Seguici sui Social

Attualità

Caldaie a gas, accordo in UE sullo stop: ecco cosa cambia

Pubblicato

il

Caldaie a gas, accordo in UE sullo stop: ecco cosa cambia

Stop caldaie a gas, c’è la data. La questione è al centro della direttiva sulle ‘case green’, sulla quale nelle ultime ore Consiglio e Parlamento Europeo hanno raggiunto l’intesa. Ma vediamo nel dettaglio quali sono i punti chiave del testo.

Innanzitutto premettiamo che esso è molto diverso da quello circolato nelle scorse settimane. Questo perchè i vertici di Bruxelles sono stati costretti a scendere a patti con quei paesi, tra cui l’Italia, che non hanno un’anima marcatamente ecologica.

Comunque, ogni Stato membro dell’Unione si è impegnato ad avere un parco residenziale a consumo energetico sempre più ridotto. Il calo, sotto questo punto di vista, è stato stabilito al 16% nel 2030 e al 26% nel 2035. A circa metà di questi dati, più precisamente al 55%, si dovrà giungere ristrutturando gli edifici a scarso rendimento.

Inoltre nei piani nazionali di ristrutturazione edilizia andrà inserita una tabella di marcia verso l’eliminazione totale delle caldaie a combustibili fossili. Il termine ultimo per raggiungere l’obiettivo è stato fissato a entro il 2040.

Quanto invece agli edifici di nuova costruzione, entro il 2030 dovranno essere a zero emissioni. Che entro il 2050 dovranno essere portate sull’intero patrimonio edilizio esistente. I nuovi edifici, quelli pubblici e quelli non residenziali in ristrutturazione autorizzata dovranno infine dotarsi di idonei impianti di energia solare.

Fonte

ARTICOLI PIU'LETTI DELLA SETTIMANA