Reddito di cittadinanza a carcerati e finti conviventi: CC in azione a Tor Bella Monaca

Reddito di cittadinanza a carcerati e finti conviventi: nuovi casi di furbetti del sussidio scoperti dai Carabinieri nel VI Municipio

Reddito di cittadinanza a carcerati e finti conviventi. Scoperti a Tor Bella Monaca nuovi casi di sussidio percepito senza diritto. Tra i beneficiari, oltre a soggetti sotto custodia cautelare, anche alcuni dei loro familiari. Si tratta, nello specifico, di persone finite in manette nell’ambito dell’imponente operazione antidroga avvenuta nel quartiere alla fine dello scorso aprile. In alcuni casi, i ‘furbetti’ avrebbero prodotto dichiarazioni mendaci, affermando di vivere sotto lo stesso tetto e di possedere altri requisiti (che in realtà non avevano) necessari ad ottenere il reddito. 6 persone in totale, che si sono beccate una denuncia da parte dei Carabinieri del Comando provinciale capitolino e dell’Ispettorato del Lavoro. Per tutte l’accusa è aver beneficiato indebitamente della misura contro la povertà. Secondo gli inquirenti, infatti, quando hanno inoltrato la domanda per l’ottenimento, avrebbero ‘dimenticato’ di dichiarare lo sconto di pena detentiva da parte dei congiunti. Altri avrebbero invece comunicato di convivere con persone risultate poi non facenti parte della loro famiglia.