonizione al 58′, in seguito a una discussa decisione dell’arbitro. La Lazio ha continuato a giocare in inferiorità numerica dopo le espulsioni di Marusic e Guendouzi.

L’azione più spettacolare della partita è avvenuta all’88’, quando Okafor ha segnato il gol decisivo per il Milan. Nonostante il tentativo del portiere della Lazio, Provedel, di fermare il tiro, Okafor ha portato il Milan in vantaggio. La Lazio ha finito la partita in 8 dopo un’altra espulsione al 93′ e il Milan ha conquistato i tre punti salendo a 56 nel campionato.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Aurora Panci l’intervista, “Sono credente. Per tanti soldi ho rinunciato a questo”

Pubblicato

il

Aurora Panci intervista

Tutti parlano di lei e del suo gesto al limite della decenza. Un misto fra marketing e provocazione. Lei è Aurora Panci, 25enne intrattenitrice di Arezzo con la sua attività su OnlyFans e Instagram con quasi 70.000 follower. Qualcuno la definisce influencer ma forse non è questo il caso, soprattutto dopo quanto accaduto qualche giorno fa con il gesto di cui in tantissimi stanno commentando anche in maniera forse troppo volgare e violenta.

La Cronacadiroma.it ha intervistato Aurora Panci 

Lei è cristiana, credente o è andata mai in chiesa? “Si, sono di fede cattolica e sono sempre andata in Chiesa sin da piccola, ed ho sempre avuto pieno rispetto per tutte le fedi religiose. Nei miei desideri c’è sempre stato, in un futuro, anche quello di volermi sposare in Chiesa.

Da pet sitter in cerca di lavoro su Linkedin a Onlyfans il passo è lungo. Come mai questo salto così grande, solo per soldi? “Sicuramente i soldi sono necessari e importanti per tutti e sfido chiunque a dire il contrario, io ho sempre lavorato tantissimo tra Londra e Roma, ma ho anche sempre cercato una forma di espressione per la mia creatività artistica, e finalmente ho trovato uno dei modi per farlo”.

Aurora Panci intervista

Aurora Panci in uno scatto ‘esclusivo’

Con questa mossa di marketing tutta Italia parla di lei. Possiamo sapere come è composto il suo pubblico, i suoi follower che età hanno, che lavoro svolgono, genere sessuale, lei in grado di sapere chi sono i suoi clienti e se c’è qualcuno vicino alla chiesa? Non la definirei una mossa di marketing, ma piuttosto, come le ho appena detto, una forma di espressione della mia creatività. Se proprio vi piacesse, preferirei definirla una “provocazione artistica”. Non credo che tutta Italia parli di me, poiché ci sono sicuramente temi più importanti di cui parlare, non voglio comunque essere ipocrita e la visibilità fa sempre piacere. Per quanto riguarda il pubblico, è un pubblico molto vario e trasversale. Non sempre sono in grado di sapere chi sono gli utenti; quindi, non posso escludere che ci sia qualcuno vicino alla Chiesa”

I suoi genitori, parenti, amici che ne pensano del lavoro che svolge su Onlyfans e se hanno visto il video?  “Della mia vita privata preferisco mantenere riservatezza”. Lei come risponde alle accuse che le stanno piovendo addosso? “Sul punto dobbiamo fare chiarezza. Io non ho mai inteso offendere nessuna fede, né i credenti e/o religiosi o tantomeno i sacramenti cristiani. Per di più, non sono mai entrata realmente in chiesa, e non ero nemmeno sul sacrato, bensì sulla pubblica via. Ovviamente quella era una finzione, fa parte del mio personaggio. Tra l’altro nel video non si vede nessuna nudità e non offende nessuno”.

Chi preferisce fra la Meloni e la Schlein?Ovviamente ho le mie idee, ma non mi piace parlare di politica e preferisco lasciarlo fare agli addetti”. E poi magari domanda banale, ma non tutti lo possono sapere, di farci spiegare da lei in cosa consiste Onlyfans e cos’è la richiesta più strana che ha ricevuto, “I contenuti possono essere i più vari, non per forza nudità. Tra le richieste più strane che mi hanno sottoposto e che premetto mi sono categoricamente rifiutata di assecondare vi sono : 1) La richiesta di calpestare un crocifisso con i piedi invocando il nome di Gesù ; 2) Ho rifiutato una cifra importante su una richiesta di riprendermi mentre defecavo”.

Riproduzione Riservata se non citando lacronacadiroma.it

Aurora Panci intervista

Aurora Panci e quel visetto…

Continua a leggere

Attualità

Trova anello di diamanti a Corso Trieste, “Non voglio ricompensa”

Pubblicato

il

Trova anello di diamanti e lo restituisce: “Non voglio ricompensa”

Fanpage.it ha intervistato Linda Tabacchini, bibliotecaria di Villa Leopardi, che ha trovato e riconsegnato l’anello di diamanti perso dalla proprietaria a Corso Trieste. La donna ha dichiarato di non aver accettato alcuna ricompensa e di essere felice di aver restituito l’anello.

Linda Tabacchini ha trovato un anello di diamanti a Corso Trieste e lo ha riconsegnato alla proprietaria che lo aveva perso mentre faceva la spesa. L’anello, una veretta Damiani dal grande valore affettivo, è un regalo della madre e un gioiello di famiglia. Linda Tabacchini lavora come bibliotecaria a Villa Leopardi e è molto attiva nel quartiere.

La donna ha trovato l’anello per caso mentre tornava a casa dopo il lavoro. Dopo averlo mostrato alla sua famiglia, ha deciso di pubblicare un annuncio nel gruppo Facebook del quartiere per cercare il proprietario. Grazie al post, la proprietaria dell’anello è riuscita a ritrovarlo.

La restituzione dell’anello è avvenuta nella biblioteca di Villa Leopardi, dove la proprietaria si è presentata emozionata e grata. Linda Tabacchini ha dichiarato di essere contenta di aver reso felice la persona e che non ha accettato alcuna ricompensa per il gesto.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Petrolio per 540 milioni, affare saltato. Minacce del broker: “Ti faccio staccare la testa”

Pubblicato

il

Petrolio per 540 milioni, affare saltato. Minacce del broker: “Ti faccio staccare la testa”

Il broker Solis San Andres Jorge Edisson, coinvolto nell’inchiesta sulle mascherine dalla Cina, è stato accusato di aver minacciato un intermediario in un affare tra una compagnia petrolifera di Dubai e un’azienda messicana. Secondo l’inchiesta del pubblico ministero Francesco Basentini, Solis avrebbe agito come intermediario in un affare milionario in cui la compagnia petrolifera avrebbe dovuto fornire 120 milioni di barili di greggio in cambio di 520 milioni di euro, ma il petrolio non è mai stato consegnato. Il broker avrebbe minacciato l’altro intermediario di conseguenze per lui e la sua famiglia se non avesse ottenuto il denaro.

L’accusa sostiene che i due intermediari si siano incontrati a Roma per chiudere l’affare. Solis avrebbe minacciato l’altro broker e inviato video macabri in cui venivano mostrati omicidi commessi da soggetti messicani. La vittima ha deciso di denunciare Solis dopo essere stata minacciata anche nella sua stanza d’albergo. Solis è stato accusato di tentata estorsione e inizialmente gli è stato imposto il divieto di avvicinamento e l’obbligo di presentarsi alla polizia, misura poi ritirata dal giudice. Il broker ha sempre dichiarato la sua innocenza e di non aver minacciato la vittima.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Al Colosseo in ricordo di Mikis Mantakas, ragazzo ucciso nel ’75

Pubblicato

il

Croci celtiche al Colosseo in ricordo di Mikis Mantakas, attivista di destra ucciso nel ’75

Alcuni estremisti greci hanno esposto bandiere con croci celtiche davanti al Colosseo per ricordare Mikis Mantakas, attivista della Lega nazionale degli studenti greci in Italia e militante del Fronte universitario d’azione nazionale (Fuan) ucciso a Roma il 28 febbraio del 1975.

Mercoledì pomeriggio, decine di militanti di estrema destra si sono riuniti in via Ottaviano, davanti all’ex sezione del Msi dove Mantalas fu ucciso, per rendere omaggio a Mantakas. La commemorazione è stata organizzata dalla Rete dei patrioti, gruppo composto da alcuni fuoriusciti di Forza Nuova, e ha visto la partecipazione di estremisti italiani, ciprioti e greci.

Ieri, alcuni estremisti greci hanno esposto bandiere con croci celtiche davanti al Colosseo, con le fotografie delle bandiere che sono state pubblicate in diversi gruppi e chat di estrema destra.

L’omicidio di Mikis Mantakas avvenne il 28 febbraio del 1975, quando fu colpito da due proiettili davanti alla sezione del Msi di via Ottaviano a Roma. Gli autori dell’omicidio furono accusati di essere i militanti di Potere Operaio Alvaro Lojacono e Fabrizio Panzieri. L’omicidio si verificò durante un’udienza in tribunale relativa al processo per il rogo di Primavalle, in cui persero la vita Stefano e Virgilio Mattei. Durante una rissa davanti al Palazzo di Giustizia, alcuni attivisti antifascisti si spostarono verso la sede del Msi in via Ottaviano con l’intento di assaltarla, trovando al suo interno Mantakas e altri militanti di estrema destra.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Concorso ruolo tecnico carabinieri 2024: requisiti e domanda online.

Pubblicato

il

Concorso ruolo tecnico carabinieri 2024: requisiti e domanda online.

Il bando per il Concorso ruolo tecnico dell’arma dei carabinieri 2024 prevede il reclutamento di 17 tenenti da collocare in varie specialità dell’Arma. Tra i requisiti è necessario non avere superato i 32 anni di età e avere la laurea magistrale nell’ambito di competenza scelto. Il concorso pubblico è online dal 26 febbraio scorso e la data di inizio per la presentazione delle domande è scatta il giorno dopo ma c’è tempo un mese per presentare la propria candidatura e cioè fino al 27 marzo.

Il Concorso ruolo tecnico dell’arma dei carabinieri 2024 prevede il reclutamento di 17 tenenti suddivisi in 14 posti per civili e 3 posti per i militari dell’Arma dei Carabinieri appartenenti ai ruoli Ispettori, Sovrintendenti, Appuntati, Carabinieri, nonché ai paritetici ruoli forestali. I posti disponibili sono suddivisi in varie specialità, come medicina, veterinaria, psicologia, investigazioni scientifiche – fisica, telematica, genio, amministrazione e commissariato.

I requisiti per partecipare al concorso includono non aver superato i 32 anni di età (45 anni per i militari dell’Arma dei Carabinieri con almeno cinque anni di servizio e 34 per gli Ufficiali in Ferma Prefissata) e avere la laurea magistrale nell’ambito di competenza scelto, con relativi titoli abilitanti per alcune specialità. È inoltre necessario essere in possesso dell’abilitazione all’esercizio della professione relativa al titolo di studio richiesto.

La domanda per partecipare al concorso deve essere compilata e presentata online attraverso il portale web Concorsi online dei carabinieri. È necessario avere le credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) con livello di sicurezza 2. Il concorso prevede diverse prove, tra cui una eventuale prova di preselezione, una prova scritta, prove di efficienza fisica, accertamenti psico-fisici, accertamenti attitudinali, prova orale, prova facoltativa di lingua straniera e valutazione dei titoli di merito. È disponibile un’applicazione web “Simulatore concorsi” per preparare i candidati al superamento dei test delle prove di preselezione.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Bimbo ustionato con acqua bollente alla mensa asilo: condannate 4 maestre.

Pubblicato

il

Bimbo ustionato con acqua bollente alla mensa asilo: condannate 4 maestre.

Il processo contro cinque operatrici scolastiche si è concluso con quattro condanne e un’assoluzione. Le quattro maestre sono state condannate a una multa di seicento euro e a versare una provvisionale di tremila euro alle parti civili. Il fatto risale al 4 febbraio del 2019, quando un bambino è rimasto ustionato con dell’acqua bollente nella mensa della scuola materna a Vejano, in provincia di Viterbo.

Il processo ha visto imputate cinque operatrici scolastiche, di cui quattro maestre condannate e una cuoca assolta. Secondo l’indagine, al momento dell’accaduto il bambino si è ustionato mentre cercava di mangiare da solo, non sorvegliato adeguatamente. Le cicatrici delle ustioni sono ancora visibili sul corpo del bambino a distanza di cinque anni.

Dopo l’incidente nella mensa, i genitori del bambino hanno sporto denuncia e si sono costituiti parte civile con l’avvocato Mara Mencherini. La Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti per lesioni colpose, successivamente iscrivendo i nomi delle cinque operatrici scolastiche sul registro degli indagati.

Fonte

Continua a leggere

Attualità

Meteo Roma e Lazio 1 marzo: temporali e forte pioggia.

Pubblicato

il

Meteo Roma e Lazio 1 marzo: temporali e forte pioggia.

Le previsioni del meteo a Roma e nel Lazio per oggi, venerdì 1 marzo, annunciando forte pioggia e temporali. Secondo gli esperti di Il Meteo.it, venerdì sarà una giornata di allerta meteo gialla a causa di una forte circolazione ciclonica che sta interessando il Mediterraneo e l’Italia. Le precipitazioni saranno diffuse, con piogge in pianura e nevicate sugli Appennini a quote sopra i 1300-1400 metri. Le temperature massime raggiungeranno i 14 gradi, mentre le minime resteranno stabili.

Il tempo dovrebbe migliorare nel weekend, con piogge deboli e abbondanti fino a 8 millimetri solo nella serata di domenica. Tuttavia, lunedì è previsto un ulteriore peggioramento con temporali, schiarite e piogge. Le temperature massime si manterranno intorno ai 12-15 gradi per almeno la prossima settimana.

Nel dettaglio, le previsioni del meteo per Roma oggi, venerdì 1 marzo, indicano un cielo poco nuvoloso di notte, temporali al mattino, piogge nel pomeriggio e nuovamente temporali la sera. Le temperature oscilleranno tra i 10 gradi di minima e i 13 gradi di massima, con vento da debole a moderato.

Anche gli altri capoluoghi di provincia del Lazio saranno interessati da maltempo, con temporali e piogge pesanti alternati a schiarite. Le temperature massime varieranno tra i 6 e gli 11 gradi a Frosinone, tra i 10 e i 13 gradi a Latina, tra i 7 e gli 11 gradi a Rieti e tra i 7 e i 12 gradi a Viterbo.

Fonte

Continua a leggere

Mondo

Gaza spari sulla folla affamata. 112 palestinesi uccisi mentre prendevano gli aiuti umanitari. VERGOGNA!

Pubblicato

il

“Spari a Gaza: 112 morti. Usa chiedono risposte” – Notizie – Ansa.it

Una nuova strage si è verificata a Gaza nel 145° giorno di guerra, ma le versioni di Hamas e Israele sono diverse. Hamas ha denunciato che 112 palestinesi sono stati uccisi e altri 760 feriti nel nord della Striscia, affermando che l’esercito israeliano ha sparato contro di loro mentre erano in fila per ricevere aiuti umanitari. L’Idf ha respinto quest’accusa, affermando che ci sono stati due episodi distinti, con la maggior parte delle vittime causate dalla folla nel primo episodio.

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite si riunirà in seduta a porte chiuse per discutere della situazione a Gaza. Le reazioni internazionali si sono moltiplicate, con gli Stati Uniti considerando gli spari a Gaza come un “incidente grave”. Il presidente Biden ha detto che il suo governo sta esaminando le varie versioni sugli spari e che non ci sarà probabilmente un cessate il fuoco lunedì.

Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha chiesto risposte a Israele riguardo agli eventi a Gaza e ha sottolineato l’importanza di proteggere la distribuzione degli aiuti umanitari. Il Pentagono ha confermato la gravità della situazione nella Striscia e ha espresso preoccupazione per il numero di civili morti.

Hamas ha avvertito che gli spari a Gaza potrebbero compromettere i negoziati per la tregua e per la liberazione degli ostaggi. Il presidente dell’Autorità Nazionale Palestinese ha condannato l’attacco come uno spregevole massacro compiuto dall’esercito israeliano. Anche l’Egitto ha condannato l’attacco e ha chiesto il rispetto del diritto internazionale e umanitario.

In Italia, il presidente del Consiglio Meloni ha espresso profonda preoccupazione per quanto accaduto a Gaza e ha chiesto un immediato cessate il fuoco e la liberazione degli ostaggi. Il segretario generale dell’Onu ha condannato la strage a Gaza e ha chiesto l’immediato cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi.

Israele ha dichiarato che la folla ha saccheggiato gli aiuti umanitari, rappresentando una minaccia per le truppe. Il ministro della Sicurezza nazionale israeliano ha proposto di fermare la fornitura di aiuti umanitari a Gaza. Il leader di Hamas ha dichiarato che gli israeliani sono dove li vogliono.

Pacchi di aiuti umanitari lanciati verso Gaza sono caduti in territorio israeliano. Gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di lanciare aiuti a Gaza da aerei. Il premier Netanyahu ha dichiarato che non si sa se ci sarà un accordo con Hamas nei prossimi giorni.

Fonte

Continua a leggere

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA